• Il segreto genetico delle spighe di grano e il futuro delle rese produttive

    Print
    Granocreditcsiro

    Identificato il gene che regola la forma e la dimensione delle spighe di grano. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista The Plant Cell da un gruppo di ricerca britannico-australiano coordinato da Scott Andrew Boden del John Innes Center di Norwich (Regno Unito), secondo cui la scoperta potrebbe favorire l’incremento della resa non solo di questo cereale, ma anche di mais, orzo e riso.

    Nel corso della ricerca, gli scienziati hanno analizzato il genoma di una varietà di grano tenero che produce “spighette accoppiate”, in cui l’infiorescenza è formata da due spighette invece che da una sola. Questa caratteristica, presente anche in alcune varietà di mais e riso, potrebbe aumentare la resa della coltura. Utilizzando una vasta gamma di tecniche innovative, i ricercatori hanno individuato un gene chiamato Teosinte Branched1 (Tb1), che regola la struttura dell'infiorescenza del grano, favorendo la produzione delle spighette accoppiate. Questo gene opera attraverso un meccanismo che ritarda la fioritura e riduce l'espressione dei geni che controllano lo sviluppo delle spighette laterali.

    L'analisi genetica ha anche dimostrato che Tb1 è collegato a un altro gene conosciuto da molto tempo: il cosiddetto gene Green Revolution (Rht-1), che controlla l'altezza della pianta. Gli studiosi precisano che ulteriori ricerche determineranno se alcuni degli effetti attribuiti al gene Rht-1 siano invece riconducibili all’azione di Tb1. Gli scienziati affermano, infine, che il meccanismo genetico individuato potrebbe essere applicato non solo alle altre piante di grano, ma anche a quelle di altri cereali importanti come mais, orzo e riso.

    “Questo lavoro è un esempio di ciò che possiamo fare per il grano con le nuove risorse a disposizione – spiega il dottor Boden -. Siamo passati dal campo al laboratorio e viceversa. Questo gene responsabile dello sviluppo contribuisce a molti tratti importanti dal punto di vista agronomico. La scoperta e gli effetti di questo studio potranno essere impiegati per scoprire se realmente questo gene incrementa il rendimento del grano”.

    Foto: © CSIRO

    redazione 11-04-2018 Tag: granoricercarendimentoagricolturacereali
Articoli correlati
  • Commodities alimentari, a settembre quotazioni in calo

    A settembre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti, soprattutto a causa dell’aumento delle scorte dei cereali di base. Ma sono diminuiti anche i listini dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Lo comunica l’Organizzazione...

    12-10-2018
  • Trasformare sistema alimentare per nutrire le persone e salvare il pianeta

    Per nutrire la popolazione mondiale in crescita e per salvaguardare il pianeta occorre trasformare il sistema alimentare, in modo da renderlo più sostenibile. Lo ha affermato José Graziano da Silva, Direttore Generale dell’Organizzazione...

    11-10-2018
  • Assalzoo, una strategia di filiera per rilanciare la produzione del mais italiano

    L'obiettivo di risolvere la crisi che attanaglia il settore maidicolo è condivisa da tutti gli attori del comparto agroalimentare e da uno di questi è arrivato un primo passo concreto in questa direzone. Assalzoo, l'Associazione Nazionale tra i...

    10-10-2018
  • Un agroalimentare di prodotto e non di normative

    I prodotti ottenuti con la nuova, moderna tecnica dell’editing genomico vanno considerati secondo la recente (25/07/18) sentenza della Corte di Giustizia Europea alla stregua dei vecchi organismi geneticamente modificati (OGM) e sono soggetti alle stesse...

    07-10-2018
  • Frumento, ripresa delle quotazioni nella campagna 2017/18

    La campagna di commercializzazione 2017/18 del frumento si è chiusa registrando una ripresa delle quotazioni all'origine, che rispetto allo scorso anno sono cresciute dell’8,3% per il frumento duro e del 7,1% per il frumento tenero. È quanto...

    05-10-2018