• Bovini, come eliminare la dermatite nodulare contagiosa

    Print

    Nuovo rapporto dell’Efsa illustra metodi più efficaci

    Mucca bovini %c2%a9 mexrix   fotolia.com

    Ora che i focolai nell’Europa sud-orientale sono stati contenuti, occorre individuare le strategie più efficaci per eliminare la dermatite nodulare (Lsd) nei bovini. Lo sostiene l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che nel rapporto: “Lumpy skin disease: scientific and technical assistance on control and surveillance activities” descrive la durata ideale dei programmi di vaccinazione per eliminare la malattia, esamina le probabilità che la Lsd si manifesti di nuovo e illustra i possibili metodi di sorveglianza.

    L‘Efsa comunica che nella regione balcanica i focolai di dermatite nodulare contagiosa bovina sono calati del 95%: sono passati da 7.483 nel 2016 a 385 nel 2017. Nel 2018 sono stati segnalati focolai della malattia nell’Europa sud-orientale e un focolaio nella parte europea della Turchia. Dal rapporto emerge che il programma vaccinale potrà essere più breve quanto più sarà efficace la vaccinazione e quanto più numerose saranno le mandrie vaccinate. Per esempio, se la vaccinazione è efficace sull'80% degli animali vaccinati, sarà sufficiente un programma biennale con copertura vaccinale del 90% delle mandrie.

    L’Efsa precisa che le probabilità che la dermatite nodulare contagiosa si ripresenti dopo un programma di vaccinazione dipendono soprattutto dalla possibilità che vengano introdotti animali infetti dalla zone vicine interessate dalla malattia. Inoltre, potrebbe svolgere un ruolo rilevante la possibile persistenza del virus nei vettori (come zecche e insetti) o nell'ambiente. Il rapporto, infine, illustra i metodi di sorveglianza più efficaci, che includono misure per la diagnosi precoce di nuovi casi e modalità per dimostrare l’assenza della malattia.

    Foto: © Mexrix - Fotolia.com

    redazione 25-10-2018 Tag: dermatite nodulare contagiosaboviniEFSAvaccinazionesalute animale
Articoli correlati
  • Efsa, la situazione della peste suina

    Il rilevamento precoce, la rimozione rapida delle carcasse degli animali morti a causa della malattia e la caccia intensiva nelle zone colpite dall’infezione potrebbero favorire l’eradicazione della peste suina africana (Psa). È quanto emerge...

    08-12-2018
  • Formazione veterinario aziendale, il sistema ClassyFarm per categorizzare gli allevamenti

    Il sistema integrato ClassyFarm, finalizzato alla categorizzazione dell’allevamento in base al rischio, consentirà di valutare il benessere degli animali, il consumo di farmaci e la nutrizione del bestiame nelle imprese zootecniche. Lo spiega il...

    07-12-2018
  • I valori di riferimento per la dieta nella nuova pagina interattiva dell'Efsa

    L'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha realizzato una pagina web in cui uno strumento interattivo, chiamato “Drv Finder”, permette ai nutrizionisti e agli altri professionisti della salute di eseguire facilmente rapidi...

    06-12-2018
  • Encefalopatie spongiformi, la situazione nella Comunità europea

    Nel 2017 non sono stati individuati casi di encefalopatia spongiforme bovina (Bse) classica nell’Unione Europea, anche se sono stati segnalati sei casi di Bse atipica. Lo evidenzia il rapporto: “The European Union summary report on surveillance for...

    05-12-2018
  • Diossina, Efsa aggiorna livelli tollerabilità

    L'esposizione alimentare alla diossina e ai Pcb diossina-simili costituisce un problema per la salute. Lo sottolinea l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che ha aggiornato i livelli di tollerabilità dell’assunzione di queste...

    22-11-2018