Benessere

attività fisica

Attività fisica, con 30 minuti al giorno si prevengono 40 malattie

esercizio

L'attività fisica è uno dei migliori medicinali al mondo. A ricordarlo è l'American college of sports medicine (Acsm), secondo cui con il movimento è possibile prevenire più di 40 patologie croniche. Basta, infatti, camminare per 10 minuti per stimolare la sintesi di endorfine, molecole che contrastano stress, nervosismo, tensioni e stanchezza. Passando a 30 minuti di esercizio al giorno si riduce il rischio di raffreddori e influenza, di glaucoma e di Alzheimer. Non solo, mezz'ora di attività fisica quotidiana protegge il cuore aumentando la frequenza dei suoi battiti, migliorando la circolazione sanguigna e la pressione, potenzia i muscoli di braccia, schiena, gambe e addome, migliora l'equilibrio, riduce il rischio di osteoporosi e, nelle donne, quello di cancro al colon, e permette di bruciare più grassi di quanto non si riuscirebbe a fare correndo.

“L'attività fisica è un farmaco meraviglioso e recenti studi dimostrano che, messi a confronto, medicinali ed esercizio possono dare identici risultati”, spiega Bob Sallis, in passato presidente dell'Acsm. Per poter beneficiare di tutti i suoi effetti positivi è però necessario garantirsi le giuste dosi di movimento, pari ad almeno un'ora al giorno finché si è bambini e a 150 minuti alla settimana in età adulta. La scelta migliore è suddividere il totale di ore di movimento in 30 minuti al giorno per 5 giorni. Si può iniziare camminando, per poi aumentare l'attività fisica unendo esercizi aerobici, di rafforzamento muscolare e di stretching.

“Molti studi dimostrano che aggiungere 10 minuti di attività fisica al giorno dà già benefici per la salute”, precisano gli esperti dell'Acsm. Tuttavia, se si vuole dimagrire i minuti di esercizio devono essere raddoppiati a 300 alla settimana. A beneficiarne sarà anche l'umore. “Camminare inoltre fa sentire meno soli, fa socializzare. Basta provare, lo sport diventa contagioso”.

14 gennaio 2014
TAG
attività fisica - prevenzione primaria - prevenzione - salute

Articoli correlati