• Carne bovina, lo stato del comparto in Italia

    Print

    Ismea pubblica la scheda di settore per l'allevamento bovino da carne

    Mucche bovini %c2%a9 sven grundmann fotolia.com

    Nel 2016 l'incidenza del settore bovino da carne sull’agricoltura è stata pari al 5,9%, mentre l'industria della carne bovina - caratterizzata da un fatturato di 5.870 milioni di euro - ha inciso per il 4,3% sull'industria alimentare. È quanto emerge dalla scheda di settore per la carne bovina pubblicata dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), secondo cui lo scorso anno si è anche arrestato il calo del consumo pro capite di carne bovina, che in 10 anni è passato da 25 a 17 Kg.

    Produzione nazionale - L’Istituto evidenzia che nel decennio 2006-2015 la produzione di carne bovina in Italia è diminuita del 9%, anche se nel 2016 i volumi sono tornati a crescere (+3,9% in peso e +5,6% in numero di capi). Il capitale bovino al 1° dicembre 2016 era di poco superiore ai 5,9 milioni di capi, di cui oltre 2 milioni per la filiera carne (tra questi solo 0,5 milioni appartenevano alle razze autoctone). Nello specifico, dal 2010 al 2016 le consistenze bovine sono cresciute dell’1,7% solo grazie all’incremento del patrimonio da latte, mentre quello da carne ha perso oltre l’8% rispetto al 2010, anche se nel 2016 è cresciuto del 2,1%. Secondo l’Ismea, il calo delle vacche nutrici (-19% sul 2010) - essendo correlato alla disponibilità di capi da ingrassare -, evidenzia la difficoltà nel prossimo futuro di ridurre il tasso di dipendenza dall’estero per i ristalli.

    Importazioni - Nel 2016 la debolezza della domanda si è tradotta in una flessione delle importazioni di carne. È aumentato l’import della Polonia, che si classifica al secondo posto dopo la Francia. Per quanto riguarda i capi di ristallo, lo scorso anno le importazioni sono cresciute del 6%. In questo caso il fornitore quasi esclusivo, con una quota dell’86%, resta la Francia.

    Domanda interna - I consumo domestici di carne rappresentano il 10,1 % del totale della spesa delle famiglie relativa al settore agroalimentare (2016). Le carni bovine costituiscono in valore il 44%
    del comparto. Il consumo pro capite di carne bovina è passato in 10 anni da 25 a 17 Kg, ma nel 2016 il calo si è arrestato. Nell’ultimo quinquennio la contrazione dei consumi di carne bovina è stato del 15%, ma nell’ultimo periodo è avvenuta per lo più a scapito della carne proveniente dall’estero, piuttosto che da quella di produzione nazionale. L’Ismea evidenzia, infine, che solo 86 famiglie su 100 hanno acquistato carne bovina almeno una volta all’anno, mentre nel 2012 erano 96 su 100.

    Previsioni per i prossimi anni - L’Istituto evidenzia il ruolo crescente in termini di produzione di Stati Uniti, Argentina, Brasile, ma anche dell’Asia. Nell’Unione Europea, invece, nel 2025 la produzione dovrebbe registrare un calo del 4% a causa della debolezza della domanda e dei costi di produzione poco competitivi.

    Foto: © Sven Grundmann - Fotolia.com

    redazione 24-07-2017 Tag: carnebovinizootecniaimportazioniproduzioneconsumi domestici
Articoli correlati
  • Agricoltura e zootecnia, con hard Brexit in Italia 9 mila posti di lavoro in meno

    L’uscita senza accordo del Regno Unito dall’Unione europea avrà ripercussioni sul Pil e sull’occupazione in molti settori degli altri Paesi europei. Tra questi anche l’agricoltura e la zootecnia nelle quali l’Italia...

    23-08-2019
  • Mais e grano duro, in aumento le importazioni nei primi mesi del 2019

    Un calo delle quantità e un corrispettivo aumento dei valori accomunano le importazioni e le esportazioni di cereali, semi oleosi e farine proteiche nei primi mesi del 2019 in Italia. Il Paese si conferma importatore di mais e grano duro mentre fa segnare...

    21-08-2019
  • Commodity alimentari, a luglio prezzi in leggero calo

    Stabile la carne, in netto calo cereali e prodotti lattiero-caseari. La Fao ha rilevato una riduzione dei prezzi delle principali commodity alimentari include nell’Indice Fao dei Prezzi Alimentari. A luglio il valore è stato di 170,9 punti, con una...

    04-08-2019
  • Come gestire una stalla da 20.000 Kg?

    Quando pensiamo al futuro della zootecnia da latte, immaginiamo stalle con performance medie per vacca ben lontane da quelle, pur ragguardevoli, ottenute attualmente. La media delle venti stalle più produttive d’Italia del 2018 è stata di...

    29-07-2019
  • L’agricoltura e l’agroalimentare nel 2018. Alcuni dati dell’Istat

    Soffre la zootecnia. Cereali e ortofrutta in saluteIl prodotto agricolo che ha fatto segnare il miglior andamento è stato il vino. La produzione è cresciuta del 16,2% in volume e di ben il 31,5% in valore. Anche i prezzi sono aumentati...

    23-07-2019