• A ottobre frena l'aumento delle quotazioni dei prodotti agricoli

    Print
    Mercato frutta verdura

    Stop all'aumento dei prezzi dei prodotti agricoli in ottobre. Dopo il rialzo dei due mesi precedenti, l'Indice dei prezzi agricoli all'origine calcolato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare) si ferma a 119 (2010=100) circa il 2,4% in meno rispetto a settembre. Resta, tuttavia, positivo il confronto rispetto al mese di ottobre 2014, che registra una crescita annua di 5,3%.

    L'Indice “core” elaborato dall'Istituto - che esclude dal calcolo i prodotti ortofrutticoli, che rappresentano le componenti meno stabili del mercato – ha raggiunto quota 114,9 (2010=100), circa lo 0,7% in meno rispetto a settembre. Il confronto su base annua segnala un livello dei prezzi invariato rispetto al mese di ottobre 2014 (+0,1%).

    Il comparto zootecnico registra un lieve adeguamento al rialzo dei listini, pari allo 0,3%. Il valore è il risultato degli avanzamenti dei prodotti lattiero-caseari (+0,3%) e del bestiame vivo (+0,4%), bilanciati da una tenue flessione delle uova (-0,1%).

    Il settore vegetale presenta una riduzione del 5,2% rispetto al mese precedente. Dopo i rincari rilevati a settembre, calano i prezzi degli ortaggi (-15,3%). Continuano a scendere le quotazioni dei cereali (-2%) e, in maniera più marcata, quelle degli oli d'oliva (-9,2%), influenzati dalle previsioni di una produzione in crescita. Crescono, invece, i prezzi di frutta (+9,5%), semi di soia (+3,7%) e vini. Questi ultimi, in particolare, con una crescita dell'1,7%, registrano l'incremento più consistente degli ultimi tre anni.

    Su base annua, la crescita del 5,3% è il risultato dell'apprezzamento delle coltivazioni (+11,3% rispetto a ottobre 2014) e dell'ulteriore cedimento dei prodotti zootecnici (-0,4%). Nel primo comparto, mantengono una dinamica inflativa gli oli di oliva (+26,7%), gli ortaggi (+46,1%) e i semi di soia (+3,8%). Invertono la tendenza, invece, frutta e cereali (rispettivamente -1,3% e -0,3%). Vini e colture industriali proseguono in negativo (-2,7 e -9,8%). In ambito zootecnico, all'aumento del 5,5% del bestiame vivo si contrappone una flessione di analoga entità dei prodotti lattiero-caseari (-5,3%).

    red. 23-11-2015 Tag: prezzi agricoliIsmeacerealicarnezootecniaprodotti lattiero-caseari
Articoli correlati
  • UE: nel 2018 produzione di carne bovina in lieve rialzo

    Nel 2018 la produzione di carne bovina nell’Unione Europea dovrebbe registrare un lieve incremento, pari allo 0,5%. Merito delle macellazioni di capi più pesanti e di giovani femmine non riutilizzate per la rimonta nella filiera del latte, secondo...

    20-07-2018
  • Igc: produzione di cereali in calo nella stagione 2018-19

    Nella stagione 2018-19 la produzione totale di cereali dovrebbe fermarsi a 2,077 miliardi di tonnellate, registrando un calo rispetto ai 2,09 miliardi di tonnellate del periodo 2017-18. Lo evidenzia il “Grain market report” pubblicato...

    20-07-2018
  • Benessere animale, garantirlo per la sostenibilità degli allevamenti

    Per parlare di benessere animale bisogna conoscere a fondo gli animali, soprattutto gli animali da reddito che oggi alleviamo. È necessario tenere presente l’evoluzione che vi è stata come conseguenza della selezione; gli animali di oggi sono...

    14-07-2018
  • Bovini da carne, cresciuta redditività degli allevamenti nel 2017

    Nel 2017 la redditività degli allevamenti di bovini da carne è cresciuta. Lo evidenzia il rapporto “Rilevazione dei costi per partita de bovino da carne” pubblicato dall’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo...

    14-07-2018
  • Bilancio sulla disponibilità di carni in Italia nel 2017

    La recente diffusione Istat dei risultati sul commercio estero di carni e animali vivi, dell’indagine campionaria sulle consistenze animali (bovini, bufalini, suini, ovini, caprini e suini) riferiti al mese di dicembre 2017, nonché i dati per lo...

    11-07-2018