• Alimentazione animale: dibattito su futuro del settore durante 11° Ifrm

    Print

    Esperti di tutto il mondo riuniti ad Atlanta per l’undicesima edizione del convegno promosso da Ifif e Fao

    Allevamenti bovini

    L’alimentazione animale è stata al centro dell’11° edizione del convegno “International feed regulators meeting (Ifrm)”, organizzato dall'International feed industry federation (Ifif) in collaborazione con l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao), che si è tenuto dal 29 al 30 gennaio ad Atlanta (Stati Uniti). L’evento ha richiamato un numero record di rappresentanti dell'industria mangimistica e di funzionari governativi provenienti da tutto il mondo, che hanno affrontato numerose questioni essenziali per il comparto mangimistico.

    Durante la conferenza sono stati presentati, in particolare, i risultati dei lavori della “Codex Alimentarius Commission”, che si occupa di sicurezza dei mangimi. Inoltre, sono stati descritti i lavori dell’International cooperation for convergence of technical requirements for the assessment of feed ingredients (Iccf), che si prefigge di uniformare, a livello globale, i requisiti tecnici specifici necessari per l’autorizzazione degli additivi e degli ingredienti utilizzati nella produzione dei mangimi.

    “Sono lieto che l’11° Ifrm abbia richiamato un numero record di partecipanti provenienti da tutto il mondo e dai principali organismi di regolamentazione – ha dichiarato Daniel Bercovici, Presidente di Ifif -. Questo incontro, ancora una volta, si è dimostrato un’importante occasione per l’industria mangimistica globale e per i regolatori del settore, per discutere di questioni fondamentali per la catena mangimistica e alimentare, comprese le strategie di nutrizione e alimentazione animale dirette a migliora la salute degli animali, e i programmi di sviluppo, in materia sicurezza dei mangimi, diretti a implementare i requisiti previsti dal Codex Alimentarius. Questo dialogo rappresenta un esempio importante della collaborazione tra il settore privato, la Fao e le autorità di regolamentazione di tutto il mondo. Siamo convinti che solo lavorando insieme potremo continuare a garantire la sicurezza di mangimi e alimenti, soddisfacendo, al contempo, la richiesta globale di alimenti prodotti in modo sostenibile”.

    “Il successo di questo incontro è la dimostrazione che gli sforzi compiuti dalla Fao per facilitare il dialogo tra il settore pubblico e quello privato sono fruttuosi - ha aggiunto Badi Besbes, che dirige l’Animal production and genetics unit (Agag) della Fao -. Gli operatori del settore mangimistico possono contribuire in modo determinante a rendere più responsabile e sostenibile l'allevamento e la produzione alimentare, e a raggiungere obiettivi importanti come la sicurezza alimentare, la salute pubblica e la salute e il benessere degli animali. L'Ifrm rappresenta un'importante occasione per condividere idee con gli operatori di tutto il mondo e per coordinare gli sforzi di tutti verso obiettivi comuni”.

    redazione 20-02-2018 Tag: alimentazione animalesicurezza alimentaresalute pubblicasalute animalefaoifif
Articoli correlati
  • Sicurezza alimentare, gli esiti dei controlli sulle micotossine negli alimenti

    Nel 2017 sono stati individuati 24 campioni di prodotti alimentari che superano i limiti massimi di micotossine. Si tratta di un numero inferiore rispetto ai 56 campioni rinvenuti nel 2016, anche se gli alimenti esaminati sono stati di meno. Lo evidenzia la...

    09-12-2018
  • Fao, a novembre prezzi materie prime alimentari in calo

    Diminuiscono i prezzi delle materie prime alimentari. Oli vegetali, cereali, latte e suoi derivati e carne hanno fatto segnare un calo delle loro quotazioni mentre lo zucchero è in controtendenza. Sono i dati forniti dalla Fao e relativi all'Indice dei...

    08-12-2018
  • Efsa, la situazione della peste suina

    Il rilevamento precoce, la rimozione rapida delle carcasse degli animali morti a causa della malattia e la caccia intensiva nelle zone colpite dall’infezione potrebbero favorire l’eradicazione della peste suina africana (Psa). È quanto emerge...

    08-12-2018
  • Formazione veterinario aziendale, il sistema ClassyFarm per categorizzare gli allevamenti

    Il sistema integrato ClassyFarm, finalizzato alla categorizzazione dell’allevamento in base al rischio, consentirà di valutare il benessere degli animali, il consumo di farmaci e la nutrizione del bestiame nelle imprese zootecniche. Lo spiega il...

    07-12-2018
  • Encefalopatie spongiformi, la situazione nella Comunità europea

    Nel 2017 non sono stati individuati casi di encefalopatia spongiforme bovina (Bse) classica nell’Unione Europea, anche se sono stati segnalati sei casi di Bse atipica. Lo evidenzia il rapporto: “The European Union summary report on surveillance for...

    05-12-2018