• Soia, domanda in crescita dall'Oriente

    Print
    Soia %c2%a9 africa studio   fotolia

    La domanda asiatica di soia è in aumento, e non dovrebbe essere scalfita dalla guerra dei dazi in corso tra Cina e Stati Uniti. Lo ha dichiarato in un'intervista al sito World Grain J.Y. Chow, Vice-presidente senior del settore cibo e agricoltura della Mizuho Bank di Tokyo (Giappone), evidenziando che nonostante la domanda di mangimi sia diminuita, la richiesta cinese di soia continua a salire, tanto che quest’anno le importazioni del legume nel paese asiatico sono cresciute di 100 milioni di tonnellate.

    “A partire dal 2012 la domanda di mangimi ha iniziato a diminuire – osserva il dottor Chow -, pertanto perché la richiesta di soia continua a salire se quella di mangimi è ferma?”. L’esperto sostiene che ci siano diverse risposte a questo interrogativo. Innanzitutto cita alcune ragioni interne, come i migliori tassi di conversione dei mangimi e l’industrializzazione dell'agricoltura. Ma fa anche riferimento alla notevole capacità di macinazione della Cina: attualmente vengono macinati solo 93-94 milioni di tonnellate di soia, su una capacità pari a 150 milioni di tonnellate. “La Cina potrebbe potenzialmente importare più soia ed esportare la farina di soia macinata nel Sudest asiatico, e consumare l’olio di soia al posto dell’olio di palma”.

    Il dottor Chow ritiene che in futuro le importazioni cinesi di semi di soia potrebbero aumentare ulteriormente, e che la Cina potrebbe poi esportare la farina di soia ottenuta in Giappone, Corea del Sud, Vietnam e Filippine. “Tutti gli impianti di macinatura sono dislocati sulla costa, per cui quest’ipotesi è realizzabile se il prezzo delle importazioni è conveniente – afferma l’esperto -. Inoltre, l’aumento della classe media spinge in alto la richiesta di alimenti più sani: le persone preferiscono l’olio di soia rispetto all'olio di palma. Potrebbe quindi verificarsi una graduale scomparsa dell'olio di palma. La Cina potrebbe facilmente importare un altro 10-15% di semi di soia, quindi altri 10-15 milioni di tonnellate di soia. Non accadrà da un giorno all'altro, ma mi aspetto che succederà”.

    Foto: © Africa Studio - Fotolia

    redazione 29-06-2018 Tag: soiaasiaCinamangimimercatoimportazioniesportazioni
Articoli correlati
  • Unione Europea, stabile export prodotti agroalimentari

    Tra settembre 2017 e agosto 2018 le esportazioni dei prodotti agroalimentari dell’Unione Europea sono rimaste tendenzialmente stabili. Lo evidenzia il rapporto “Monitoring EU agri-food trade: Development until August 2018” pubblicato dalla...

    18-11-2018
  • Soia, Cina, Usa e la battaglia delle proteine vegetali

    La guerra dei dazi tra Cina e Stati Uniti non sta influenzando soltanto gli scambi commerciali tra i due Paesi, ma sta determinando cambiamenti nelle politiche economiche interne dello stato asiatico. Lo evidenzia il rapporto: “Foreign Agricultural...

    08-11-2018
  • Mais, un contratto di filiera per rilanciare la produzione

    Risollevare il settore maidicolo a beneficio dell'intera filiera agroalimentare. Il mais italiano è una coltura in crisi produttiva che necessita di una strategia di rilancio con la collaborazione di tutti i soggetti della filiera. E uno strumento chiave...

    04-11-2018
  • Sicurezza alimentare e sostenibilità, focus durante 12° Ifrm in Tailandia

    In occasione della 12° edizione del convegno “International feed regulators meeting (Ifrm)”, organizzato dall'International feed industry federation (Ifif) in collaborazione con l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e...

    31-10-2018
  • Latte, rialzo dei prezzi in Europa

    A partire da giugno, ogni mese il prezzo del latte alla stalla in Europa e in Italia ha registrato un lieve aumento. Tuttavia, si mantiene significativamente al di sotto rispetto ai livelli dello scorso anno. È quanto emerge dal rapporto: “Lattiero...

    28-10-2018