Salute

malattie

Anche i bambini a rischio trombosi

La trombosi non ha età. A ricordarlo sono gli esperti di ALT – Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari, sottolineando che anche i bambini corrono rischi. “Il bambino sovrappeso, o addirittura obeso, subisce un'accelerazione della malattia delle arterie come accadde nell'aterosclerosi e si candida ad andare incontro in tempi molto precoci a eventi vascolari come infarto, ictus cerebrale, arteriopatia diffusa”, spiega Paola Giordano, esperta dell'Università degli Studi di Bari. A confermarlo sono i dati del Registro Italiano delle Trombosi Infantili, nel quale sono stati registrati 665 eventi trombotici in neonati e pazienti pediatrici. Purtroppo, però, spesso la diagnosi in bambini e giovani avviene in ritardo. “Solo 6 casi su 100 vengono diagnosticati entro le 3 ore necessarie a impostare una cura efficace – spiega Paolo Simioni, esperto dell'Università di Padova – Inoltre 60 casi su 100 la diagnosi avviene tardi, dopo 24 ore”.

 

In questo panorama, sottolinea Marco Moia del Centro Emofilia e Trombosi della Fondazione IRCCS Ca' Granda - Ospedale Maggiore Policlinico, “l'informazione è fondamentale. Solo in Italia, ogni anno, sono 8.000 i giovani colpiti da trombosi”.

07 aprile 2015
TAG
malattie - trombosi - rischio - bambini - giovani - ALT

Articoli correlati