• Efsa: dermatite nodulare bovina, l'importanza della vaccinazione

    Print

    Numero di focolai diminuito del 95% in un anno

    Mucca bovini %c2%a9 mexrix   fotolia.com

    La vaccinazione può ridurre in modo significativo il numero dei focolai di dermatite nodulare (LSD) bovina. Lo afferma l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), precisando che nella regione balcanica i focolai sono calati del 95% nel giro di un anno: nel 2016 erano 7.483, mentre nel 2017 sono scesi a 385. Secondo l’Efsa, queste cifre confermano che la vaccinazione dei bovini rappresenta il modo più efficace per contenere la malattia.

    Nel rapporto: “Lumpy skin disease II. Data collection and analysis”, basato sulle informazioni raccolte dai Paesi interessati e da quelli a rischio, l’Autorità illustra i dati relativi alla presenza della dermatite nodulare bovina in Europa e all'efficacia della vaccinazione. Inoltre, analizza i fattori di rischio per la diffusione della malattia nell'Europa sud-orientale. “Anche se il numero di focolai è diminuito in modo significativo – avverte Alessandro Broglia, veterinario dell'Efsa -, la malattia nella regione non è stata ancora debellata e occorre pertanto restare vigili”.

    L’analisi evidenzia che nel 2017 la maggior parte dei focolai è stata segnalata in alcune zone dell'Albania in cui il programma vaccinale non era stato ancora completato. In altre zone si sono verificati pochi focolai: due in Grecia e quattro nell’ex Repubblica jugoslava di Macedonia. Gli esperti precisano che in Grecia il rischio d’infezione è sei volte più elevato tra gli animali allevati che hanno accesso a spazi aperti rispetto a quelli tenuti in ambienti chiusi, dato che i primi sono maggiormente esposti agli insetti che trasmettono la malattia. Uno dei fattori responsabili della diffusione della dermatite nodulare bovina, infatti, è proprio rappresentato dall’aumento del numero di questi insetti dovuto alle temperature miti.

    Foto: © Mexrix - Fotolia.com

    redazione 23-02-2018 Tag: EFSAdermatite nodulare bovinavaccinazionesalute animaleboviniallevamento
Articoli correlati
  • Paraffine negli alimenti, Efsa sollecita l’invio di commenti al suo parere scientifico

    Fino al 17 settembre sarà possibile inviare dei commenti all’Efsa sul suo parere scientifico relativo ai rischi per la salute di uomo e animali per la presenza di paraffine in alimenti e mangimi. L’Autorità europea per la Sicurezza...

    08-08-2019
  • Come gestire una stalla da 20.000 Kg?

    Quando pensiamo al futuro della zootecnia da latte, immaginiamo stalle con performance medie per vacca ben lontane da quelle, pur ragguardevoli, ottenute attualmente. La media delle venti stalle più produttive d’Italia del 2018 è stata di...

    29-07-2019
  • Uova, come aumentare la presenza di vitamina D

    Esporre il pollame alla luce UV per 6 ore al giorno potrebbe accrescere la presenza di vitamina D nelle uova di 3-4 volte. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Poultry Science dai ricercatori della Martin Luther University Halle-Wittenberg di Halle...

    11-07-2019
  • Sanità animale, IZS di Palermo nominato Centro di coordinamento scientifico Remesa

    La sede di Palermo dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia è stata scelta come Centro di coordinamento scientifico e tecnico del Remesa (Réseau Méditerranéen de Santé Animale). Lo comunica il Ministero...

    09-07-2019
  • Estate, vietato trasporto animali sopra i 30°C

    Se la temperatura supera i 30°C, il trasporto di animali vivi è vietato. Lo comunica il Ministero della Salute precisando che, per garantire il benessere del bestiame, durante l’estate occorre programmare in modo adeguato la movimentazione dei...

    07-07-2019