Victam
  • Stati Uniti: il maggiore fornitore di soia in Europa

    Print

    Superato il Brasile, che esporta soprattutto in Cina

    Soia %c2%a9 dusan kostic   fotolia

    Gli Stati Uniti sono diventati il principale esportatore di soia in Europa, superando il Brasile. Lo afferma lo U.S. Soybean Export Council (Ussec), come riporta il sito World Grain, secondo cui a partire dal 1° settembre le vendite della soia e dei semi di soia statunitensi nell’Unione Europea e nell’area del Medio Oriente e del Nord Africa sono aumentate rispettivamente del 243% e del 105%.

    Secondo il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), nella campagna 2018-19 le esportazioni della soia prodotta negli Usa in Europa, Medio Oriente e Nord Africa finora (dati registrati l’8 novembre) hanno raggiunto 3,67 milioni di tonnellate. Nello stesso periodo, le vendite della farina di soia statunitense in queste regioni sono state pari a 650.000 tonnellate, più del doppio rispetto all'anno scorso.

    La crescita delle esportazioni nelle tre aree sarebbe dovuta, in parte, alla guerra dei dazi iniziata lo scorso luglio tra Cina e Stati Uniti. A causa della disputa commerciale la Cina, che tradizionalmente era il maggiore acquirente della soia americana, ha stabilito una tassa del 25% su tutti i semi di soia spediti dagli Stati Uniti, riducendo drasticamente la quantità di acquisti del legume prodotto negli Stati Uniti.

    L'Ussec sottolinea che gli Stati Uniti hanno superato il Brasile come principale fornitore di soia in Europa e nella zona del Medio Oriente/Nord Africa. Questo si è verificato anche perché la maggior parte delle esportazioni della soia brasiliana sono adesso dirette in Cina. Secondo le previsioni dell’Ussec, l'Unione Europea acquisterà oltre 10 milioni di tonnellate di soia dagli Stati Uniti durante la campagna commerciale in corso, una quota ben più alta dei 7 milioni di tonnellate della campagna 2017-18.

    Foto: © Dusan Kostic - Fotolia

    redazione 05-01-2019 Tag: soiaUsaCinaUnione Europeaesportazioni
Articoli correlati
  • Brexit senza accordo: i costi per l'agroalimentare italiano

    In caso di “no deal”, la vendita di prodotti agroalimentari made in Italy nel Regno Unito non dovrebbe diminuire nell’immediato. Tuttavia, su questa possibilità pesa l’autonomia decisionale della Gran Bretagna in materia di dazi e...

    08-05-2019
  • Condivisione dati agricoli, anche Climmar e AnimalhealthEurope aderiscono al Codice di condotta

    A un anno di distanza dalla sua pubblicazione, avvenuta il 23 aprile 2018, l’“EU Code of conduct on agricultural data sharing” - il codice di condotta congiunto dell'Unione Europea sulla condivisione dei dati agricoli - ha ricevuto...

    01-05-2019
  • Stati Uniti, in ritardo semina di mais e altri cereali

    Negli Stati Uniti le condizioni meteorologiche avverse avrebbero ritardato la semina del mais e di altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi. Lo evidenzia il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli...

    23-04-2019
  • Dazi Usa su merci Ue? A rischio 2,2 miliardi di Made in Italy agroalimentare

    Pecorino Romano, olio, vino e pasta. Con i dazi minacciati dal presidente Usa Trump l'export di questi prodotti simbolo del Made in Italy potrebbe subire un duro colpo. A rischio – secondo le previsioni di Ismea – ci sono ben 2,2 miliardi di euro,...

    12-04-2019
  • Usa, in calo piantagioni di soia

    Nel 2019 le piantagioni statunitensi di soia dovrebbero diminuire, mentre quelle del mais dovrebbero aumentare. Nel frattempo, le scorte del legume sono cresciute, mentre quelle del cereale sono scese. Lo evidenziano i rapporti “Prospective...

    04-04-2019