• Efsa: dermatite nodulare bovina, l'importanza della vaccinazione

    Print

    Numero di focolai diminuito del 95% in un anno

    Mucca bovini %c2%a9 mexrix   fotolia.com

    La vaccinazione può ridurre in modo significativo il numero dei focolai di dermatite nodulare (LSD) bovina. Lo afferma l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), precisando che nella regione balcanica i focolai sono calati del 95% nel giro di un anno: nel 2016 erano 7.483, mentre nel 2017 sono scesi a 385. Secondo l’Efsa, queste cifre confermano che la vaccinazione dei bovini rappresenta il modo più efficace per contenere la malattia.

    Nel rapporto: “Lumpy skin disease II. Data collection and analysis”, basato sulle informazioni raccolte dai Paesi interessati e da quelli a rischio, l’Autorità illustra i dati relativi alla presenza della dermatite nodulare bovina in Europa e all'efficacia della vaccinazione. Inoltre, analizza i fattori di rischio per la diffusione della malattia nell'Europa sud-orientale. “Anche se il numero di focolai è diminuito in modo significativo – avverte Alessandro Broglia, veterinario dell'Efsa -, la malattia nella regione non è stata ancora debellata e occorre pertanto restare vigili”.

    L’analisi evidenzia che nel 2017 la maggior parte dei focolai è stata segnalata in alcune zone dell'Albania in cui il programma vaccinale non era stato ancora completato. In altre zone si sono verificati pochi focolai: due in Grecia e quattro nell’ex Repubblica jugoslava di Macedonia. Gli esperti precisano che in Grecia il rischio d’infezione è sei volte più elevato tra gli animali allevati che hanno accesso a spazi aperti rispetto a quelli tenuti in ambienti chiusi, dato che i primi sono maggiormente esposti agli insetti che trasmettono la malattia. Uno dei fattori responsabili della diffusione della dermatite nodulare bovina, infatti, è proprio rappresentato dall’aumento del numero di questi insetti dovuto alle temperature miti.

    Foto: © Mexrix - Fotolia.com

    redazione 23-02-2018 Tag: EFSAdermatite nodulare bovinavaccinazionesalute animaleboviniallevamento
Articoli correlati
  • Mangimi e sviluppo

    All’altezza della Guinea equatoriale e del Gabon l’aereo inizia la discesa verso PointeNoire, nel Congo francese. C’è ancora luce e colpisce, come già altre volte e per altre zone di questo immenso continente, la selvaggia...

    02-06-2018
  • Additivi per mangimi, un mercato da 25 miliardi nel 2024

    Additivi alimentari da 25 miliardi di dollari. Nel 2024 il mercato globale di questi prodotti per mangimi dovrebbe superare tale quota secondo le proiezioni di Global Market Insights. A sostenere la crescita è l'incremento della domanda per i...

    30-05-2018
  • Influenza aviaria, stanziati 10 milioni di euro per rafforzare prevenzione e controllo

    Stanziati 10 milioni di euro per rafforzare il sistema di sorveglianza per la prevenzione e il controllo dell'influenza aviaria. Il finanziamento è stato disposto dal Decreto 14 marzo 2018 del Ministro della Salute che, di concerto con il Ministro delle...

    02-05-2018
  • Agricoltura: il programma del Movimento 5 stelle per rilanciare settore agricolo

    Revisione della Pac, no agli Ogm, applicazione della legge 4/2011 in materia di etichettatura, promozione dell’agricoltura sociale e delle green economy, miglioramento della normativa sul trasporto animale: questa è la ricetta del Movimento 5 stelle...

    28-04-2018
  • Allevamento, salute del suolo ne influenza l'andamento

    La salute del suolo potrebbe influenzare l'andamento delle aziende agricole in misura significativa. Un terreno che “sta bene” fornisce, infatti, sostanze nutritive utili per il benessere degli animali che vengono allevati al suo interno. Lo...

    17-04-2018