Ricerca

diabete

Diabete e colesterolo, il legame è in un derivato dello zucchero

diabete

Aumenta il rischio di aterosclerosi, ipertensione, ipercolesterolemia e riduce i livelli di colesterolo “buono”: in questo modo il diabete, patologia sempre più diffusa nelle società occidentali, mette in pericolo cuore e arterie. A cosa è dovuto questo legame? Secondo un nuovo studio dell'Università di Warwick, pubblicato su Nutrition and Diabetes, uno dei fattori ad entrare in gioco è la formazione di una molecola potenzialmente dannosa, il metilgliossale (MG), a partire dal glucosio. I ricercatori dell'ateneo britannico, guidati da Naila Rabbani della Warwick Medical School, hanno infatti scoperto che l'MG danneggia il colesterolo HDL (quello considerato “buono”), lo destabilizza e gli fa perdere le tipiche proprietà protettive nei confronti del sistema cardiovascolare.

Il colesterolo HDL è infatti importante perché rimuove l'eccesso di colesterolo presente nell'organismo. Tuttavia, i danni provocati a uno dei suoi amminoacidi dall'MG rende instabile l'HDL, promuovendone una rapida eliminazione che porta alla riduzione dei suoi livelli ematici o portando all'accumulo nel sangue di molecole non più funzionali.

In genere l'organismo tiene sotto controllo i livelli di MG grazie all'enzima gliossalasi 1 (Glo1), che converte il metilgliossale in una sostanza innacua. Purtroppo però con l'invecchiamento l'attività di Glo1 diminuisce e, di conseguenza, i livelli di MG aumentano. “Livelli insolitamente alti di MG vengono definiti 'stress dicarbonilico' – spiega Rabbani – Dopo aver capito in che modo l'MG danneggia l'HDL possiamo possiamo concentrarci sulla messa a punto di farmaci che riducano la concentrazione di MG nel sangue”. L'approccio utilizzato potrebbe però essere anche un altro. Glo1 Potrebbe infatti essere aumentato attraverso l'assunzione di integratori alimentari. Infatti come ricorda Rabbani “abbiamo bisogno di abbastanza Glo1 per tenere basso l'MG e mantenerci in buona salute”.

 

Foto: © Minerva Studio - Fotolia.com

03 settembre 2014
TAG
diabete - colesterolo - HDL

Articoli correlati