• Studio, individuato gene che consente impollinazione incrociata del grano

    Print

    Potrebbe favorire coltivazione di varietà ibride ad alto rendimento

    Grano cereali %c2%a9 %c5%bdeljko radojko   fotolia.com

    Identificato il gene responsabile della fecondazione del grano, che potrebbe rendere possibile il ricorso all’impollinazione incrociata. È quanto emerge da una ricerca pubblicata sulla rivista Nature Communications dagli scienziati dell'Università di Adelaide (Australia) e del DuPont Pioneer Hi-Bred International Inc. di Johnston (Usa), secondo cui la scoperta potrebbe consentire la produzione delle varietà di frumento ibrido ad alto rendimento e cambiare radicalmente il modo in cui viene coltivato questo cereale. Inoltre, potrebbe contribuire a soddisfare il crescente fabbisogno di cibo della popolazione mondiale.

    Nel corso dell’indagine, gli studiosi hanno identificato un gene presente nel frumento, chiamato Ms1, che risulta coinvolto nel processo di fecondazione. Hanno osservato, in particolare, che dopo essere stato “spento”, Ms1 impedisce l’auto-impollinazione, ma consente l’impollinazione incrociata. Secondo gli esperti, la disattivazione di questo gene potrebbe quindi permettere di produrre varietà di frumento ibrido - che rappresentano il risultato dell’incrocio di due qualità diverse di grano puro - ad alto rendimento, caratterizzate da rese superiore del 10-15% rispetto alle cultivar tradizionali.

    Il dottor Ryan Whitford, che ha coordinato la sperimentazione, afferma che la produzione di grano dovrà aumentare del 60% entro il 2050, per poter soddisfare la domanda di cibo della popolazione mondiale in crescita. “Una delle opzioni più promettenti per soddisfare questa domanda è fare in modo che gli agricoltori coltivino varietà ibride di frumento, che possono offrire un aumento del rendimento del 10% -15% rispetto alle varietà tradizionali attualmente presenti sul mercato - spiega l’esperto -. Le varietà ibride sono ampiamente impiegate nella coltivazione del mais e del riso, ma la complessità del genoma del grano ha reso difficile percorrere questa strada. Ora abbiamo identificato un gene necessario per l'impollinazione incrociata del frumento, che può essere utilizzato nelle produzioni su larga scala a costi contenuti”.

    Foto: © Željko Radojko - Fotolia.com

    redazione 02-11-2017 Tag: geneticafrumentoimpollinazione incrociataagricolturacoltivazioniibridirendimento
Articoli correlati
  • Trasformare sistema alimentare per nutrire le persone e salvare il pianeta

    Per nutrire la popolazione mondiale in crescita e per salvaguardare il pianeta occorre trasformare il sistema alimentare, in modo da renderlo più sostenibile. Lo ha affermato José Graziano da Silva, Direttore Generale dell’Organizzazione...

    11-10-2018
  • Assalzoo, una strategia di filiera per rilanciare la produzione del mais italiano

    L'obiettivo di risolvere la crisi che attanaglia il settore maidicolo è condivisa da tutti gli attori del comparto agroalimentare e da uno di questi è arrivato un primo passo concreto in questa direzone. Assalzoo, l'Associazione Nazionale tra i...

    10-10-2018
  • Un agroalimentare di prodotto e non di normative

    I prodotti ottenuti con la nuova, moderna tecnica dell’editing genomico vanno considerati secondo la recente (25/07/18) sentenza della Corte di Giustizia Europea alla stregua dei vecchi organismi geneticamente modificati (OGM) e sono soggetti alle stesse...

    07-10-2018
  • Il cambiamento climatico e gli effetti sul commercio agroalimentare

    Dato che il cambiamento climatico sembra destinato ad alterare la capacità di molte regioni del mondo di produrre cibo, il commercio internazionale di prodotti agricoli ricoprirà un ruolo essenziale nel soddisfare il fabbisogno alimentare della...

    05-10-2018
  • Frumento, ripresa delle quotazioni nella campagna 2017/18

    La campagna di commercializzazione 2017/18 del frumento si è chiusa registrando una ripresa delle quotazioni all'origine, che rispetto allo scorso anno sono cresciute dell’8,3% per il frumento duro e del 7,1% per il frumento tenero. È quanto...

    05-10-2018