Victam
  • Mangimi, Fefac: previsioni per un 2019 in leggera flessione

    Print
    Maiale maiali suini %c2%a9 kadmy   fotolia.com

    Stime con un minimo segno meno per la produzione di mangimi nel 2019. Per Fefac, la Federazione dei produttori europei di mangimi, rispetto al 2018 è prevista una flessione della produzione generale dello 0,5%. Tra i diversi settori in controtendenza dovrebbe porsi solo quello degli avicoli. Le stime per l'anno in corso sono condizionate da diversi fattori, suggeriscono gli esperti. Tra questi l'evoluzione delle epidemie di influenza aviaria e di febbre suina africana in particolare riguardo al mantenimento delle capacità di export. Un'incognita è rappresentata invece dall'impatto di Brexit sul mercato dei mangimi: probabilmente però, in condizioni di uscita del Regno Unito dall'Ue con un no-deal, probabilmente ci saranno delle ripercussioni sul commercio dei prodotti da animali d'allevamento e quindi sulla domanda di mangimi. 

    Bovini

    Le previsioni in questo segmento sono piuttosto fosche. Sebbene possano esserci ancora margini per un aumento nei primi mesi del 2019, la domanda di mangimi per i bovini ha raggiunto un livello piuttosto alto negli ultimi tre anni. Questo è stato sostenuto dalla revoca delle quote di vacche da latte che ha innescato una maggiore domanda di mangimi efficienti, nonostante le limitazioni derivanti dalle restrizioni sulle emissioni di fosforo. Considerando normali condizioni di maturazione del foraggio, la domanda di mangime per bovini è stimata in diminuzione del 2%. 

    Suini 

    La riduzione del numero di scrofe è destinata a continuare nella prima metà del 2019, con in più la pressione sugli standard del benessere animale in alcuni Paesi. Questo potrebbe pesare sulla domanda di mangimi per i suini con una riduzione prevista dello 0,5%. 

    Avicoli 

    Le tendenze per la produzione di mangimi per polli, tacchini e altri avicoli nel 2019 saranno condizionati in particolare dalla capacità del Brasile di recuperare la sua posizione di vertice nel mercato globale. Se l'Europa riesce a mantenere i suoi livelli nelle esportazioni e continua a fare affidamento a un consumo interno ancora crescente, gli esperti di Fefac si aspettano una crescita dell'1% per i mangimi nell'avicoltura.

     

    Foto: © Kadmy - Fotolia

    redazione 20-05-2019 Tag: FEFACmangimisuiniavicolibovini
Articoli correlati
  • Comparto suinicolo europeo: calo domanda estera, rallenta mercato

    Nei primi mesi del 2019 il mercato suinicolo europeo ha risentito del calo delle esportazioni in Cina. Lo evidenzia il rapporto: “Suini: tendenze del settore” pubblicato dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare),...

    16-06-2019
  • 60° anniversario Fefac, focus su fonti proteiche e cambiamenti climatici

    Per celebrare il suo 60° anniversario, Fefac (European Feed Manufacturers' Federation) ha organizzato l’evento “Resource efficiency champions of the food chain for 60 years”, che si è svolto il 6 giugno a Bruxelles (Belgio) e si...

    15-06-2019
  • Ifif e Oie, insieme per promuovere salute e benessere animale

    La corretta alimentazione è essenziale per promuovere la salute e il benessere degli animali. Lo ha affermato la Federazione internazionale dell'industria mangimistica (Ifif) in occasione dell’87ª Sessione dell’Assemblea generale...

    14-06-2019
  • Fefac, il valore dei co-prodotti per l’industria mangimistica

    Oltre a fornire benefici economici e ambientali, l’uso dei co-prodotti nella produzione di alimenti per animali è un esempio del ruolo svolto dai produttori europei di mangimi composti nell'ambito dell’economia circolare. Lo sottolinea la...

    12-06-2019
  • Porti italiani, un’infrastruttura da riformare

    La rete portuale da sempre riveste un ruolo di primaria importanza all’interno dell’economia italiana, un’economia con una forte vocazione all’export. L’Italia, come ha rilevato l’Istat, nel 2017 ha visto incrementare il...

    10-06-2019