• Materie prime alimentari, le previsioni 2018

    Print
    Cereali mondo mercato %c2%a9 scottchan   fotolia

    Nella stagione 2018-19 le scorte finali di grano e cereali a grana grossa dovrebbero fermarsi a 560 milioni di tonnellate, registrando un calo di 46 milioni (pari all’8%) rispetto ai 606 milioni di tonnellate riportati nel periodo 2017-18. Ad affermarlo, come riferisce il sito World-grain.com, è l’Organizzazione internazionale cereali (International Grains Council – Igc), secondo cui le riserve di mais dovrebbero diminuire del 14%, mentre quelle di grano dell'1,2%.

    L’Igc precisa che la produzione totale di cereali nella stagione 2018-19 dovrebbe toccare quota 2,08 miliardi di tonnellate, in diminuzione rispetto ai 2,09 miliardi di tonnellate prodotti nell’annata 2017-18. Aumentano, invece, i consumi, che dovrebbero raggiungere 2,13 miliardi di tonnellate, mentre nella stagione 2017-18 si erano fermati a 2,10 miliardi di tonnellate.

    Nello specifico, l’Igc prevede che la produzione di mais dovrebbe aumentare di 7 milioni di tonnellate, fino a raggiungere 1,05 miliardi di tonnellate. Dovrebbero crescere anche i consumi, attestandosi a 1,09 miliardi di tonnellate e riportando un aumento di 20 milioni di tonnellate rispetto ai 1,07 miliardi di tonnellate della stagione 2017-18.

    La produzione di soia dovrebbe raggiungere 354 milioni di tonnellate, mentre l’anno precedente si fermava a 341 milioni di tonnellate. In crescita anche i consumi, che dovrebbero essere pari a 358 milioni di tonnellate, mentre nella stagione 2017-18 si fermavano a 347 milioni di tonnellate.

    La produzione mondiale di grano dovrebbe, invece, diminuire del 2,2% rispetto all'anno precedente, fermandosi a 741 milioni di tonnellate. I consumi dovrebbero però aumentare, raggiungendo 744 milioni di tonnellate, mentre nel periodo 2017-18 erano pari a 742 milioni di tonnellate.

    Infine, nella stagione 2018-19 la produzione di riso dovrebbe crescere rispetto ai 486 milioni di tonnellate registrati nell’anno precedente, raggiungendo 492 milioni di tonnellate. Anche i consumi dovrebbero aumentare, fino a toccare quota 491 milioni di tonnellate, mentre nella scorsa stagione si erano fermati a 487 milioni di tonnellate.

    Foto: © scottchan - Fotolia

    redazione 28-03-2018 Tag: cerealiIgcmaisgranosoiarisoproduzioneconsumi
Articoli correlati
  • Grano, il segreto genetico dell'adattamento

    Individuato il segreto genetico che conferisce al grano la sua notevole capacità di adattamento. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Genome Research da un gruppo di ricerca tedesco-britannico coordinato da Anthony Hall...

    18-09-2018
  • Materie prime alimentari, prezzi stabili in agosto

    Nel mese di agosto i prezzi delle materie prime alimentari sono rimasti stabili: l’aumento dei listini dei cereali è stato compensato dal calo delle quotazioni di prodotti lattiero-caseari, oli vegetali e zuccheri. Lo comunica l’Organizzazione...

    14-09-2018
  • Commodities alimentari, flessione dei prezzi a luglio

    A luglio i prezzi di tutte le materie prime alimentari sono scesi. Il calo più evidente lo hanno registrato le quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e dello zucchero, ma sono diminuiti anche quelli di carne, cereali e oli vegetali. Lo evidenzia...

    05-09-2018
  • Frumento, lieve aumento delle quotazioni in luglio

    La campagna di commercializzazione 2018/19 del frumento, che si è aperta a luglio, registra un lieve aumento delle quotazioni del cereale: i prezzi del frumento duro sono saliti del 3,3%, fino a raggiungere i 201,45 euro/t, mentre quelli del frumento...

    04-09-2018
  • Argentina, produzione di soia in calo a causa della siccità

    A causa della siccità, il raccolto di soia in Argentina nella stagione 2017-18 dovrebbe fermarsi a 36 milioni di tonnellate, il 37% in meno rispetto alle stime effettuate all'inizio dell'anno. Lo rivela il rapporto: “Global agricultural information...

    04-09-2018