Salute

ritenzione idrica

Ritenzione idrica: conoscerla per combatterla

buccia d'arancia

Spesso viene associata al sovrappeso, ma in realtà può colpire anche le più magre: la cellulite è un cruccio per moltissime donne, alle prese con un nemico nascosto di cui la buccia d'arancia è la conseguenza più visibile, la ritenzione idrica. Agendo più in profondità rispetto alla superficie della pelle, questo fenomeno genera un processo infiammatorio che porta, infine, alla comparsa della cellulite. Ecco di cosa si tratta e come combatterla.

 

Un problema da localizzare nel microcircolo

Ad essere coinvolta dal problema è la circolazione a livello dell'insieme di capillari sanguigni e linfatici che formano il cosiddetto microcircolo. Quando questo circuito è difettoso sia i fluidi che sostanze dannose possono finire per accumularsi nei tessuti sottocutanei, dove le cellule del tessuto adiposo – tante o poche che siano – possono finire letteralmente annegate nei liquidi trattenuti. Le conseguenze sono carenze di nutrienti e ossigeno indispensabili per la sopravvivenza delle cellule che portano alla formazioni di un tessuto fibroso. Quest'ultimo spinge contro all'epidermide, rendendo visibile il problema imprimendo su di essa il tipico aspetto della tanto odiata buccia d'arancia.

 

Le strategie per evitare il problema

Il primo aspetto su cui agire per evitare che tutto ciò accada è la fuoriuscita di fluidi dai capillari sanguigni. Da questo punto di vista l'alimentazione può offrire un valido aiuto. La regola generale da seguire è scegliere preferibilmente alimenti dall'azione depuratrice, limitando invece quelli che possono favorire la ritenzione idrica perché ricchi di sale. Largo quindi, alla frutta (ottimi, ad esempio, i kiwi), alle verdure, ai legumi e ai cereali, mentre è meglio non esagerare con i formaggi stagionati, i salumi, i dadi da brodo e il sale aggiunto ai cibi durante la loro preparazione. La bevanda da preferire è l'acqua – da bere in abbondanza durante tutta la giornata – ma anche tè e tisane sono ammessi.

Sempre sul fronte dell'alimentazione, anche la vitamina C aiuta a contrastare la ritenzione idrica favorendo una buona circolazione e partecipando alla sintesi del collagene, le cui fibre formano una vera e propria impalcatura che offre sostegno alla struttura della pelle. Per questo l'alimentazione ideale contro la ritenzione idrica include anche agrumi e frutti di bosco. Questi ultimi apportano anche buone dosi di flavonoidi, molecole utili per proteggere la salute dei capillari.

Il cibo non è però l'unica arma contro la ritenzione idrica, che può essere combattuta attivamente anche con l'esercizio. Meglio, quindi, abbandonare la sedentarietà in cambio di un'attività fisica regolare, che oltre a combattere la buccia d'arancia è anche un ottimo alleato del cuore e della mente.

 

Foto: © Deklofenak - Fotolia.com

26 gennaio 2015
TAG
ritenzione idrica - cellulite - buccia d'arancia - prevenzione - rimedi

Articoli correlati