• Efsa definisce le soglie di ferro all’interno dei mangimi

    Print
    %c2%a9 branex   fotolia.com 8 allevamenti animali

    La quantità di ferro presente nei mangimi di bovini e pollame dovrebbe essere ridotta da 750 a 450 mg al giorno. Quella presente nei cibi destinati agli animali domestici dovrebbe, invece, essere abbassata da 1.250 a 600 mg al giorno. È quanto afferma il Gruppo di esperti scientifici sugli additivi e le sostanze o i prodotti usati nei mangimi (Feedap) dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), nel documento: “Scientific Opinion on the safety and efficacy of iron compounds (E1) as feed additives for all animal species: ferrous carbonate based on a dossier submitted by Ankerpoort N.V.”.

    Il Feedap afferma che la presenza di additivi contenenti ferro nei mangimi è sicura fino a un contenuto massimo di:
    250 mg di ferro al giorno per i suinetti, fino a una settimana prima dello svezzamento,
    450 mg/kg per i bovini e per il pollame;
    500 mg/kg per gli ovini;
    600 mg/kg per animali domestici;
    750 mg/kg per le altre specie o categorie, ad eccezione di cavalli e pesci.

    Il Gruppo precisa che non è stato possibile individuare la concentrazione massima di sicurezza di ferro all’interno dei mangimi per cavalli e pesci. Pertanto, provvisoriamente, precisa che il valore attuale di 750 mg/kg potrebbe essere mantenuto.

    Gli esperti ritengono improbabile che il ferro proveniente dal carbonato ferroso possa modificare la concentrazione del materiale nella carne o nei prodotti di origine animale. Pertanto, non hanno rilevato nessun fattore preoccupante per la sicurezza dei consumatori nel rispetto delle soglie indicate

    Foto: © branex - Fotolia.com

    Nadia Comerci 29-05-2015 Tag: EFSAfeedapferroadditiviprova mangimi
Articoli correlati
  • Fosfati negli alimenti, il nuovo parere dell'Efsa

    L’apporto complessivo di fosfati provenienti dagli alimenti potrebbe superare il livello di sicurezza fissato dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa). Lo rivela il parere scientifico: “Re-evaluation of phosphoric...

    28-06-2019
  • Efsa, contro antibiotico-resistenza un aiuto da sequenziamento genoma

    La tecnica del sequenziamento dell'intero genoma potrebbe rappresentare un alleata nella lotta contro l’antibiotico-resistenza in cibi e animali. Lo sostiene il rapporto: “Technical specifications on harmonised monitoring of antimicrobial resistance...

    08-06-2019
  • Efsa, residui di farmaci veterinari conformi ai livelli di sicurezza

    La presenza dei residui di farmaci veterinari e contaminanti negli animali e negli alimenti di origine animale è conforme ai livelli di sicurezza raccomandati. Lo rivela il rapporto: “Report for 2017 on the results from the monitoring of veterinary...

    19-05-2019
  • Additivi per mangimi, perfezionato programma per effettuare stime dell’esposizione

    La nuova versione di “Face” (Feed Additives Consumer Exposure) può incrementare la precisione delle stime dell'esposizione ai residui di additivi per mangimi. Lo comunica l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), precisando...

    01-03-2019
  • Efsa e Ecdc: antibiotico-resistenza in aumento

    L’antibiotico-resistenza continua a rappresentare un pericolo: gli antimicrobici usati per trattare malattie infettive per animali e uomini, come la campilobatteriosi e la salmonellosi, stanno perdendo efficacia. Lo sottolinea il rapporto: “The...

    28-02-2019