• Mais, pacciamatura con paglia aumenta resa e carbonio organico nel suolo

    Print

    Questo metodo sarebbe preferibile alla pacciamatura con plastica

    Mais cereali spighe %c2%a9 smereka   fotolia

    L’impiego della pacciamatura con la paglia potrebbe accrescere il rendimento delle piantagioni di mais del 5%. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Soil Science Society of America Journal dagli scienziati della Science Northwest University di Xi’an (Cina) e dell’Usda-Ars Northern Plains Agricultural Research Lab di Sidney (Usa), secondo cui questa pratica agricola permetterebbe al terreno d’immagazzinare più carbonio organico rispetto alla pacciamatura con plastica.

    La pacciamatura prevede la copertura del terreno con uno strato di materiale – generalmente plastica o paglia -, per impedire la crescita delle erbe infestanti, mantenere il suolo umido e isolare le radici dalle temperature estreme. Nel corso della ricerca, gli autori hanno confrontato la resa delle piantagioni di mais in tre condizioni differenti: ricoperte con pacciame di plastica, ricoperte con pacciame di paglia oppure senza pacciame. Dopo cinque anni di sperimentazione, hanno concluso che il metodo più efficace sarebbe quello della pacciamatura con paglia.

    L’impiego del pacciame di plastica ha aumentato la resa, rispetto al suolo scoperto, del 21-25%, mentre l’uso della pacciamatura di paglia solo del 5%. Tuttavia, il secondo metodo ha permesso al terreno d’immagazzinare grandi quantità di carbonio organico, a differenza del primo. Gli studiosi hanno osservato, infatti, che la pacciamatura con la plastica permette di conservare quantità maggiori d'acqua, che potenziano l'attività microbica. I microbi affamati però consumano la materia organica del suolo, convertendola in anidride carbonica, ostacolando la capacità del terreno d’immagazzinare altro carbonio organico.

    Per cui, secondo gli esperti, anche se aumenta la resa in misura inferiore, a lungo andare il metodo della pacciamatura con paglia risulta più vantaggioso, perché favorisce l’accumulo di carbonio organico nel terreno. “Abbiamo pensato che il pacciame di plastica sarebbe stato migliore perché aumenta l'umidità del suolo – spiega Upendra M. Sainju, che ha coordinato lo studio -. Il risultato è stato sorprendente: se si accumula troppa acqua, aumenta anche l'attività microbica, che può ridurre il carbonio organico”.

    Foto: © smereka - Fotolia

    redazione 03-05-2018 Tag: maisagricolturaresapacciamatura
Articoli correlati
  • Mais, la ripresa dell'Argentina

    Il prossimo anno in Argentina la produzione di diversi cereali impiegati nella produzione di mangimi, in particolare del mais, dovrebbe aumentare in modo significativo. Merito del miglioramento delle condizioni climatiche, secondo il rapporto: “Argentina:...

    13-08-2018
  • IGC: soia verso annata record, in calo la produzione di grano

    Previsioni in chiaroscuro per il settore cerealicolo mondiale. Se la produzione di grano e altri cereali è prevista in calo, per il mais e la soia i mercati saranno più dinamici. Sono le indicazioni degli esperti dell'International Grains Council...

    02-08-2018
  • Corte di giustizia europea: genome editing come Ogm

    I prodotti ottenuti con l’editing genomico devono essere considerati organismi geneticamente modificati (Ogm) ed essere soggetti alle norme che li regolano: lo ha stabilito una sentenza della Corte di giustizia europea, che equipara la mutagenesi - un...

    28-07-2018
  • Usda: migliora qualità della soia, resta stabile quella del mais

    La qualità della soia prodotta quest’anno negli Stati Uniti è migliore delle aspettative: il 70% del raccolto rientra nella categoria “da buono a eccellente”. Lo evidenzia il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal...

    25-07-2018
  • Igc: produzione di cereali in calo nella stagione 2018-19

    Nella stagione 2018-19 la produzione totale di cereali dovrebbe fermarsi a 2,077 miliardi di tonnellate, registrando un calo rispetto ai 2,09 miliardi di tonnellate del periodo 2017-18. Lo evidenzia il “Grain market report” pubblicato...

    20-07-2018