• Export: per i consumatori cinesi gli alimenti europei sono più sicuri di quelli locali

    Print
    Prosciutti

    Sicurezza e qualità. Il cibo europeo importato in Cina, secondo gli stessi consumatori cinesi, è sinonimo di affidabilità e pertanto i produttori europei dovrebbero puntare anche su questo per incrementare gli scambi commerciali con Pechino. È quanto emerge da una ricerca della Newcastle University (Regno Unito) pubblicata su Plos One.   

    La sensibilità dei consumatori cinesi è aumentata dopo le frodi alimentari che si sono verificate negli ultimi anni. Tra queste alcune sono state anche molto gravi e persino fatali, come lo scandalo del latte contaminato alla melamina che ha causato il decesso di sei bambini, l'avvelenamento di altri 300 mila e 54 mila ospedalizzazioni.  

    Nonostante l'introduzione di una regolamentazione più ferrea della sicurezza alimentare, i consumatori cinesi sono ancora sospettosi sui prodotti alimentari locali mentre quelli che arrivano dall'Europa godono di una stima diversa. Continuare ad assicurare la qualità e la sicurezza dei prodotti esportati dal Vecchio Continente nel Paese asiatico è importante perché si traduce in ulteriori opportunità commerciali. 

    Secondo i ricercatori le aziende hanno a disposizione diversi strumenti per soddisfare le esigenze dei consumatori cinesi come garanzia di valore e sicurezza dei prodotti alimentari esportati. Ad esempio dovrebbero far risaltare al meglio in etichetta il Paese di origine; puntare sulle certificazioni, i marchi e le indicazioni geografiche protette anche per sfruttare al meglio il legame con il territorio di provenienza; evidenziare sul packaging i simboli di autenticità che rendano il prodotto altamente affidabile perché difficile da falsificare.  

    Investire su questi aspetti – concludono i ricercatori – significa aggiungere valore ai prodotti esportati per i quali i consumatori cinesi sono disposti a pagare qualcosa di più.

    redazione 24-05-2018 Tag: Cinaexport
Articoli correlati
  • Carne suina, quotazioni in ribasso

    Nella seconda parte del 2018 in Italia i prezzi delle diverse tipologie di suini registrano un calo. Scendono anche le quotazioni dei suinetti (da 30 kg), che fino a maggio risultavano in crescita. È quanto emerge dal rapporto: “Suini: tendenze del...

    16-11-2018
  • Soia, Cina, Usa e la battaglia delle proteine vegetali

    La guerra dei dazi tra Cina e Stati Uniti non sta influenzando soltanto gli scambi commerciali tra i due Paesi, ma sta determinando cambiamenti nelle politiche economiche interne dello stato asiatico. Lo evidenzia il rapporto: “Foreign Agricultural...

    08-11-2018
  • Soia: produzione e stoccaggio. La situazione negli Stati Uniti

    La guerra dei dazi tra Stati Uniti e Cina potrebbe generare un problema di stoccaggio della soia negli Usa. La battaglia tariffaria si sarebbe verificata proprio in un’annata record per la produzione del legume, per cui parte del raccolto rischia di...

    24-10-2018
  • Alcuni indicatori sintetici dell’economia italiana nel primo trimestre 2018

    Secondo le stime Istat, nel primo trimestre 2018 l’economia italiana risulterebbe in lieve rallentamento, con la produzione del settore manifatturiero e le esportazioni che registrano alcuni segnali di flessione, l’occupazione tornata ad aumentare e...

    23-10-2018
  • Agroalimentare, export prodotti italiani supera 20 miliardi di euro

    Nei primi sei mesi del 2018 la vendita sui mercati esteri dei prodotti agroalimentari made in Italy è aumentata del 3,1% rispetto al primo semestre 2017, fino a superare la soglia dei 20 miliardi di euro. È quanto emerge dal rapporto: “La...

    13-10-2018