• Fao, produzione cereali in calo nel 2018

    Print

    Previsto aumento dei raccolti di mais in Cina, Ucraina e Stati Uniti

    Agricoltura mangimi cereali %c2%a9 dleonis   fotolia.com

    Nel 2018 la produzione mondiale di cereali dovrebbe raggiungere i 2.587 milioni di tonnellate. Questo valore, leggermente superiore rispetto alle previsioni di luglio, è il più basso registrato negli ultimi tre anni e risulta inferiore del 2,4% rispetto al livello record dell'anno scorso. È quanto emerge dal bollettino “Cereal supply and demand brief” pubblicato dall’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), secondo cui quest'anno la produzione mondiale di grano dovrebbe essere più bassa di 14 milioni di tonnellate rispetto alle precedenti stime, fermandosi a quasi 722 milioni di tonnellate, il valore più basso dal 2013. In Europa il calo produttivo sarebbe dovuto al clima caldo e secco.

    La Fao ha rivisto al rialzo di 15 milioni di tonnellate la produzione mondiale di cereali a grana grossa, grazie soprattutto alle migliori prospettive per i raccolti di mais in Cina, in Ucraina e negli Stati Uniti, che dovrebbero più che compensare le flessioni produttive previste nell'Unione Europea e nella Federazione Russa. La produzione di grano duro nel 2018 dovrebbe attestarsi sui 1.354 milioni di tonnellate, circa il 2,6% in meno rispetto al 2017. La produzione mondiale di riso dovrebbe invece aumentare dell'1,3% rispetto all'anno scorso e raggiungere il record di quasi 512 milioni di tonnellate. Secondo la Fao, la crescita produttiva sarebbe dovuta agli incrementi registrati in Bangladesh e Vietnam e all’aumento delle aree coltivate con il cereale nello Sri Lanka e negli Stati Uniti.

    La Fao prevede che l'utilizzo mondiale dei cereali nel 2018 dovrebbe raggiungere i 2.648 milioni di tonnellate, grazie soprattutto alla maggiore offerta di mais per l'alimentazione animale e per l’uso industriale, e all’elevata produzione di riso. Si stima una riduzione delle scorte, in particolare in Cina, nell'Unione Europea e nella Federazione russa, mentre lo “Stock to use ratio” (il rapporto tra stock finali e utilizzazioni interne) dovrebbe scendere al 27,3%, il valore più basso degli ultimi cinque anni. Infine, secondo la Fao il commercio mondiale di cereali durante la stagione 2018/2019 che dovrebbe raggiungere un valore di circa 414 milioni di tonnellate, circa l'1,5% in meno rispetto al livello record dello scorso anno.

    Foto: © DLeonis - Fotolia.com

    red. 28-09-2018 Tag: cerealimaisfaoproduzionescorte
Articoli correlati
  • Stati Uniti, la maturazione del mais è rallentata

    L’ultimo report del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti dello scorso 8 luglio ha aggiornato le fasi di sviluppo delle colture foraggere. Se la semina del mais è terminata, la coltura subisce ancora gli effetti di una stagione...

    17-07-2019
  • Ricerca, combinazione di ginseng e sorgo rende più efficiente alimentazione avicola

    L’aggiunta del ginseng brasiliano nei mangimi a base di sorgo potrebbe rendere più efficienti gli alimenti per pollame e prolungare il periodo di conservazione delle uova. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Livestock Science dagli...

    16-07-2019
  • Agroalimentare, in leggera crescita nel primo trimestre

    Buon avvio per il settore agroalimentare nel 2019. Come riporta Ismea, nel primo trimestre il comparto agricolo è caratterizzato dal segno positivo, sebbene il suo contributo sia modesto alla crescita del Pil nazionale, e anche la produzione industriale...

    14-07-2019
  • Fao, aumento della domanda ma prezzi materie prime stabili

    Domanda in aumento, crescita ancora più rapida della produttività e prezzi delle materie prime ai livelli attuali o più bassi. Nei prossimi dieci anni potrebbe essere questo lo scenario del mercato agricolo secondo le previsioni...

    13-07-2019
  • Usa, aumentano coltivazioni di mais. In calo quelle di soia e grano

    Nel 2019 i terreni destinati alla coltivazione del mais negli Usa dovrebbero aumentare del 2,9% rispetto al 2018, fino a raggiungere la superficie di 91.700.000 di acri. Lo evidenzia il rapporto “Acreage” pubblicato lo scorso 28 giugno dal...

    10-07-2019