Victam
  • Efsa, come prevenire la diffusione della peste suina africana

    Print
    Cinghiali pixabay

    L'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha elaborato una serie di misure dirette a prevenire la diffusione della peste suina africana (Psa). In un parere scientifico, gli esperti dell'Efsa hanno individuato alcune strategie di gestione dei cinghiali selvatici nelle diverse fasi di un'epidemia di Psa, precisando cosa andrebbe fatto prima, durante e dopo. I cinghiali selvatici svolgono, infatti, un ruolo rilevante nel diffondere la malattia.

    In particolare, l’Autorità ha analizzato la densità della popolazione dei cinghiali selvatici in Europa, valutando le misure per ridurla e per mantenere gli esemplari infetti lontano dai cinghiali che non hanno contratto la Psa. Nel documento gli esperti dell’Efsa descrivono le modalità per individuare precocemente la malattia, precisando che la sorveglianza passiva - ossia la segnalazione di cinghiali selvatici morti - rimane il metodo più efficace per individuare nuovi casi di Psa in fase precoce, all’interno delle zone precedentemente indenni dalla malattia.

    L’Efsa spiega che per ridurre i rischi di epidemie sarebbe opportuno adottare misure come la caccia intensiva e la non alimentazione dei cinghiali selvatici. Inoltre, se l'epidemia è già in corso, bisognerebbe evitare la messa in pratica di attività che possano aumentare il movimento dei cinghiali, come le battute di caccia organizzate. Gli esperti non sono tuttavia riusciti a stabilire una soglia di densità di cinghiali selvatici al di sotto della quale il virus non è in grado di prendere il sopravvento. Hanno infatti osservato che la Psa si diffonde anche in aree dove la presenza di questi animali è scarsa.

    L’Autorità sottolinea poi l'importanza di mantenere un dialogo costante tra tutte le parti interessate, per accrescere la capacità di gestire le emergenze. “Gli esperti hanno convenuto che creare consapevolezza nella società e fornire incentivi alle persone che riferiscono l’avvistamento di carcasse di cinghiali selvatici – spiega Christian Gortazar, Presidente del gruppo di lavoro dell'Efsa sulla Psa -, sono provvedimenti essenziali per combattere la malattia”.

    Infine, gli esperti evidenziano la necessità di rendere omogenee le modalità di raccolta delle informazioni sui cinghiali selvatici in tutta l'Unione Europea, in modo da rendere i dati maggiormente confrontabili. A questo scopo, l'Efsa finanzia il progetto ENETWILD, che si prefigge di raccogliere e armonizzare i dati sulla distribuzione geografica e l'abbondanza di cinghiali selvatici in tutta Europa.

    Foto: Pixabay

    red. 14-09-2018 Tag: EFSApeste suina africanasuinicinghiali
Articoli correlati
  • Mangimi: bovini e suini i settori in maggiore crescita in Italia

    In aumento nel 2018 la produzione di mangimi dell’1,7%. Tengono gli alimenti per volatili. Crescono di oltre centomila tonnellate i mangimi per l’alimentazione dei suini. Ancor più marcato, fino al 4,6%, il progresso produttivo del settore...

    23-06-2019
  • Comparto suinicolo europeo: calo domanda estera, rallenta mercato

    Nei primi mesi del 2019 il mercato suinicolo europeo ha risentito del calo delle esportazioni in Cina. Lo evidenzia il rapporto: “Suini: tendenze del settore” pubblicato dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare),...

    16-06-2019
  • Efsa, contro antibiotico-resistenza un aiuto da sequenziamento genoma

    La tecnica del sequenziamento dell'intero genoma potrebbe rappresentare un alleata nella lotta contro l’antibiotico-resistenza in cibi e animali. Lo sostiene il rapporto: “Technical specifications on harmonised monitoring of antimicrobial resistance...

    08-06-2019
  • Oie, al via iniziativa globale per fermare peste suina africana

    Per frenare la diffusione della peste suina africana, l'Organizzazione mondiale della sanità animale (Oie) ha lanciato un'iniziativa globale diretta a rafforzare i controlli, ridurre le perdite economiche per gli allevamenti di maiali ed eradicare la...

    05-06-2019
  • Mangimi, Fefac: previsioni per un 2019 in leggera flessione

    Stime con un minimo segno meno per la produzione di mangimi nel 2019. Per Fefac, la Federazione dei produttori europei di mangimi, rispetto al 2018 è prevista una flessione della produzione generale dello 0,5%. Tra i diversi settori in controtendenza...

    20-05-2019