Benessere

emozioni

Cuore o cervello? A svelare le emozioni è il battito cardiaco

cuore

Se è vero che le emozioni nascono nel cervello, lo è altrettanto che possono essere studiate anche cercandole nel cuore. A dimostrarlo è uno studio pubblicato su Scientific Reports da un gruppo di ricercatori coinvolti nel progetto europeo PSYCHE e guidati da Gaetano Valenza del centro di ricerca “E. Piaggio” del Dipartimento di Ingegneria dell'informazione. “Con il nostro studio abbiamo sviluppato un algoritmo matematico in grado di fornire attraverso la sola analisi dell'elettrocardiogramma una valutazione continua degli stati emozionali – ha spiegato Valenza – In pratica - ha precisato il ricercatore - data una certa dinamica cardiaca, siamo in grado di predire il battito successivo e comprendere quale emozione è stata provata dal soggetto sotto osservazione”. 

Con il loro studio, che ha coinvolto 30 partecipanti cui sono state mostrate immagini standard in grado di suscitare diversi tipi di emozione, Valenza e colleghi sono riusciti ad elaborare un modello matematico che permette di identificare lo stato emotivo di un individuo basandosi sul suo battito cardiaco. In questo modo i ricercatori sono riusciti a fare venire meno due limitazioni tipiche della maggior parte dei sistemi per il riconoscimento delle emozioni che sono stati disponibili fino ad oggi: la necessità di effettuare una serie piuttosto lunga di registrazioni di più variabili e l'impossibilità di caratterizzare accuratamente le emozioni in tempi brevi.

Oggi, invece, questo algoritmo potrebbe rivoluzionare l'approccio alla cura di patologie psichiatriche per la cui gestione vengono normalmente sfruttati questionari e interviste. Per il momento il progetto PSYCHE ha permesso di mettere a punto una “T-shirt intelligente” dotata di sensori ed elettrodi per monitorare costantemente le emozioni dei pazienti psichiatrici.

 

Foto: © Ekaterina Garyuk - Fotolia.com

17 giugno 2014
TAG
emozioni - cuore - cervello - holter

Articoli correlati