• Agroalimentare, crescita record di export e consumi nell’ultimo trimestre 2017

    Print

    Aumenta il numero di aziende agricole condotte da under35

    Agricoltura cereali %c2%a9 jpchret   fotolia.com

    Il comparto agroalimentare ha chiuso il 2017 con un bilancio positivo: nell’ultimo trimestre sono aumentati sia i consumi domestici, sia le esportazioni dei prodotti made in Italy. Lo rivela il rapporto AgrOsserva pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui questi risultati giungono dopo un'annata complicata, in cui il settore si è dovuto misurare con condizioni meteo difficili.

    Segmento industriale – Il rapporto sottolinea che il comparto agroalimentare è stato trainato soprattutto dal segmento industriale che, beneficiando del buon andamento della domanda nazionale ed estera, ha registrato un incremento dell’1,8% del valore aggiunto, del 3% della produzione industriale e dell’1% dell’occupazione rispetto al 2016. 

    Export – Le esportazioni di alimenti e bevande hanno raggiunto il livello record di 41 miliardi di euro, riportando una crescita molto più sostenuta di quella (già rilevante) registrata nel 2016: lo scorso anno l’export è aumentato del 6,8%, mentre nel 2016 del 4,2%.

    Consumi domestici – L’Istituto evidenzia che il 2017 sarà ricordato soprattutto per la ripresa dei consumi alimentari delle famiglie italiane, che dopo 5 anni di stallo sono tornati a crescere del 3,2%.

    Condizioni climatiche - Il bilancio dell'annata agraria è stato fortemente condizionato dall'andamento meteorologico avverso, che ha inciso sul potenziale produttivo determinando un calo del 4,4% in termini di valore aggiunto rispetto al 2016.

    Crescono aziende dirette da under35 – Secondo il rapporto il numero delle imprese agricole è rimasto pressoché invariato rispetto all'anno precedente, riportando un calo dello 0,3% nel Registro delle imprese a dicembre 2017. Si è però registrato un incremento record del 5,6% delle aziende agricole condotte da giovani con meno di 35 anni, che hanno raggiunto il numero di 55.331 unità.

    Foto: © JPchret - Fotolia.com

    red. 18-03-2018 Tag: agroalimentareesportazioniIsmeamade in Italyconsumi domestici
Articoli correlati
  • La dipendenza da materie prime agricole, un rischio per la zootecnia italiana

    Lo sviluppo del comparto agroalimentare italiano è indissolubilmente legato alla capacità di mantenere un buon livello di competitività e di aumentare la presenza sui mercati internazionali dei nostri prodotti. Per immaginare un futuro della...

    21-01-2019
  • Carni bovine, mercato europeo mostra incertezze

    Nonostante la tenuta dei consumi, il mercato europeo delle carni bovine presenta numerose incertezze. Lo rivela il rapporto: “Tendenze bovino da carne” pubblicato dall’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui...

    14-01-2019
  • Stati Uniti: il maggiore fornitore di soia in Europa

    Gli Stati Uniti sono diventati il principale esportatore di soia in Europa, superando il Brasile. Lo afferma lo U.S. Soybean Export Council (Ussec), come riporta il sito World Grain, secondo cui a partire dal 1° settembre le vendite della soia e dei semi di...

    05-01-2019
  • Dop e Igp, confermato primato mondiale dell’Italia

    Anche nel 2018 l’Italia conserva il primato mondiale per numero di prodotti Dop (Denominazione di origine protetta) Igp (Indicazione geografica protetta) e Stg (Specialità tradizionale garantita). Lo rivela la sedicesima edizione del “Rapporto...

    16-12-2018
  • Export carne suina in Cina: la Spagna corre, l’Italia resta indietro

    Nel 2017 la Spagna è diventata il primo esportatore di carne suina e il quarto esportatore di frattaglie in Cina: in totale ha venduto nel paese asiatico 373 mila tonnellate di prodotti, per un valore di 574 milioni di euro. E non intende fermarsi qui....

    15-12-2018