• Gruppo Grigi: “Da oltre 50 anni nel settore mangimistico, copre l’intera filiera agroalimentare”

    Print
    Gruppo grigi

    “Dalla terra alla tavola”: è questa la filosofia aziendale del “Gruppo Grigi”, che opera da oltre 50 anni nel settore degli alimenti zootecnici e che, ad oggi, copre tutta la filiera agroalimentare.

    La nascita – Il “Mangimificio 3 G” viene fondato nel 1952 a Bastia Umbra (PG) da Giovanni e Giuseppe Grigi. In breve tempo l’azienda diventa un punto di riferimento per gli allevatori, che in quel momento attraversano la fase di transizione dal tipo di allevamento “a conduzione familiare”, tipico della locale cultura contadina, all’“allevamento intensivo”, basato sulle moderne tecniche della zootecnia. Grazie all’esperienza maturata nel campo, che ha permesso all’impresa di raggiungere elevati standard qualitativi e competitività, nel 1977 Il “Mangimificio 3 G” viene trasformato dalla famiglia Grigi nel “Nuovo Molino d’Assisi”, con sede a Rivotorto di Assisi (PG). La nuova impresa si occupa principalmente della produzione, della lavorazione e della commercializzazione di mangimi. L’azienda sottopone le materie prime ad analisi mirate e a controlli accurati, a partire dalla raccolta sul campo fino a tutte le fasi della lavorazione, per ottenere prodotti nutrienti, equilibrati e rispettosi della natura.

    Lo sviluppo – Nel 1994 la sede legale e lo stabilimento vengono trasferiti di nuovo a Bastia Umbra, che nel frattempo è divenuto un importante centro agricolo, industriale e commerciale. Da questo momento l’azienda comincia a subire un processo d’innovazione che culminerà, all’inizio degli anni 2000, con la realizzazione di uno degli impianti di fioccatura dei cereali più moderni d’Italia. L’obiettivo dell’azienda è quello di coniugare genuinità e salute per recuperare, in chiave moderna, l’antico rapporto con la natura. In quest’ottica, la famiglia Grigi decide d’investire direttamente in tutte le fasi della filiera, compresa quella della lavorazione dei terreni. Nasce così “Grigi Società Agricola”, che oggi conta 700 ettari di terra dislocati in diverse zone del territorio umbro, nella quale si sperimentano e sviluppano anche piantagioni differenti da quella dei cereali, per poterne illustrare i risultati ai clienti. Tutte le lavorazioni dei terreni vengono effettuate internamente alla società con tecnologie all’avanguardia, dirette a preservare il territorio e a ottenere il massimo risultato dalle coltivazioni.

    La crescita – Nel 2010 il desiderio di espansione del Gruppo Grigi porta all’apertura dei centri di raccolta di Spello e Trevi (PG) e all’acquisizione del Centro Stoccaggio di Pantalla di Todi (PG) “Valentina Battisti”. Nel 2012 Il Gruppo acquisisce anche il brand “Valigi”, uno dei 5 player più importanti della storia del settore mangimistico italiano. Nel 2016 iniziano i lavori di ammodernamento ed efficientamento energetico dello stabilimento ex Valigi di Pontenuovo di Torgiano (PG), che lo portano a diventare il principale impianto produttivo in ambito mangimistico. Nello stesso anno nasce anche la divisione “Grigi Alimentare”, che rispecchia la volontà del Gruppo Grigi di chiudere la filiera agroalimentare, partendo dalla base e selezionando i migliori cereali sul territorio. Grazie all’ingresso nell’organizzazione “Consmaremma”, il Gruppo acquisisce anche il know-how che la cooperativa di Tarquinia ha maturato in 50 anni di storia nell’industria sementiera. Infine, nel 2017 il Gruppo Grigi acquisisce il marchio “Dell’Aventino Mangimi”, che opera nel settore zootecnico dal 1964 e vanta una lunga tradizione produttiva e lavorativa.

    Le sfide del futuro – Nel 2017 il Gruppo Grigi dà vita a “Food Italiae”, la divisione alimentare per l’estero. L’obiettivo è quello di realizzare una Filiera agroalimentare integrata, che svolga il compito di tutelare la tipicità e la sicurezza del prodotto, valorizzare il territorio, ottimizzare la distribuzione, ridurre i consumi e promuovere l’innovazione. Inoltre, Food Italiae nasce per rispondere alle richieste, da parte del consumatore moderno, di totale trasparenza e accessibilità alle informazioni. La Filiera si prefigge anche di consentire alle aziende del territorio italiano di confrontarsi in modo innovativo e competitivo sui mercati internazionali, permettendo di valorizzare il territorio, ridurre i consumi, ottimizzare la distribuzione e promuovere l'innovazione. Con la realizzazione di Food Italiae, il Gruppo Grigi conferma la volontà di occupare un ruolo primario non solo all’interno dell’industria mangimistica, ma anche nell’ambito del comparto agroalimentare del centro Italia.

    Nadia Comerci 03-04-2018 Tag: Gruppo Grigimangimizootecniaalimentazione animale
Articoli correlati
  • Commissione Europea: pubblicate Linee guida su trasformazione ex-alimenti in mangimi

    Lo scorso 17 aprile la Commissione Europea ha pubblicato il documento: “Guidelines for the feed use of food no longer intended for human consumption”, che illustra le linee guida per l'uso degli alimenti non più destinati al consumo umano...

    21-04-2018
  • Allevamento, salute del suolo ne influenza l'andamento

    La salute del suolo potrebbe influenzare l'andamento delle aziende agricole in misura significativa. Un terreno che “sta bene” fornisce, infatti, sostanze nutritive utili per il benessere degli animali che vengono allevati al suo interno. Lo...

    17-04-2018
  • Allevamento, nuova tecnica identifica mutazioni genetiche

    Sviluppato un metodo che consente di prevedere se un capo di bestiame svilupperà una mutazione genetica dannosa. Grazie a questa tecnica, sarà possibile orientare i programmi di riproduzione animale e aumentare l'efficacia dell’allevamento....

    17-04-2018
  • Deforestazione, la posizione di Fefac

    La Federazione dei produttori europei di mangimi composti (Fefac - European Feed Manufacturers' Federation) è favorevole all'analisi condotta dalla Commissione Europea sullo studio di fattibilità delle iniziative per intensificare l'azione dell'UE...

    15-04-2018
  • Alcuni indicatori della disponibilità di carni in Italia nel 2017

    I recenti risultati Istat dell’indagine campionaria sulle consistenze di bovini, bufalini e suini riferiti al mese di giugno 2017, e la contemporanea disponibilità di dati mensili sulle macellazioni, nonché sul commercio estero di carni e...

    08-04-2018