• Produzione europea di cereali, previsto ribasso nel 2018

    Print
    Grano cereali %c2%a9 dusan kostic   fotolia.com

    Nel 2018 la produzione europea di cereali dovrebbe essere inferiore alle aspettative: dovrebbe fermarsi a 299,1 milioni di tonnellate, mentre le precedenti stime prevedevano il raggiungimento di 302,5 milioni di tonnellate. Lo afferma Coceral (l'associazione europea dei produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d'oliva e oli), precisando che la produzione di quest’anno dovrebbe eguagliare quella del 2017, durante il quale sono stati raccolti 299,2 milioni di tonnellate di cereali.

    L’associazione precisa che le stime sulla produzione di grano sono state riviste al ribasso: sono passate da 140,5 milioni di tonnellate a 138,8 milioni di tonnellate, circa 141,6 milioni di tonnellate in meno rispetto al raccolto del 2017. La siccità ha infatti danneggiato le colture in Germania, Scandinavia, in tutti i paesi baltici e in Romania. Invece in Francia e Spagna la produzione è cresciuta.

    Anche la produzione di mais dovrebbe essere inferiore ai 61,7 milioni di tonnellate stimati in precedenza, fermandosi a 60,3 milioni di tonnellate. Il calo, secondo Coceral, sarebbe dovuto a una cattiva partenza della stagione in diversi paesi e a una minore previsione nell'area rumena. Il raccolto di mais dovrebbe comunque essere superiore a quello del 2017, quando si è fermato a 59,9 milioni di tonnellate.

    In aumento invece la produzione europea di orzo, che dovrebbe raggiungere i 60,8 milioni di tonnellate, mentre le precedenti stime si fermavano a 60,3 milioni di tonnellate. L’aumento dei raccolti in Francia e soprattutto in Spagna dovrebbe, infatti, più che compensare le perdite previste nelle aree colpite dalla siccità (Germania, Scandinavia, paesi baltici e Romania). Nel 2017 la produzione era inferiore: ha toccato i 58,1 milioni di tonnellate. Infine, la produzione di colza in Europa dovrebbe essere più bassa delle aspettative (22 milioni di tonnellate), fermandosi alla quota di 21,1 milioni di tonnellate.

    Foto: © Dusan Kostic - Fotolia.com

    red. 13-06-2018 Tag: cerealiUnione Europeaproduzionegranomais
Articoli correlati
  • Commodities alimentari, a settembre quotazioni in calo

    A settembre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti, soprattutto a causa dell’aumento delle scorte dei cereali di base. Ma sono diminuiti anche i listini dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Lo comunica l’Organizzazione...

    12-10-2018
  • Assalzoo, una strategia di filiera per rilanciare la produzione del mais italiano

    L'obiettivo di risolvere la crisi che attanaglia il settore maidicolo è condivisa da tutti gli attori del comparto agroalimentare e da uno di questi è arrivato un primo passo concreto in questa direzone. Assalzoo, l'Associazione Nazionale tra i...

    10-10-2018
  • Frumento, ripresa delle quotazioni nella campagna 2017/18

    La campagna di commercializzazione 2017/18 del frumento si è chiusa registrando una ripresa delle quotazioni all'origine, che rispetto allo scorso anno sono cresciute dell’8,3% per il frumento duro e del 7,1% per il frumento tenero. È quanto...

    05-10-2018
  • Usa, produzione record di soia

    Nel 2018 la produzione di soia negli Usa dovrebbe raggiungere valori record: 4,693 miliardi di bushel, il 7% in più rispetto al 2017. Lo rivela il rapporto “Crop Production” pubblicato il 12 settembre dal Dipartimento dell'Agricoltura degli...

    02-10-2018
  • Fao, produzione cereali in calo nel 2018

    Nel 2018 la produzione mondiale di cereali dovrebbe raggiungere i 2.587 milioni di tonnellate. Questo valore, leggermente superiore rispetto alle previsioni di luglio, è il più basso registrato negli ultimi tre anni e risulta inferiore del 2,4%...

    28-09-2018