• Usda, scorte di mais in calo. Crescono quelle di soia e grano

    Print

    Lieve aumento della produzione di soia e mais in Brasile

    Silos %c2%a9 fedecandoniphoto   fotolia.com

    Le scorte statunitensi di mais e soia stanno diminuendo, ma non in misura eccessiva. Lo evidenzia l’ultimo rapporto: “World agricultural supply and demand estimates (Wasde)” pubblicato a marzo dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda) e illustrato dal sito Successful Farming, secondo cui le riserve di mais negli Stati Uniti per la stagione 2017/18 dovrebbero toccare la soglia di 2.172 miliardi di bushel, una cifra inferiore ai 2.352 miliardi di bushel previsti dal Dipartimento nelle precedenti stime di febbraio e al valore medio commerciale di 2.312 miliardi di bushel. Le scorte di soia statunitense dovrebbero, invece, raggiungere quota 555 milioni di bushel, superando la previsione media commerciale di 530 milioni di bushel e la stima di 530 milioni di bushel espressa dall’Usda a febbraio. Infine, il Dipartimento ritiene che le riserve di grano degli Stati Uniti dovrebbero attestarsi intorno ai 1.034 miliardi di bushel, una quota superiore rispetto alla stima media commerciale di 1.015 miliardi di bushel e alle previsioni dell’Usda relative al mese scorso di 1.009 miliardi di bushel.

    Nel rapporto, l’Usda ha anche analizzato la produzione di mais e soia a livello globale. Prevede che la produzione di soia in Argentina nel 2018 raggiunga 47 milioni di tonnellate, un valore inferiore alla media commerciale, pari a 48,36 milioni di tonnellate, e alle previsioni di febbraio dell'Usda, equivalenti a 54 milioni di tonnellate. In Brasile, invece, la produzione di soia dovrebbe attestarsi sui 113 milioni di tonnellate, un valore vicino alla media commerciale di 113,82 milioni di tonnellate e poco superiore alle precedenti stime dell'Usda di 112 milioni di tonnellate.

    Per quanto riguarda la produzione di mais, nel 2018 in Brasile dovrebbe raggiungere 94,5 milioni di tonnellate, un valore più alto della media commerciale di 92,22 milioni di tonnellate e poco più basso dei 95 milioni di tonnellate previsti dall’Usda a febbraio. Il raccolto di mais in Argentina dovrebbe invece toccare quota 36 milioni di tonnellate, un valore vicino alla stima media commerciale di 36,58 milioni di tonnellate, ma più basso della quota di 39 milioni di tonnellate stimata a febbraio dal Dipartimento statunitense.

    Foto: © FedeCandoniPhoto - Fotolia.com

    red. 25-03-2018 Tag: USDAcerealimaissoiamercatoscorte
Articoli correlati
  • Mais, la ripresa dell'Argentina

    Il prossimo anno in Argentina la produzione di diversi cereali impiegati nella produzione di mangimi, in particolare del mais, dovrebbe aumentare in modo significativo. Merito del miglioramento delle condizioni climatiche, secondo il rapporto: “Argentina:...

    13-08-2018
  • IGC: soia verso annata record, in calo la produzione di grano

    Previsioni in chiaroscuro per il settore cerealicolo mondiale. Se la produzione di grano e altri cereali è prevista in calo, per il mais e la soia i mercati saranno più dinamici. Sono le indicazioni degli esperti dell'International Grains Council...

    02-08-2018
  • Fefac: bene accordo Ue-Usa su rafforzamento relazioni commerciali

    La Federazione dei produttori europei di mangimi composti (Fefac - European Feed Manufacturers' Federation) accoglie con favore la dichiarazione congiunta dell’Unione Europea e degli Stati Uniti, che annuncia il rafforzamento delle relazioni commerciali...

    28-07-2018
  • Usda: migliora qualità della soia, resta stabile quella del mais

    La qualità della soia prodotta quest’anno negli Stati Uniti è migliore delle aspettative: il 70% del raccolto rientra nella categoria “da buono a eccellente”. Lo evidenzia il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal...

    25-07-2018
  • Igc: produzione di cereali in calo nella stagione 2018-19

    Nella stagione 2018-19 la produzione totale di cereali dovrebbe fermarsi a 2,077 miliardi di tonnellate, registrando un calo rispetto ai 2,09 miliardi di tonnellate del periodo 2017-18. Lo evidenzia il “Grain market report” pubblicato...

    20-07-2018