Victam
  • Condivisione dati agricoli, anche Climmar e AnimalhealthEurope aderiscono al Codice di condotta

    Print
    Computer dati pixabay

    A un anno di distanza dalla sua pubblicazione, avvenuta il 23 aprile 2018, l’“EU Code of conduct on agricultural data sharing - il codice di condotta congiunto dell'Unione Europea sulla condivisione dei dati agricoli - ha ricevuto l’appoggio anche del Centre de liaison international des marchands de machines agricoles et des reperateurs (Climmar) e di AnimalhealthEurope. Lo comunica la Fefac (European feed manufacturers' federation), precisando che tutti i firmatari sono convinti della necessità di accrescere la condivisione dei dati nel settore agricolo e dell'importanza di stabilire principi e linee guida trasparenti per sostenere lo sviluppo dell'agricoltura digitale.

    I firmatari del Codice reputano che per trarre pienamente vantaggio dall'agricoltura digitale, i dati debbano essere condivisi da tutti i partner della catena agroalimentare in modo equo e trasparente. Riconoscono, inoltre, la necessità di garantire al creatore dei dati un ruolo guida nel controllo dell'accesso e dell'uso delle informazioni digitali. Ciò significa che i diritti sulle informazioni raccolte nell'azienda agricola o durante le operazioni agricole spettano all'agricoltore e possono essere utilizzati nel modo in cui ritiene più opportuno.

    Il Codice è stato presentato da Copa e Cogeca, Cema, Fertilizers Europe, Ceettar, Ceja, Ecpa, Effab, Fefac ed Esa. Climmar (l’associazione europea dei concessionari di macchine e attrezzature agricole) e AnimalhealthEurope (l’associazione europea dei produttori di farmaci veterinari, vaccini e altri prodotti per la salute animale) hanno deciso di mostrare il loro sostegno al Codice diventando gli ultimi firmatari. “Il Codice di condotta è estremamente importante per i concessionari europei di macchine e attrezzature agricole – spiega Gerard Heerink, rappresentante di Climmar -, perché stimola e sostiene la trasparenza nell'accesso e nell'utilizzo dei dati da parte dei diversi operatori della catena alimentare e agricola e contribuisce, pertanto, allo sviluppo di un'agricoltura sostenibile e intelligente”.

    “La tecnologia attuale e in via di sviluppo ha la potenzialità di migliorare la nostra capacità d’individuare e trattare le malattie animali prima che diventino epidemie e possano costare la vita a migliaia di capi, danneggiando seriamente i mezzi di sostentamento degli agricoltori – aggiunge Roxane Feller, Segretario generale di AnimalhealthEurope -. Rilevare i primi segni della malattia attraverso il monitoraggio continuo del bestiame secondo standard di benessere che prevedono la misurazione dei segni vitali degli animali in modo coerente e oggettivo per tutta la vita, consente d’identificare le prime manifestazioni di cambiamento. Questo a sua volta aiuta a mantenere le fattorie libere dalle malattie e a proteggere l’approvvigionamento alimentare, oltre a massimizzare l'efficienza dei mangimi e di altre risorse”.

    Foto: Pixabay

    redazione 01-05-2019 Tag: agricoltura digitaledati agricoliUnione Europeatrasparenzasalute animale
Articoli correlati
  • Ifif e Oie, insieme per promuovere salute e benessere animale

    La corretta alimentazione è essenziale per promuovere la salute e il benessere degli animali. Lo ha affermato la Federazione internazionale dell'industria mangimistica (Ifif) in occasione dell’87ª Sessione dell’Assemblea generale...

    14-06-2019
  • Oie, al via iniziativa globale per fermare peste suina africana

    Per frenare la diffusione della peste suina africana, l'Organizzazione mondiale della sanità animale (Oie) ha lanciato un'iniziativa globale diretta a rafforzare i controlli, ridurre le perdite economiche per gli allevamenti di maiali ed eradicare la...

    05-06-2019
  • Salmonellosi negli avicoli, al via piano nazionale di controllo

    È stato pubblicato il nuovo “Piano nazionale di controllo delle salmonellosi negli avicoli 2019-21”, che ha precedentemente ricevuto l’approvazione della Commissione Europea. Lo comunica il Ministero della Salute, precisando che il...

    30-05-2019
  • Ricetta veterinaria elettronica, superate 585mila prescrizioni

    A distanza di un mese dall’entrata in vigore delle disposizioni in materia di tracciabilità dei medicinali veterinari, sono state compilate 586.000 ricette elettroniche. Lo comunica il Ministero della Salute, precisando che dall’avvio della...

    26-05-2019
  • Antimicrobico-resistenza, azione immediata delle Nazioni Unite

    L’antimicrobico-resistenza è responsabile di 700mila decessi l’anno e può essere sconfitta solo attraverso un'azione immediata, coordinata e ambiziosa. Lo sostiene il rapporto “No Time to Wait: Securing the future from...

    07-05-2019