Victam
  • Soia, domanda in crescita dall'Oriente

    Print
    Soia %c2%a9 africa studio   fotolia

    La domanda asiatica di soia è in aumento, e non dovrebbe essere scalfita dalla guerra dei dazi in corso tra Cina e Stati Uniti. Lo ha dichiarato in un'intervista al sito World Grain J.Y. Chow, Vice-presidente senior del settore cibo e agricoltura della Mizuho Bank di Tokyo (Giappone), evidenziando che nonostante la domanda di mangimi sia diminuita, la richiesta cinese di soia continua a salire, tanto che quest’anno le importazioni del legume nel paese asiatico sono cresciute di 100 milioni di tonnellate.

    “A partire dal 2012 la domanda di mangimi ha iniziato a diminuire – osserva il dottor Chow -, pertanto perché la richiesta di soia continua a salire se quella di mangimi è ferma?”. L’esperto sostiene che ci siano diverse risposte a questo interrogativo. Innanzitutto cita alcune ragioni interne, come i migliori tassi di conversione dei mangimi e l’industrializzazione dell'agricoltura. Ma fa anche riferimento alla notevole capacità di macinazione della Cina: attualmente vengono macinati solo 93-94 milioni di tonnellate di soia, su una capacità pari a 150 milioni di tonnellate. “La Cina potrebbe potenzialmente importare più soia ed esportare la farina di soia macinata nel Sudest asiatico, e consumare l’olio di soia al posto dell’olio di palma”.

    Il dottor Chow ritiene che in futuro le importazioni cinesi di semi di soia potrebbero aumentare ulteriormente, e che la Cina potrebbe poi esportare la farina di soia ottenuta in Giappone, Corea del Sud, Vietnam e Filippine. “Tutti gli impianti di macinatura sono dislocati sulla costa, per cui quest’ipotesi è realizzabile se il prezzo delle importazioni è conveniente – afferma l’esperto -. Inoltre, l’aumento della classe media spinge in alto la richiesta di alimenti più sani: le persone preferiscono l’olio di soia rispetto all'olio di palma. Potrebbe quindi verificarsi una graduale scomparsa dell'olio di palma. La Cina potrebbe facilmente importare un altro 10-15% di semi di soia, quindi altri 10-15 milioni di tonnellate di soia. Non accadrà da un giorno all'altro, ma mi aspetto che succederà”.

    Foto: © Africa Studio - Fotolia

    redazione 29-06-2018 Tag: soiaasiaCinamangimimercatoimportazioniesportazioni
Articoli correlati
  • Brexit senza accordo: i costi per l'agroalimentare italiano

    In caso di “no deal”, la vendita di prodotti agroalimentari made in Italy nel Regno Unito non dovrebbe diminuire nell’immediato. Tuttavia, su questa possibilità pesa l’autonomia decisionale della Gran Bretagna in materia di dazi e...

    08-05-2019
  • Ingredienti per mangimi, approvati documenti di orientamento Iccf

    Il 14 marzo 2019 a Bangkok (Tailandia) l’International cooperation for convergence of technical requirements for the assessment of feed ingredients (Iccf) ha approvato i primi due documenti di orientamento: “Stability testing of feed...

    03-05-2019
  • Ricetta veterinaria elettronica, aggiornato il manuale operativo

    Nuove modifiche per la Ricetta veterinaria elettronica. Il gruppo di esperti ha aggiornato il Manuale operativo per la predisposizione e la trasmissione delle informazioni al sistema informativo di tracciabilità dei medicinali veterinari e dei mangimi...

    14-04-2019
  • Carne bovina, in leggero aumento i consumi pro-capite

    Più carne bovina nel 2018. Secondo le rilevazioni di Ismea tre elementi hanno determinato una maggiore disponibilità di prodotto nel mercato interno: l'incremento delle importazioni di carni congelate, un maggior numero di capi destinati alla...

    13-04-2019
  • Dazi Usa su merci Ue? A rischio 2,2 miliardi di Made in Italy agroalimentare

    Pecorino Romano, olio, vino e pasta. Con i dazi minacciati dal presidente Usa Trump l'export di questi prodotti simbolo del Made in Italy potrebbe subire un duro colpo. A rischio – secondo le previsioni di Ismea – ci sono ben 2,2 miliardi di euro,...

    12-04-2019