Victam
  • Efsa: dermatite nodulare bovina, l'importanza della vaccinazione

    Print

    Numero di focolai diminuito del 95% in un anno

    Mucca bovini %c2%a9 mexrix   fotolia.com

    La vaccinazione può ridurre in modo significativo il numero dei focolai di dermatite nodulare (LSD) bovina. Lo afferma l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), precisando che nella regione balcanica i focolai sono calati del 95% nel giro di un anno: nel 2016 erano 7.483, mentre nel 2017 sono scesi a 385. Secondo l’Efsa, queste cifre confermano che la vaccinazione dei bovini rappresenta il modo più efficace per contenere la malattia.

    Nel rapporto: “Lumpy skin disease II. Data collection and analysis”, basato sulle informazioni raccolte dai Paesi interessati e da quelli a rischio, l’Autorità illustra i dati relativi alla presenza della dermatite nodulare bovina in Europa e all'efficacia della vaccinazione. Inoltre, analizza i fattori di rischio per la diffusione della malattia nell'Europa sud-orientale. “Anche se il numero di focolai è diminuito in modo significativo – avverte Alessandro Broglia, veterinario dell'Efsa -, la malattia nella regione non è stata ancora debellata e occorre pertanto restare vigili”.

    L’analisi evidenzia che nel 2017 la maggior parte dei focolai è stata segnalata in alcune zone dell'Albania in cui il programma vaccinale non era stato ancora completato. In altre zone si sono verificati pochi focolai: due in Grecia e quattro nell’ex Repubblica jugoslava di Macedonia. Gli esperti precisano che in Grecia il rischio d’infezione è sei volte più elevato tra gli animali allevati che hanno accesso a spazi aperti rispetto a quelli tenuti in ambienti chiusi, dato che i primi sono maggiormente esposti agli insetti che trasmettono la malattia. Uno dei fattori responsabili della diffusione della dermatite nodulare bovina, infatti, è proprio rappresentato dall’aumento del numero di questi insetti dovuto alle temperature miti.

    Foto: © Mexrix - Fotolia.com

    redazione 23-02-2018 Tag: EFSAdermatite nodulare bovinavaccinazionesalute animaleboviniallevamento
Articoli correlati
  • Mangimi: bovini e suini i settori in maggiore crescita in Italia

    In aumento nel 2018 la produzione di mangimi dell’1,7%. Tengono gli alimenti per volatili. Crescono di oltre centomila tonnellate i mangimi per l’alimentazione dei suini. Ancor più marcato, fino al 4,6%, il progresso produttivo del settore...

    23-06-2019
  • Ifif e Oie, insieme per promuovere salute e benessere animale

    La corretta alimentazione è essenziale per promuovere la salute e il benessere degli animali. Lo ha affermato la Federazione internazionale dell'industria mangimistica (Ifif) in occasione dell’87ª Sessione dell’Assemblea generale...

    14-06-2019
  • Il ruolo della genomica nella zootecnia del futuro

    La genomica potrebbe svolgere un ruolo fondamentale per lo sviluppo della zootecnia in futuro, aiutando a soddisfare il fabbisogno alimentare di una popolazione globale in continua crescita e, nel contempo, a migliorare il benessere del bestiame. Lo affermano...

    11-06-2019
  • Efsa, contro antibiotico-resistenza un aiuto da sequenziamento genoma

    La tecnica del sequenziamento dell'intero genoma potrebbe rappresentare un alleata nella lotta contro l’antibiotico-resistenza in cibi e animali. Lo sostiene il rapporto: “Technical specifications on harmonised monitoring of antimicrobial resistance...

    08-06-2019
  • Oie, al via iniziativa globale per fermare peste suina africana

    Per frenare la diffusione della peste suina africana, l'Organizzazione mondiale della sanità animale (Oie) ha lanciato un'iniziativa globale diretta a rafforzare i controlli, ridurre le perdite economiche per gli allevamenti di maiali ed eradicare la...

    05-06-2019