• Stati Uniti: il maggiore fornitore di soia in Europa

    Print

    Superato il Brasile, che esporta soprattutto in Cina

    Soia %c2%a9 dusan kostic   fotolia

    Gli Stati Uniti sono diventati il principale esportatore di soia in Europa, superando il Brasile. Lo afferma lo U.S. Soybean Export Council (Ussec), come riporta il sito World Grain, secondo cui a partire dal 1° settembre le vendite della soia e dei semi di soia statunitensi nell’Unione Europea e nell’area del Medio Oriente e del Nord Africa sono aumentate rispettivamente del 243% e del 105%.

    Secondo il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), nella campagna 2018-19 le esportazioni della soia prodotta negli Usa in Europa, Medio Oriente e Nord Africa finora (dati registrati l’8 novembre) hanno raggiunto 3,67 milioni di tonnellate. Nello stesso periodo, le vendite della farina di soia statunitense in queste regioni sono state pari a 650.000 tonnellate, più del doppio rispetto all'anno scorso.

    La crescita delle esportazioni nelle tre aree sarebbe dovuta, in parte, alla guerra dei dazi iniziata lo scorso luglio tra Cina e Stati Uniti. A causa della disputa commerciale la Cina, che tradizionalmente era il maggiore acquirente della soia americana, ha stabilito una tassa del 25% su tutti i semi di soia spediti dagli Stati Uniti, riducendo drasticamente la quantità di acquisti del legume prodotto negli Stati Uniti.

    L'Ussec sottolinea che gli Stati Uniti hanno superato il Brasile come principale fornitore di soia in Europa e nella zona del Medio Oriente/Nord Africa. Questo si è verificato anche perché la maggior parte delle esportazioni della soia brasiliana sono adesso dirette in Cina. Secondo le previsioni dell’Ussec, l'Unione Europea acquisterà oltre 10 milioni di tonnellate di soia dagli Stati Uniti durante la campagna commerciale in corso, una quota ben più alta dei 7 milioni di tonnellate della campagna 2017-18.

    Foto: © Dusan Kostic - Fotolia

    redazione 05-01-2019 Tag: soiaUsaCinaUnione Europeaesportazioni
Articoli correlati
  • Dall’Unione europea nuovi aiuti per il comparto avicolo

    Più di 30 milioni di euro per il settore avicolo colpito dall'aviaria. Da Bruxelles il Comitato di gestione ha approvato nuovi aiuti per la filiera di uova e carni bianche in Italia. Le misure accordate dall'Unione europea, per un ammontare complessivo di...

    20-07-2019
  • Stati Uniti, la maturazione del mais è rallentata

    L’ultimo report del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti dello scorso 8 luglio ha aggiornato le fasi di sviluppo delle colture foraggere. Se la semina del mais è terminata, la coltura subisce ancora gli effetti di una stagione...

    17-07-2019
  • Ministero della Salute, riavviato l’export di seme bovino e bufalino per la Cina

    Dopo otto anni l’Italia può tornare a esportare seme bovino e bufalino in Cina. Dall’8 luglio le ditte autorizzate da Pechino possono tornare a operare sul mercato asiatico. L’interruzione era stata decisa a seguito della scoperta del...

    11-07-2019
  • Usa, aumentano coltivazioni di mais. In calo quelle di soia e grano

    Nel 2019 i terreni destinati alla coltivazione del mais negli Usa dovrebbero aumentare del 2,9% rispetto al 2018, fino a raggiungere la superficie di 91.700.000 di acri. Lo evidenzia il rapporto “Acreage” pubblicato lo scorso 28 giugno dal...

    10-07-2019
  • Stati Uniti, in ritardo semina e sviluppo delle colture

    Negli Stati Uniti la semina e lo sviluppo di diverse colture impiegate nella produzione di mangimi - come mais, soia, frumento e sorgo - procedono a rilento. Lo rivela il rapporto: “Crop Progress” pubblicato il 17 giugno dal Dipartimento...

    26-06-2019