Victam
  • Agroalimentare italiano, in aumento valore aggiunto e occupazione

    Print

    Crescono anche le imprese agricole giovanili

    Agricoltura cereali %c2%a9 jpchret   fotolia.com

    Nel 2018 l'agroalimentare italiano ha registrato una crescita del valore aggiunto, dell'occupazione e delle imprese dirette da giovani. Lo evidenzia il rapporto “AgrOsserva - La congiuntura agroalimentare - IV trimestre 2018” pubblicato dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), secondo cui dopo essere stata penalizzata dall'andamento meteorologico nel 2017, lo scorso anno l'agricoltura è tornata a fornire un contributo positivo all'economia nazionale.

    Agricoltura - Dal rapporto emerge che l’incremento del valore aggiunto dell’agricoltura, in termini reali, è stato pari allo 0,9%. L'occupazione del settore è invece cresciuta dello 0,6% rispetto al 2017, come risultato dell’aumento dell'1,6% degli addetti dipendenti e del lieve decremento dei lavoratori indipendenti. Se da un lato il numero delle aziende agricole archiviate nel Registro delle Imprese - pari a circa 750 mila a fine 2018 - ha registrato una leggera flessione, riconducibile al processo di medio-lungo termine di razionalizzazione del settore, dall’altro la percentuale delle imprese agricole giovanili (con responsabile under 35) è aumentata del 4,1%.

    Industria alimentare – Secondo l’Ismea il settore dell'industria alimentare ha mostrato un maggiore dinamismo: l’aumento del valore aggiunto è stato del 2,7%, anche se inferiore a quello del 3,8% registrato nel 2017. L’occupazione del comparto è aumentata del 3,1% nel 2018 - mentre l’anno precedente dell’1,9% -, nonostante il numero delle imprese alimentari sia rimasto sui livelli del 2017, pari a poco meno di 71 mila unità.

    Redditività in agricoltura – Il rapporto stima che i conti delle aziende potrebbero andare incontro a un lieve peggioramento, a causa dell'aumento del 3,2% dei prezzi medi degli input di produzione. Sono previsti rincari soprattutto in relazione ai prodotti energetici, ai mangimi e ai salari, mentre i prezzi corrisposti agli agricoltori dovrebbero restare stabili.

    Export – Nel 2018 gli scambi agroalimentari con l'estero hanno risentito dell'incertezza globale e del rallentamento dell'economia mondiale. Pertanto, dopo l’aumento del 7,4% registrato nel 2017, lo scorso anno le esportazioni italiane di prodotti agroalimentari sono aumentate solo dell'1,2%, a causa della decelerazione della domanda internazionale dei principali partner commerciali. Complessivamente il valore dell’export dei prodotti agroalimentari made in Italy è pari a quasi 41,8 miliardi di euro.

    Consumi domestici – Nel 2018 la spesa delle famiglie italiane per prodotti agroalimentari è aumentata dello 0,3%, mentre nel 2017 era cresciuta del 3,2%. Nel corso dell’anno la spesa è stata trainata dai prodotti a largo consumo confezionati, che hanno registrato un aumento dell’1,9%. Gli acquisti dei prodotti sfusi (pari al 32,1% del valore del carrello) sono invece diminuiti del 3,1%. Secondo l’Ismea, il lieve incremento della spesa sarebbe quindi riconducibile all'aumento dei prezzi medi delle merci.

    Foto: © JPchret - Fotolia

    red. 12-05-2019 Tag: agroalimentareexportagricolturaindustria alimentareconsumi domestici
Articoli correlati
  • Comparto suinicolo europeo: calo domanda estera, rallenta mercato

    Nei primi mesi del 2019 il mercato suinicolo europeo ha risentito del calo delle esportazioni in Cina. Lo evidenzia il rapporto: “Suini: tendenze del settore” pubblicato dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare),...

    16-06-2019
  • Del Bravo (Ismea): “Fare della Pac uno strumento a sostegno delle IG italiane”

    Fabio Del Bravo è responsabile della Direzione Servizi per lo Sviluppo Rurale di Ismea, l’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare che ha redatto, in collaborazione alla Fondazione Qualivita, il rapporto annuale sui valori economici e...

    13-06-2019
  • Ferrari (Federalimentare): “Formazione in azienda strumento chiave per la competitività”

    Con l’investitura di Ivano Vacondio alla presidenza di Federalimentare per il prossimo quadriennio, Silvio Ferrari è stato nominato vice-presidente con delega allo Sviluppo economico, al coordinamento prima trasformazione e alle relazioni sindacali....

    03-06-2019
  • Scoperta genetica potrebbe migliorare qualità mais

    Una scoperta genetica potrebbe migliorare la qualità e la resa del mais. Lo rivela una ricerca pubblicata sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences dagli scienziati della Rutgers University di Piscataway (Usa) e dell’Institute of...

    28-05-2019
  • UE, mercato lattiero-caseario in ripresa

    Nel primo trimestre del 2019 la ripresa della domanda mondiale di commodity ha influenzato positivamente il mercato lattiero-caseario europeo. Lo evidenzia il rapporto “Lattiero caseari: tendenze e dinamiche recenti” pubblicato dall’Ismea...

    24-05-2019