• Industry4Europe, una nuova governance per un’ambiziosa strategia industriale

    Print
    Europa

    La coalizione “Industry4Europe”, che rappresenta gli interessi di 122 associazioni di categoria dell'Unione Europea compresa la Fefac (European Feed Manufacturers' Federation), ha avanzato la proposta di realizzare una nuova struttura di governance responsabile della strategia industriale europea. In particolare, ha presentato il documento: “A governance structure for an ambitious EU industrial strategy”, con cui chiede alle istituzioni europee di promuovere una struttura di governance che consenta l'attuazione di un'ambiziosa strategia industriale, basata sul dialogo costante tra gli industriali, i responsabili delle decisioni politiche a livello europeo, nazionale, regionale e locale e la società civile.

    Industry4Europe precisa che l’operato della futura struttura di governance dovrebbe fondarsi su due principi fondamentali:
    1. garantire un dialogo informato e permanente tra l'industria, i decisori politici e i gruppi interessati della società civile (sindacati, organizzazioni dei consumatori, ONG, mondo accademico);
    2. realizzare una struttura di istituzioni europee che consenta di affrontare e attuare una strategia industriale al più alto livello.

    Nell’ottobre del 2017 la coalizione aveva già pubblicato un altro documento, intitolato: “For an ambitious EU Industrial Strategy: Going further”, con cui aveva espresso la necessità di una visione a lungo termine per l'industria europea e richiesto l’adozione di una struttura di governance che durasse più del periodo di presidenza dell'Unione Europea di 6 mesi e del mandato quinquennale dell'attuale Commissione Europea. Secondo Industry4Europe questa struttura di governance dovrebbe consentire alla Commissione, al Consiglio e al Parlamento europei, insieme a tutti i soggetti interessati, di sviluppare un'industria intelligente, innovativa e sostenibile.

    red. 13-07-2018 Tag: Industry4EuropeindustriaFEFACUnione Europeainnovazionesostenibilità
Articoli correlati
  • Agricoltura e zootecnia, con hard Brexit in Italia 9 mila posti di lavoro in meno

    L’uscita senza accordo del Regno Unito dall’Unione europea avrà ripercussioni sul Pil e sull’occupazione in molti settori degli altri Paesi europei. Tra questi anche l’agricoltura e la zootecnia nelle quali l’Italia...

    23-08-2019
  • Agea, Andrea Comacchio è il nuovo direttore

    L’Agea, l’Agenzia per le Erogazioni in agricoltura, ha un nuovo direttore. Il ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio ha nominato Andrea Comacchio al vertice dell’organismo. Il suo mandato...

    16-08-2019
  • Fao, ancora lontani gli Obiettivi di sviluppo sostenibile in agricoltura

    La maggior parte degli Obiettivi di Sviluppo sostenibile che riguardano agricoltura, lotta alla fame e sicurezza alimentare sono ancora un traguardo irraggiungibile. Non centrare questi obiettivi mette a rischio l’attuazione dell’intera Agenda per lo...

    01-08-2019
  • Fefac sostiene l’impegno della Commissione Ue sulla deforestazione

    I produttori mangimi, cereali e semi, alimenti proteici e oli vegetali in difesa delle foreste. Fefac, la Federazione europea dei Produttori di mangimi, Coceral, l’Associazione europea dei Produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d’oliva e oli,...

    29-07-2019
  • Come gestire una stalla da 20.000 Kg?

    Quando pensiamo al futuro della zootecnia da latte, immaginiamo stalle con performance medie per vacca ben lontane da quelle, pur ragguardevoli, ottenute attualmente. La media delle venti stalle più produttive d’Italia del 2018 è stata di...

    29-07-2019