Donna e Bambino

sbiluppo

Meglio parlare che leggere: così si promuove lo sviluppo dei bambini

lettura

Leggere ai bambini sin da quando sono molto piccoli è considerato un gesto importante per il loro sviluppo cognitivo, ma secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Child Language Teaching and Therapy non è sufficiente. I suoi autori, guidati da Suzanne Egan, psicologa dell'Università di Limerick, in Irlanda, hanno infatti scoperto che anche parlare continuamente ai piccoli mentre si svolgono altri compiti quotidiani, ad esempio le faccende domestiche, contribuisce all'aumento delle loro capacità comunicative e di risolvere i problemi.

Come spiegano i ricercatori nella loro pubblicazione, leggere ai bambini “incoraggia lo sviluppo del vocabolario, un'attitudine positiva nei confronti della lettura, così come rinforza il legame emotivo tra il bambino e il genitore. Leggere a bambini di età prescolare – sottolineano i ricercatori – può aiutare a rendere loro più semplice l'inizio della scuola e fornire un vantaggio nell'alfabetizzazione”. Per di più studi condotti in passato hanno dimostrato che rispetto ad attività solitarie come giocare alle costruzioni, leggere insieme al bambino gli offre la possibilità di sperimentare una condivisione dell'attenzione che facilita lo sviluppo rapido di capacità associate all'elaborazione della memoria e lungo termine, all'associazione tra parole e oggetti e alla risoluzione dei problemi.

Tuttavia, se la lettura aggiunge 1,35 punti alla capacità dei bambini di risolvere i problemi e 0,84 a quella di comunicare, parlare continuamente con loro porta ad aumenti, rispettivamente, di 4,11 e 3,66 punti, il tutto indipendentemente da fattori come l'educazione della mamma, il fatto di essere o meno allattati al seno e la presenza di fratelli o sorelle. “Leggere e parlare [ai bambini] quando hanno 9 mesi porta a maggiori proprietà di linguaggio quando hanno 3 anni – ha spiegato Egan – Avremmo potuto pensare che ci fosse un buon effetto per la lettura, magari maggiore che nel caso in cui si parla. Ma siamo rimasti sorpresi nel vedere che [parlare] aveva più che un piccolo impatto”.

 

Foto: © Oksana Kuzmina - Fotolia.com  

15 gennaio 2015
TAG
sbiluppo - capacità cognitive - bambini - genitori - leggere - parlare

Articoli correlati