Victam
  • Bovini da carne, mercato in ripresa

    Print

    Salgono i prezzi di tutte le categorie. Aumentano anche i consumi domestici

    Mucche bovini %c2%a9 sven grundmann fotolia.com

    Dopo anni di crisi, il mercato dei bovini mostra segni di ripresa. Nei primi 9 mesi del 2017, sono infatti aumentati i prezzi di tutte le categorie dei bovini da carne: i listini delle vacche hanno registrato un rialzo dell’11%, quelli dei vitelloni del 5% e quelli dei vitelli da macello del 4%. Lo evidenzia il rapporto “Tendenze bovino da carne” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui l’andamento positivo delle quotazioni e il calo del tasso di crescita dei costi di produzione hanno determinato il miglioramento dei margini degli allevatori.

    Import degli animali da ingrasso - L’Istituto sottolinea che le aspettative positive per gli operatori hanno determinato la ripresa dell'acquisto all'estero dei vitelli destinati all'ingrasso. Dopo 5 anni di flessioni continue - interrotte solo nel 2016 da una lieve ripresa -, nei primi sei mesi del 2017 sono stati importati oltre 163 mila vitelloni di peso superiore ai 300 Kg, circa il 7,9% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Questo dato consente di stimare un incremento di circa il 3% dell’offerta delle macellazioni di vitelloni nei mesi da ottobre a febbraio.

    Domanda interna - Nei primi otto mesi del 2017, dopo 10 anni di cali continui, sono cresciuti anche i consumi domestici di carni bovine: la spesa delle famiglie italiane per questi prodotti è aumentata dell'1,2% rispetto all'anno precedente. Secondo Ismea, la crescita sarebbe dovuta solo in parte alla crescita dei volumi (+0,1%). Sarebbe più influente, invece, la scelta di referenze di più alto prezzo medio: i consumatori hanno dato maggiore spazio alle carni bovine elaborate (+38% su una quota del 4%), sostituendole ai tagli freschi di vitello (-0,3%) e a quelli di bovino adulto (-1,3%).

    Mercato europeo - Il mercato europeo dei vitelloni appare equilibrato: l’offerta globale viene completamente assorbita, la domanda è stabile e i prezzi risultano in graduale crescita. I prezzi del vitellone Italiano restano i più sostenuti in ambito europeo, anche se il valore medio nel terzo trimestre 2017 si attesta per tutti i paesi su un livello superiore a quello dello stesso periodo dell’anno scorso. Anche per quanto riguarda i vitelli, nel terzo trimestre 2017 il prezzo registrato in Italia presenta il maggior aumento rispetto allo stesso periodo del 2016.

    Foto: © Sven Grundmann - Fotolia.com

    red. 16-10-2017 Tag: bovinicarneconsumi domesticiimportazionimercatoprezziIsmea
Articoli correlati
  • Comparto suinicolo europeo: calo domanda estera, rallenta mercato

    Nei primi mesi del 2019 il mercato suinicolo europeo ha risentito del calo delle esportazioni in Cina. Lo evidenzia il rapporto: “Suini: tendenze del settore” pubblicato dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare),...

    16-06-2019
  • Del Bravo (Ismea): “Fare della Pac uno strumento a sostegno delle IG italiane”

    Fabio Del Bravo è responsabile della Direzione Servizi per lo Sviluppo Rurale di Ismea, l’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare che ha redatto, in collaborazione alla Fondazione Qualivita, il rapporto annuale sui valori economici e...

    13-06-2019
  • Carne e latticini, consumo in aumento in tutto il mondo

    Tra il 2007 e il 2017 il consumo globale di carne è aumentato in media dell'1,9% l'anno e il consumo di prodotti lattiero-caseari freschi del 2,1% l’anno - entrambi i valori sono due volte maggiori rispetto alla crescita demografica. Lo sottolinea...

    02-06-2019
  • UE, mercato lattiero-caseario in ripresa

    Nel primo trimestre del 2019 la ripresa della domanda mondiale di commodity ha influenzato positivamente il mercato lattiero-caseario europeo. Lo evidenzia il rapporto “Lattiero caseari: tendenze e dinamiche recenti” pubblicato dall’Ismea...

    24-05-2019
  • Carni ovicaprine, in crescita produzione ed export

    Nella stagione 2017/18 la produzione di carni ovicaprine è aumentata dell’1,6%, anche se il numero dei capi macellati è diminuito del 3,4%. Lo evidenzia il rapporto “Carne ovicaprina: tendenze e dinamiche recenti” pubblicato...

    23-05-2019