Ricerca

muscoli

Muscoli, ora quello artificiale riesce a riparasi da solo

muscoli

Muscoli prodotti in laboratorio in grado di ripararsi da soli: li hanno ottenuti i ricercatori della Duke University di Durham, negli Stati Uniti, che in esperimenti condotti sia in vitro che nei topi hanno dimostrato che oltre ad avere un aspetto del tutto simile a quello dei muscoli naturali si contraggono efficacemente e rapidamente, si integrano velocemente nei tessuti dei topi in cui vengono trapiantati e se vengono danneggiati si riparano da soli.

Come illustrato sulle pagine della rivista Pnas, rispetto ai muscoli prodotti fino ad oggi in laboratorio queste nuove fibre scheletriche sono 10 volte più forti. La loro peculiarità più interessante è però proprio la capacità di rigenerarsi, resa possibile dalla presenza di un particolare tipo di staminali dei muscoli, le cellule satelliti, sempre pronte ad attivarsi in caso di danneggiamento per dare via al processo di rigenerazione. “Il muscolo ben sviluppato che abbiamo prodotto fornisce alle cellule satelliti una nicchia in cui vivere e, quando necessario, ripristinare una robusta muscolatura e la sua funzionalità”, spiega Mark Juhas, primo autore dello studio.

La capacità di autoriparazione è stata dimostrata attraverso l'uso in vitro di una tossina del veleno di serpente. Gli studi condotti nei topi hanno invece dimostrato la capacità del muscolo di crescere e diventare più forte dopo essere stato trapiantato. “Abbiamo potuto vedere e misurare in tempo reale la crescita dei vasi sanguigni nelle fibre muscolari impiantate – racconta Juhas – che maturano per raggiungere la stessa forza della loro controparte naturale”. Ora i ricercatori si concentreranno nelle verifiche necessarie per capire se questi muscoli possono essere utilizzati per riparare danni causati da traumi o malattie. “Possono vascolarizzare, innervare e riparare la funzione del muscolo danneggiato?” si chiede Nenad Bursac, responsabile dello studio. “Questo è quello su cui lavoreremo negli anni a venire”.

 

Foto: Duke University

03 aprile 2014
TAG
muscoli - danni muscolari - trapianti muscolari

Articoli correlati