• Usa: per la prima volta piantagioni di soia superano quelle di mais

    Print

    In calo le scorte di entrambe le colture

    Grano mais soia

    Nella stagione 2018/19 negli Usa le piantagioni di soia supereranno quelle di mais per la prima volta in 35 anni. Lo evidenzia il rapporto: “Prospective Plantings” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui la superficie dei terreni coltivati con la soia raggiungerà i 91 milioni di acri - nel 2017 si fermava a 90,1 milioni di acri -, mentre le piantagioni di mais ricopriranno una superficie di 89,42 milioni di acri - nel 2017 era pari a 90,17 milioni di acri. L’Usda sottolinea che la scelta degli agricoltori statunitensi di coltivare la soia coincide con l’aumento dei futures del legume, dovuta ai scarsi raccolti in Argentina, dove la produzione dovrebbe diminuire di oltre il 30%, fermandosi a circa 40 milioni di tonnellate o anche meno.

    Scorte – Il Dipartimento prevede che le riserve di entrambe le colture diminuiranno significativamente durante la stagione 2018/19. In particolare, le scorte di mais dovrebbero scendere del 30%, passando da 12,516 miliardi di bushel calcolati a dicembre a 8,703 miliardi di bushel, mentre quelle di soia dovrebbero diminuire del 36%, passando da 1,147 miliardi di bushel di dicembre a 2,030 miliardi di bushel.

    Grano - Gli analisti dell’Usda stimano che nella stagione 2018/19 le piantagioni di grano dovrebbero coprire una superficie media di 46,29 milioni di acri, mentre lo scorso anno era pari a 46,01 milioni di acri. La superficie coltivata con il grano invernale dovrebbe diminuire rispetto allo scorso anno fermandosi a 32,69 milioni di acri, mentre quella coltivata con il grano primaverile dovrebbe aumentare, fino a raggiungere gli 11,5 milioni di acri. Per quanto riguarda le scorte, dovrebbero raggiungere il secondo valore più alto registrato negli ultimi vent’anni, attestandosi a poco meno di 1,5 milioni di tonnellate.

    redazione 21-04-2018 Tag: maissoiagranoscortesuperficie coltivataproduzioneUSDA
Articoli correlati
  • Mais, la ripresa dell'Argentina

    Il prossimo anno in Argentina la produzione di diversi cereali impiegati nella produzione di mangimi, in particolare del mais, dovrebbe aumentare in modo significativo. Merito del miglioramento delle condizioni climatiche, secondo il rapporto: “Argentina:...

    13-08-2018
  • IGC: soia verso annata record, in calo la produzione di grano

    Previsioni in chiaroscuro per il settore cerealicolo mondiale. Se la produzione di grano e altri cereali è prevista in calo, per il mais e la soia i mercati saranno più dinamici. Sono le indicazioni degli esperti dell'International Grains Council...

    02-08-2018
  • Fefac: bene accordo Ue-Usa su rafforzamento relazioni commerciali

    La Federazione dei produttori europei di mangimi composti (Fefac - European Feed Manufacturers' Federation) accoglie con favore la dichiarazione congiunta dell’Unione Europea e degli Stati Uniti, che annuncia il rafforzamento delle relazioni commerciali...

    28-07-2018
  • Usda: migliora qualità della soia, resta stabile quella del mais

    La qualità della soia prodotta quest’anno negli Stati Uniti è migliore delle aspettative: il 70% del raccolto rientra nella categoria “da buono a eccellente”. Lo evidenzia il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal...

    25-07-2018
  • Igc: produzione di cereali in calo nella stagione 2018-19

    Nella stagione 2018-19 la produzione totale di cereali dovrebbe fermarsi a 2,077 miliardi di tonnellate, registrando un calo rispetto ai 2,09 miliardi di tonnellate del periodo 2017-18. Lo evidenzia il “Grain market report” pubblicato...

    20-07-2018