• Fefac, pubblicato rapporto annuale 2017-2018

    Print

    Il documento illustra le misure adottate e i punti di vista della federazione

    Mucche bovini allevamento zootecnia %c2%a9 pavel losevsky   fotolia

    Fefac (European Feed Manufacturers' Federation), la federazione dei produttori europei di mangimi composti, ha pubblicato il documento: Annual Report 2017-2018”, che descrive le iniziative messe in atto nel corso dell’ultimo anno e il punto di vista della federazione sugli argomenti più rilevanti per l'industria mangimistica europea. Il periodo 2017-2018 è stato il primo anno di presidenza di Nick Major, che ha definito come prioritaria la realizzazione della “Visione dell’industria dei mangimi 2030”, un dossier adottato nel 2016 che illustra numerose soluzioni per rendere sostenibili gli allevamenti. Il Presidente Major osserva che il passaggio da un approccio difensivo a un approccio proattivo sta già mostrando i primi risultati, e sottolinea l’importanza del lavoro svolto da Fefac per promuovere la sostenibilità del settore zootecnico.

    Il rapporto fornisce una panoramica delle azioni adottate dalla federazione nel periodo 2017-2018 e le posizioni assunte da Fefac sulle tematiche di maggior interesse per i produttori di alimenti per animali. Ciò include la pubblicazione del documento: “PEFCR Feed for Food-Producing Animals”, che illustra la metodologia da seguire per definire l'impronta ambientale della produzione dei mangimi, l’aggiornamento dei livelli massimi di rame dietetico consentiti negli alimenti per maiali e suinetti, l'accordo politico sui mangimi medicati e il ruolo dell'alimentazione animale nell'ambito del prossimo “Piano europeo delle proteine”.

    La relazione riassume brevemente anche i dibattiti affrontati nel corso della 63° Assemblea generale Fefac, che si è svolta dal 20 al 21 giugno 2018 a Lione (Francia), durante la quale è stato discusso il ruolo dell'alimentazione animale nella gestione della salute del bestiame. Infine, la sezione centrale del documento contiene una selezione delle statistiche elaborate nel 2017 in relazione alla produzione di mangimi composti.

    Foto: © Pavel Losevsky – Fotolia

    red. 06-08-2018 Tag: FEFACzootecniamangimisostenibilità
Articoli correlati
  • Antimicrobici, nel 2016 vendite in calo in Italia

    Nel 2016 le vendite di farmaci antimicrobici in Italia sono diminuite. Lo evidenzia il rapporto: “Dati di vendita dei medicinali veterinari contenenti agenti antimicrobici. Trend in Italia Anno 2016” pubblicato dal Ministero della Salute, secondo cui...

    14-10-2018
  • Mangimistica mondiale: un mercato da 500miliardi di dollari nel 2023

    Il mercato degli alimenti per animali dovrebbe crescere a un Cagr (tasso di crescita annuale composto) del 4,42%, fino a raggiungere 505,398 miliardi di dollari nel 2023. Lo evidenzia il rapporto: “Animal Feed Market - Forecasts from 2018 to 2023”...

    09-10-2018
  • Un agroalimentare di prodotto e non di normative

    I prodotti ottenuti con la nuova, moderna tecnica dell’editing genomico vanno considerati secondo la recente (25/07/18) sentenza della Corte di Giustizia Europea alla stregua dei vecchi organismi geneticamente modificati (OGM) e sono soggetti alle stesse...

    07-10-2018
  • Benessere animali: il report del Ministero sui controlli 2017

    Il Ministero della Salute ha pubblicato le relazioni annuali sui controlli effettuati nel 2017 sul rispetto della normativa in materia di protezione degli animali negli allevamenti e durante il trasporto. Benessere degli animali in allevamento La relazione:...

    23-09-2018
  • Ifif: il futuro dei settori alimentare e mangimistico al centro del 6° Gffc

    Quali sfide attendono il settore alimentare e il comparto mangimistico nel prossimo futuro? A questa domanda cercherà di rispondere il “6° Global Feed & Food Congress (Gffc)”, che per la prima volta si svolgerà nella regione...

    20-09-2018