Victam
  • Rapporto AgrOsserva: nel primo trimestre 2018 cresce produzione agricola

    Print

    Aumentano anche consumi domestici, occupazione dipendente e investimenti

    Agricoltura trattore %c2%a9 pershing   fotolia.com

    Nel primo trimestre del 2018 la produzione agricola è tornata a crescere. Lo evidenzia il rapporto: “AgrOsserva La congiuntura agroalimentare I trimestre 2018” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui dopo il trend negativo registrato nel 2017 a causa delle condizioni climatiche avverse, l'avvio del 2018 mostra segnali positivi per il comparto agricolo italiano.

    L’indagine rileva che il valore aggiunto in termini reali è aumentato di 4,6 punti rispetto all'ultimo trimestre del 2017 e di 0,6 punti su base annua. Dopo due flessioni consecutive, cresce l'occupazione dipendente del settore (+1,1%), mentre diminuisce quella indipendente (-2,9%). Si registra un lieve calo del numero totale delle imprese agricole (-0,4%), ma aumenta quello delle aziende condotte da giovani (+4,7%), la cui quota sul totale è passata dal 6% al 7% in tre anni.

    L’Ismea sottolinea che il miglioramento del contesto generale è stato percepito dagli operatori del settore primario: l'indice del clima di fiducia dell'agricoltura nel primo trimestre 2018 mostra un incremento sia su base annua, sia su base congiunturale. Un maggiore ottimismo emerge anche nei giudizi degli operatori dell'industria alimentare in relazione all'andamento degli ordini e alle aspettative di produzione, che riflette il buon andamento della domanda estera e il consolidamento della ripresa di quella domestica. Le spedizioni di prodotti agroalimentari Made in Italy oltreconfine, infatti, hanno continuato a crescere anche nei primi tre mesi del 2018 (+3,3% su base annua), anche se hanno manifestato un rallentamento rispetto all’incremento del 6,8% registrato nell’intero 2017.

    L'analisi delle esportazioni agroalimentari dei primi tre mesi del 2018 per mercato di destinazione evidenzia un'accelerazione dei flussi verso la Germania (+3,9% su base annua) e i Paesi Bassi +7,4% su base annua), e una decelerazione di quelli destinati alla Francia (+6,6%), alla Spagna (+0,6%), ma soprattutto al Regno Unito (+0,2%). Meno dinamiche rispetto al 2017 anche le esportazioni rivolte alle principali mete extra-europee, che crescono del 2,7% (rispetto all’8,2% del 2017).

    Per quanto riguarda le importazioni, si rileva una lieve diminuzione dei flussi in entrata (-0,3%) rispetto al periodo gennaio-marzo 2017, dopo l'aumento registrato lo scorso anno (pari al 4,5%). In particolare, nei primi tre mesi del 2018 sono calate le importazioni dalla Spagna (-16%), e in area extra UE da quasi tutti i principali fornitori di materie prime agricole a eccezione dell'Ucraina (+17,6%) e del Brasile (+20,4%).

    Nel primo trimestre 2018 i consumi domestici dei prodotti alimentari da parte delle famiglie italiane hanno continuato a crescere, registrando un aumento dell’1,4% su base tendenziale, dopo quello del 3,2% riportato durante il 2017. Infine, l’Ismea precisa che l'analisi delle informazioni sul credito nel comparto agricolo rivela alcuni segnali di miglioramento. Nello specifico, evidenzia che la ripresa dei prestiti per l’acquisto di immobili rurali e per macchinari e attrezzature indica il generale rilancio degli investimenti da parte degli imprenditori del settore primario.

    Foto: © pershing - Fotolia.com

    redazione 10-07-2018 Tag: agricolturaIsmeaAgrosservaexportimportconsumi domesticiinvestimenti
Articoli correlati
  • Materie prime, nel 2018 bilancia commerciale negativa per oltre 2miliardi di euro

    Aumento  delle importazioni e frenata delle esportazioni di cereali, semi oleosi e farine proteiche. I dati del settore cerealicolo elaborati da Anacer, Associazione nazionale cerealisti, e relativi al 2018 evidenziano, ancora una volta, la cronica carenza...

    15-03-2019
  • Frumento, costi di produzione e ricavi in chiaroscuro

    L'analisi dei costi di produzione e dei ricavi delle aziende agricole che coltivano frumento duro e tenero evidenzia una redditività eterogenea a livello territoriale e che, a causa dei fattori climatici e di tecniche colturali non sempre adeguate, varia...

    09-03-2019
  • Obiettivo 2050, possibile grazie alla ricerca scientifica

    Nutrire la popolazione mondiale in continua crescita con meno risorse a disposizione: è una delle principali sfide del 21° secolo e uno dei temi affrontati durante la riunione annuale dell'American Association for the Advancement of Science (Aaas),...

    04-03-2019
  • Agroalimentare, bando da 100 milioni per investimenti

    Stanziati 100 milioni di euro per il finanziamento di investimenti nel settore agroalimentare. Lo comunica l’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), che si occuperà di erogare i finanziamenti a tasso agevolato - pari al 30%...

    26-02-2019
  • Studio: grazie a genetica rafforzamento colture contro malattie

    Sviluppato un nuovo metodo per rafforzare la resistenza delle colture a malattie e parassiti. La nuova tecnica, chiamata AgRenSeq, è stata realizzata dagli scienziati del John Innes Centre di Norwich (Gran Bretagna) in collaborazione con ricercatori...

    21-02-2019