• Animali domestici, cosa fare quando bisogna lasciarli soli a casa

    Print

    I consigli per prendersene cura a distanza

    Cane e gatto

    Chi vorrebbe mai separarsi dal suo piccolo (o grande) amico a quattro zampe? Nessun padrone desidera lasciare il proprio gatto o il proprio cane da solo in casa per molte ore. Tuttavia, a causa del lavoro o di impegni improrogabili, spesso è necessario farlo. Ma niente paura, è possibile prendersi cura dei propri animali domestici anche a distanza. Ecco alcuni suggerimenti su come occuparsi di Fido e Micio quando si è costretti a stare fuori casa per diverse ore.

    1. Lasciare un'adeguata quantità di cibo e di acqua
    Anche per cani e gatti, un'alimentazione regolare è parte di un corretto stile di vita. Quando i padroni sono lontani, gli animali tendono a mangiare di più, perché si annoiano o s'innervosiscono. Quest'abitudine, a lungo andare, potrebbe danneggiarne la salute. Se a casa non c'è nessuno che possa nutrire le bestiole negli orari prefissati, si può ricorrere a un distributore di cibo automatico e programmabile, che per mezzo di un timer eroga il mangime a una determinata ora del giorno. Invece, per garantirne l'idratazione, si può ricorrere a dispenser d'acqua automatici, che offrono acqua fresca e pulita. Molti consigliano di utilizzare le fontanelle, che sarebbero anche in grado di stimolare cani e gatti a bere di più, favorendone la digestione.
    Grazie a questi dispositivi, è possibile essere sicuri che l'animale sarà ben nutrito e idratato, anche se il padrone si trova lontano da casa. Ma attenzione: quando si utilizzano, occorre seguire le istruzioni alimentari fornite dal veterinario e controllare la quantità di ogni porzione di cibo. Questo vale soprattutto per gli animali anziani, che potrebbero avere qualche chilo di troppo o soffrire di disturbi gastrici. Si consiglia, quindi, di regolare le impostazioni del distributore di mangimi in base all'età, alle dimensioni e al livello di attività dell'animale.

    2. Assicurarsi che gli animali possano effettuare i loro bisogni
    Quando non c'è nessuno che possa portare il cane fuori a fare una passeggiatina, occorre lasciarlo in condizioni di espletare i suoi bisogni fisiologici in un luogo adatto. Chi possiede un giardino recintato può lasciarlo tranquillamente lì (clima permettendo), ma chi vive in un appartamento dovrebbe individuare un'area – per esempio il terrazzo, o una zona recintata ricoperta di giornali – e addestrarlo a fare i bisognini soltanto in quel posto, non in giro per la casa.

    3. Tenere l'animale occupato
    Non occorre prendersi cura soltanto dei bisogni primari di cani e gatti: per garantirne il benessere bisogna anche stimolarli mentalmente e fisicamente. È consigliabile, quindi, lasciare a loro disposizione alcuni giochi specifici per animali, che li terranno impegnati per tutto il giorno e manterranno lontano la noia. Oltre ai giocattoli masticabili, ce ne sono alcuni diretti a stimolarne l'ingegno – come tubi allungabili e accorciabili -, mentre altri hanno lo scopo di mantenerli fisicamente attivi – come piccoli tunnel di tessuto, che possono essere tenuti anche in casa.

    4. Controllo a distanza
    Si può stare accanto al proprio animale anche a distanza. Le nuove tecnologie consentono, infatti, di controllarne i movimenti e di comunicare con loro anche da lontano. Per esempio, è possibile istallare alcune telecamere dentro casa, per monitorarne il comportamento. In commercio ce ne sono di piccole ed economiche, facili da installare, che si connettono con un'applicazione per smartphone: in questo modo è possibile vedere in tempo reale cosa combina il proprio animale attraverso il proprio telefonino. Sono in commercio anche dei dispositivi, che hanno la forma di un collare o di una medaglietta, che sono in grado di localizzare l'animale ovunque si trovi, perché dotati di GPS. Ma se si vuole anche interagire con il proprio amico a quattro zampe, si può ricorrere ai congegni dotati di videocamera, microfono e altoparlante, che permettono non solo di controllarne gli spostamenti, ma anche di parlarci e di rassicurarlo. In questo modo, l'animale si sente meno solo e ha meno probabilità d'innervosirsi.

    Nadia Comerci 22-11-2016 Tag: animali da compagniacanigattipet fooddistributore automatico di cibodispenser d'acqua
Articoli correlati
  • Proteine, vitamine e grassi: i bisogni nutrizionali dei gatti

    Le proverbiali sette vite dei gatti passano anche attraverso la giusta alimentazione. Affinché un gatto possa vivere il più a lungo possibile, e soprattutto in salute, deve assumere tutti i nutrienti di cui ha bisogno all'interno di una dieta varia...

    07-02-2018
  • Produzione mondiale di mangimi: nel 2017 superato 1 miliardo di tonnellate

    Nel 2017 la produzione internazionale di mangimi ha superato 1 miliardo di tonnellate per il secondo anno consecutivo. È quanto emerge dalla settima edizione dell’indagine “Alltech Global Feed Survey”, che ha analizzato 144 paesi e oltre...

    05-02-2018
  • Petfood, siglato accordo italo-cinese su export

    L’Italia e la Cina hanno siglato un accordo relativo all’esportazione di petfood made in Italy nel Paese asiatico. Lo comunica il Ministero della Salute, precisando che le autorità cinesi hanno accettato l’elenco degli stabilimenti...

    27-12-2017
  • Pet Food, l'alimentazione dei cani da caccia

    Dopo le giornate di pre-apertura, con l'apertura ufficiale in molte Regioni del 17 settembre è entrata nel vivo la nuova stagione venatoria. Il suo avvio coincide per i cacciatori con un graduale cambio delle abitudini alimentari dei cani impiegati nelle...

    13-11-2017
  • Cane, cosa fare quando perde l’appetito

    Mal di denti, mal d’auto o desiderio di cibi diversi: sono diversi i fattori che possono far perdere l’appetito al cane. Identificarli potrebbe essere fondamentale per capire se si tratta di un problema serio o di un “capriccio”...

    25-09-2017