• Carne, continuano a crescere i consumi in Italia

    Print
    Mucca bovini %c2%a9 mexrix   fotolia.com

    La crisi dei consumi di carne bovina sembra andare verso la risoluzione. Dopo i risultati incoraggianti della fine dello scorso anno, i primi tre mesi del 2018 confermano il buon andamento. Lo riferisce l'Ismea, l'Istituto di Servizi per il mercato agricolo alimentare, nel report Tendenze relativo al trimestre gennaio-marzo dell'anno in corso.  

    In questo periodo è stato rilevato infatti un aumento dei quantitativi acquistati del 2,5% su base annua e una crescita ancora più netta della spesa con il +5% per via di un aumento dei prezzi e delle mutate abitudini di acquisto. I consumatori si stanno orientando sempre più verso le carni più pregiate (razze da carni pregiate ingrassate in stalle italiane). 

    Il consumo di carni fresche totali è salito dell'1,6%. E non solo la carne bovina ha beneficiato di questa tendenza positiva, ma anche le carni suine e avicole; in picchiata, invece, il consumo di carne di coniglio (-4,9%), un fenomeno “inarrestabile” lo definicono gli esperti di Ismea. 

    L'allevamento in Italia 

    Le preferenze dei consumatori, inoltre, si stanno indirizzando verso i prodotti allevati e macellati in Italia. Nel 2017 il patrimonio bovino italiano si è mantenuto stabile (+0,3%) con una leggera contrazione della mandria da latte (-0,5%) e un aumento di quella destinata a produrre carne (+1,8%). Invariato il livello numero delle vacche nutrici, un dato che non favorisce il miglioramento del tasso di autosufficienza (ancora al 52%), mentre aumenta la presenza di vitelloni maschi tra 1 e 2 anni, a sottolineare come sia l’ingrasso l’attività che cresce negli allevamenti italiani. 

    Negli allevamenti locali i prezzi restano sostenuti: per i vitelloni il livello resta sopra quello dello scorso anno (superiore del 2%). Per l'indice dei prezzi dei mezzi di produzione, nel primo trimestre del 2018 è stato rilevato un aumento per i mangimi (+14%), soprattutto per le farine proteiche, e una ripresa meno evidente per i prodotti energetici  (+3% sul 2017).

    redazione 20-05-2018 Tag: carne bovinaIsmeacarne
Articoli correlati
  • Agroalimentare: made in Italy più forte dopo la crisi

    Dopo aver attraversato per dieci anni un periodo di crisi, il comparto agroalimentare italiano appare più forte di prima. Lo rileva il “Rapporto sulla competitività dell'agroalimentare italiano” elaborato da Ismea (Istituto di servizi...

    26-07-2018
  • UE: nel 2018 produzione di carne bovina in lieve rialzo

    Nel 2018 la produzione di carne bovina nell’Unione Europea dovrebbe registrare un lieve incremento, pari allo 0,5%. Merito delle macellazioni di capi più pesanti e di giovani femmine non riutilizzate per la rimonta nella filiera del latte, secondo...

    20-07-2018
  • Bovini da carne, cresciuta redditività degli allevamenti nel 2017

    Nel 2017 la redditività degli allevamenti di bovini da carne è cresciuta. Lo evidenzia il rapporto “Rilevazione dei costi per partita de bovino da carne” pubblicato dall’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo...

    14-07-2018
  • Bilancio sulla disponibilità di carni in Italia nel 2017

    La recente diffusione Istat dei risultati sul commercio estero di carni e animali vivi, dell’indagine campionaria sulle consistenze animali (bovini, bufalini, suini, ovini, caprini e suini) riferiti al mese di dicembre 2017, nonché i dati per lo...

    11-07-2018
  • Rapporto AgrOsserva: nel primo trimestre 2018 cresce produzione agricola

    Nel primo trimestre del 2018 la produzione agricola è tornata a crescere. Lo evidenzia il rapporto: “AgrOsserva La congiuntura agroalimentare I trimestre 2018” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare),...

    10-07-2018