Victam
  • Suini, mercato in crescita nel 2018

    Print
    Maiale maiali suini %c2%a9 caspernhdkfotolia

    La costante crescita dell'economia mondiale alimenta la domanda di carne suina in molti Paesi, mentre i prezzi relativamente bassi dei mangimi continuano a garantire i margini dei produttori. Lo evidenzia il rapporto: “Tendenze Suino” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui nel 2018 la produzione mondiale di carne di maiale dovrebbe aumentare, grazie soprattutto all'espansione del mercato cinese, cresciuto del 2% rispetto al 2017. Il contributo degli Usa e dell'Unione Europea dovrebbe, invece, avere minore rilievo. Inoltre, l’istituto sottolinea che in seguito a una profonda ristrutturazione del settore, anche la Russia sta aumentando la produzione di carne suina.

    Per quanto riguarda i prezzi dei mangimi, l'aumento dei prezzi di mais e soia in Argentina, dovuti al tempo caldo e secco, ha prodotto effetti trascurabili sui costi di alimentazione. Tuttavia, la contrazione delle importazioni cinesi a causa di una maggiore autosufficienza interna sta producendo ripercussioni negative sul mercato europeo, di cui la Cina rappresenta il primo Paese di destinazione dell'export. Di conseguenza, anche il mercato italiano sta risentendo delle dinamiche internazionali. Durante il 2017, infatti, il settore suinicolo nazionale ha beneficiato della crescita delle esportazioni dell’Unione, che sono state sostenute dalla forte domanda cinese. Quest’ultima, insieme alla riduzione dell'offerta interna, ha determinato un eccezionale aumento delle quotazioni di tutte le tipologie di capi. Il calo dei prezzi dei suini da macello che sta caratterizzando questa prima parte del 2018 conferma, quindi, la forte dipendenza dall'estero del settore e testimonia un riallineamento dei prezzi alle quotazioni del 2016.

    L’export delle carni suine trasformate made in Italy continua però a crescere per quasi tutte le principali categorie di prodotto. L’Ismea precisa che nel 2017 le esportazioni italiane del segmento preparazioni e conserve suine hanno registrato un aumento pari al 3,1% in volume e al 7% in valore rispetto al 2016, che testimonia l’incremento dei valori medi unitari all'export.

    Foto: © caspernhdk - Fotolia

    red. 23-06-2018 Tag: carne suinamaialiIsmeamercatocarneUE
Articoli correlati
  • Comparto suinicolo europeo: calo domanda estera, rallenta mercato

    Nei primi mesi del 2019 il mercato suinicolo europeo ha risentito del calo delle esportazioni in Cina. Lo evidenzia il rapporto: “Suini: tendenze del settore” pubblicato dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare),...

    16-06-2019
  • Del Bravo (Ismea): “Fare della Pac uno strumento a sostegno delle IG italiane”

    Fabio Del Bravo è responsabile della Direzione Servizi per lo Sviluppo Rurale di Ismea, l’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare che ha redatto, in collaborazione alla Fondazione Qualivita, il rapporto annuale sui valori economici e...

    13-06-2019
  • Carne e latticini, consumo in aumento in tutto il mondo

    Tra il 2007 e il 2017 il consumo globale di carne è aumentato in media dell'1,9% l'anno e il consumo di prodotti lattiero-caseari freschi del 2,1% l’anno - entrambi i valori sono due volte maggiori rispetto alla crescita demografica. Lo sottolinea...

    02-06-2019
  • Cereali, aumenta produzione in Europa

    Nel 2019 la produzione europea di cereali dovrebbe aumentare, fino a raggiungere 301 milioni di tonnellate. Lo comunica Coceral (l'associazione europea dei produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d'oliva e oli), secondo cui il raccolto dovrebbe essere...

    29-05-2019
  • Mangimi, 80% delle fonti proteiche è di origine europea

    L'80% degli ingredienti dei mangimi utilizzati negli allevamenti dell’UE è di origine europea. Lo evidenzia il rapporto “Bilancio sulle proteine del mangime per il 2017/18”, pubblicato il 20 maggio dalla Commissione Europea, che per la...

    27-05-2019