• Formazione veterinario aziendale, il sistema ClassyFarm per categorizzare gli allevamenti

    Print
    Veterinario pixabay

    Il sistema integrato ClassyFarm, finalizzato alla categorizzazione dell’allevamento in base al rischio, consentirà di valutare il benessere degli animali, il consumo di farmaci e la nutrizione del bestiame nelle imprese zootecniche. Lo spiega il Ministero della Salute che, in collaborazione con l’istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna, ha concluso il secondo corso di formazione dei formatori sull’uso del “Sistema informativo integrato per la categorizzazione del rischio degli allevamenti (ClassyFarm)”.

    Il Dicastero precisa che ClassyFarm è lo strumento attraverso cui intende dare attuazione al Decreto del Ministro della Salute 7 dicembre 2017, recante: “Sistema di reti di epidemiosorveglianza, ed i compiti, le responsabilità ed i requisiti professionali del veterinario aziendale”, che regolamenta la partecipazione volontaria degli allevatori al sistema di epidemiosorveglianza tramite il coinvolgimento della figura del veterinario aziendale. Il sistema prevede la partecipazione attiva degli operatori e, pertanto, si prefigge di rafforzare la collaborazione tra le autorità competenti e gli allevatori.

    Il Ministero sottolinea che i corsi di formazioni rivolti ai veterinari aziendali dovranno prevedere una parte comune a tutto il bestiame, e una parte dedicata alle esigenze specifiche dei diversi animali presenti nell’allevamento: suini, ruminanti (bovini, ovi-caprini e bufali) e avicoli. Questa decisione punta a fare in modo che vengano trattate le peculiarità di ogni singola specie. Inoltre, i corsi dovranno dedicare un approfondimento ai sistemi informativi della rete di epidemiosorveglianza e, in particolare, un focus specifico su ClassyFarm.

    ClassyFarm consente di raccogliere ed elaborare i dati provenienti dall’attività di controllo ufficiale e dall’autocontrollo aziendale, relativi a sei aree strategiche per la valutazione del rischio: biosicurezza, benessere animale, parametri sanitari e produttivi, alimentazione animale, consumo di farmaci e lesioni rilevate al macello. Il sistema fornisce un’elaborazione dei dati relativi a ogni allevamento censito nella “Banca dati nazionale dell’anagrafe zootecnica del Ministero della Salute” (Bdn) e genera, attraverso l’applicazione di coefficienti di conversione, una serie d’indicatori che definiscono i livelli di rischio dell’allevamento, sia a livello complessivo, sia per singola area di valutazione.

    Nello specifico, ClassyFarm può raccogliere ed elaborare i dati provenienti dalle attività del controllo ufficiale, dai sistemi informativi e dalle banche dati in uso (Bdn, Sanan, Ricetta elettronica, ecc.) e, infine, dalle attività in autocontrollo dell’operatore – che può inserire i dati esclusivamente attraverso un veterinario aziendale appositamente incaricato. Per il momento sono esclusi del sistema di categorizzazione del rischio gli allevamenti di autoconsumo o familiari.

    Foto: Pixabay

    redazione 07-12-2018 Tag: veterinario aziendaleDM 7 dicembre 2017allevamentozootecniasalute animaleepidemiosorveglianza
Articoli correlati
  • Come gestire una stalla da 20.000 Kg?

    Quando pensiamo al futuro della zootecnia da latte, immaginiamo stalle con performance medie per vacca ben lontane da quelle, pur ragguardevoli, ottenute attualmente. La media delle venti stalle più produttive d’Italia del 2018 è stata di...

    29-07-2019
  • L’agricoltura e l’agroalimentare nel 2018. Alcuni dati dell’Istat

    Soffre la zootecnia. Cereali e ortofrutta in saluteIl prodotto agricolo che ha fatto segnare il miglior andamento è stato il vino. La produzione è cresciuta del 16,2% in volume e di ben il 31,5% in valore. Anche i prezzi sono aumentati...

    23-07-2019
  • Borriello (Ismea): “Bando di finanza agevolata, la zootecnia fra i comparti più coinvolti”

    Il bando per il finanziamento da 100 milioni di euro messo a punto da Ismea ha suscitato grande interesse fra le aziende agroalimentari alla ricerca di maggiore competitività. Tra i settori che più di altri sono stati sollecitati...

    15-07-2019
  • Agroalimentare, in leggera crescita nel primo trimestre

    Buon avvio per il settore agroalimentare nel 2019. Come riporta Ismea, nel primo trimestre il comparto agricolo è caratterizzato dal segno positivo, sebbene il suo contributo sia modesto alla crescita del Pil nazionale, e anche la produzione industriale...

    14-07-2019
  • Uova, come aumentare la presenza di vitamina D

    Esporre il pollame alla luce UV per 6 ore al giorno potrebbe accrescere la presenza di vitamina D nelle uova di 3-4 volte. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Poultry Science dai ricercatori della Martin Luther University Halle-Wittenberg di Halle...

    11-07-2019