Victam
  • Frumento, costi di produzione e ricavi in chiaroscuro

    Print
    Frumento pixabay

    L'analisi dei costi di produzione e dei ricavi delle aziende agricole che coltivano frumento duro e tenero evidenzia una redditività eterogenea a livello territoriale e che, a causa dei fattori climatici e di tecniche colturali non sempre adeguate, varia nel tempo. È quanto emerge dal rapporto: “I costi di produzione del frumento”, pubblicati dall’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), che esamina le spese e la redditività di numerose imprese agricole rappresentative del settore.

    L’indagine rileva una sostanziale differenza di redditività tra le aziende agricole che coltivano frumento duro e tenero, che può essere attribuito ad almeno quattro fattori:
    - caratteristiche pedoclimatiche – che incidono sulla variazione della resa delle colture e sui quantitativi di materie prime impiegati;
    - capacità e modalità di affrontare il mercato – che influisce sui prezzi unitari per la vendita della granella e la paglia e sui prezzi per l’acquisto dei fattori produttivi;
    - contributi comunitari e nazionali (nel caso del frumento duro);
    - organizzazione aziendale e capacità di management delle imprese agricole – che incidono sulle spese relative alla manodopera, sui consumi di carburante e, indirettamente, sulla dotazione del parco macchine.

    L’Ismea precisa che i prezzi e la redditività del mercato del frumento duro differiscono da quelli del mercato del frumento tenero. Per questo motivo i due cereali sono stati analizzati separatamente.

    Frumento duro: i costi variabili vanno da un minimo di 434 euro/ha a poco più di 1.000 euro/ha, mentre i costi fissi variano da un minimo di 17 euro/ha (con utilizzo di contoterzisti), a un massimo di 740 euro/ha. I ricavi da produzione principale (esclusi quindi contributi e produzione secondaria) vanno da 660 euro/ha a 1.955 euro/ha, mentre nel caso dei contratti di coltivazione oscillano tra 880 euro/ha a 2.400 euro/ha.

    Frumento tenero: i costi variabili vanno da un minimo di 720 euro/ha un massimo di 1.050 euro/ha, mentre i costi fissi variano da un minimo di 300 euro/ha a un massimo di 728 euro/ha. I ricavi da produzione principale (esclusi contributi e produzione secondaria) oscillano invece tra 960 euro/ha a 1.600 euro/ha.

    Foto: Pixabay

    red. 09-03-2019 Tag: frumentoIsmeamercatocostiricavi
Articoli correlati
  • Consumi domestici, in calo domanda di pesce

    Nel 2018 la spesa delle famiglie italiane per il pesce è rallentata: dopo la crescita registrata nel 2017, gli acquisti di prodotti ittici in Italia hanno subito un calo di quasi il 2%. Lo comunica l’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato...

    16-05-2019
  • Industria alimentare, la crescita del fatturato al Sud supera quella del Nord

    Buoni segnali per l'industria alimentare al Sud. Il fatturato delle imprese del Mezzogiorno è cresciuto di più di quelle del Centro-Nord: +5,4% contro +4,4%. Nonostante gli ostacoli, dal minor grado di innovazione tecnologica alle difficoltà...

    02-05-2019
  • Uova da consumo, produzione italiana pari a quasi 1 miliardo di euro

    Nel 2018 sono stati prodotti in Italia oltre 12,2 miliardi di uova, pari a circa 772 mila tonnellate di prodotto. Lo evidenzia il rapporto: “Il comparto delle uova da consumo 2018” pubblicato dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato...

    29-04-2019
  • Rapporto Qualivita Ismea, il boom della Dop-economy

    Gli ultimi allori sono andati alla Pitina del Friuli-Venezia Giulia, una sorta di polpetta di carne affumicata, al Marrone di Serino della Campania, alla Lucanica di Picerno, specialità gastronomica della Basilicata, e al Cioccolato di Modica, in Sicilia,...

    26-04-2019
  • Consumi alimentari, nel 2018 è boom delle uova

    Più uova, ma anche più carne e salumi, frutta e ortaggi. Stabile il pesce mentre scendono latte e formaggi. Il carrello della spesa cambia la sua composizione nel 2018 e si alleggerisce: a parità di prezzi, rispetto all'anno precedente,...

    15-04-2019