• Bovini e suini: novembre all'insegna della debolezza

    Print
    Ricoveri suini

    Il mese di novembre si apre con quotazioni ancora stabili per i broutards francesi, caratterizzati un'offerta in aumento per via delle condizioni climatiche in progressivo peggioramento che stanno inducendo gli allevatori d'oltralpe a vendere. La domanda italiana invece rimane stabile, per cui nelle prossime settimane si potrebbe avere qualche lieve cedimento. È quanto emerge dal bollettino settimanale di Ismea dedicato ai mercati e ai prezzi. Per il comparto dei bovini da macello, prezzi ancora cedenti per manze, vacche e vitelloni. Ad una domanda segnalata in crescita fa capo un'offerta di capi di buona qualità che sta diminuendo, per cui gli operatori prevedono ed auspicano a breve una inversione di tendenza. Nel mercato delle carni – si legge nelle eleborazione dell'Istituto -, si registra una lieve ripresa delle quotazioni dei tagli di vitello e vitellone, da imputare ad un'offerta che al momento è in calo e a cui si contrappongono una domanda stabile e macellazioni in linea con la stagione.

     

     

    Il comparto dei suini di allevamento si aprie in calo anche all'inizio di novembre, come si evince dalle stime raccolte da Ismea. Stazionari i magroni di 80/100 kg. Per i suini da macello la settimana ha registrato ancora il segno positivo chiudendo la quotazione a 1.42/1.43euro/kg. A fine settimana la Borsa di Parma ha espresso, dopo il non quotato della scorsa, prezzi indicativi con la quotazione per la taglia classica a 1.42euro/kg. La rilevazione della CUN per la prossima settimana segna comunque un andamento sostanzialmente stabile. Anche questa rilevazione è stata decisa dal Segretario con un prezzo stabilito tenendo conto delle richieste espresse dalle controparti e che si aggira fra 1.417 e 1.427 euro/kg. La rilevazione dei tagli ha segnalato un andamento assolutamente stabile e questa situazione di calma nel comparto dei tagli influenza l'andamento del vivo pur in un contesto di relativo equilibrio di domanda e offerta. Il comparto suinicolo sta attraversando ancora un periodo di crisi nonostante i dati dell'export siano ancora positivi, ma non più in grado di compensare la grave situazione interna

     

    co.col. 28-11-2014 Tag: mercatoprezzizootecniaeconomiaallevamentibovinisuini
Articoli correlati
  • Suini, dalla Cina via libera alle esportazioni dall’Italia

    Disco verde per alcuni prodotti suinicoli italiani verso la Cina. Le relazioni commerciali tra i due Paesi ricevono un nuovo impulso dopo la decisione delle autorità doganali di Pechino sull’export di carni suine congelate e sottoprodotti della...

    16-08-2019
  • Peste africana, in Asia persi cinque milioni di suini

    In Asia è strage di suini. La peste suina africana ha comportato l’abbattimento o il decesso di quasi cinque milioni di capi d’allevamento, con perdite economiche rilevanti. La Fao è intervenuta per sostenere i Paesi colpiti e limitare...

    14-08-2019
  • Agricoltura, nel 2018 produzione in ripresa. Italia leader in Europa

    I dati Istat appena resi noti relativi all’andamento del settore agricolo e dell’industria alimentare nel 2018 confermano diverse tendenze in atto già da tempo e ne evidenziano alcune nuove. Dopo i dati negativi del 2017, l’agricoltura...

    05-08-2019
  • Commodity alimentari, a luglio prezzi in leggero calo

    Stabile la carne, in netto calo cereali e prodotti lattiero-caseari. La Fao ha rilevato una riduzione dei prezzi delle principali commodity alimentari include nell’Indice Fao dei Prezzi Alimentari. A luglio il valore è stato di 170,9 punti, con una...

    04-08-2019
  • Come gestire una stalla da 20.000 Kg?

    Quando pensiamo al futuro della zootecnia da latte, immaginiamo stalle con performance medie per vacca ben lontane da quelle, pur ragguardevoli, ottenute attualmente. La media delle venti stalle più produttive d’Italia del 2018 è stata di...

    29-07-2019