• Salmonellosi negli avicoli, al via piano nazionale di controllo

    Print
    Pollame foto manuel blaich pixabay

    È stato pubblicato il nuovoPiano nazionale di controllo delle salmonellosi negli avicoli 2019-21, che ha precedentemente ricevuto l’approvazione della Commissione Europea. Lo comunica il Ministero della Salute, precisando che il documento è curato dalla Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari, in collaborazione con il Centro di referenza nazionale Salmonellosi (Crns), il Centro di referenza per l’antimicrobicoresistenza (Crn-Ar) ed il Centro di referenza nazionale per l'epidemiologia veterinaria, la programmazione, l'Informazione e l'analisi del rischio (Covepi) dell'IZS Abruzzo e Molise.

    Il piano descrive le specifiche tecniche per i controlli sugli allevamenti degli avicoli, che devono essere effettuati entro il 31 dicembre di ogni anno di validità del Piano. Inoltre, illustra le misure sanitarie da applicare in caso di riscontro di “sierotipi di salmonelle rilevanti” - quelle considerate a livello europeo di maggiore impatto per la salute pubblica. Nello specifico, prevede che ai gruppi risultati positivi siano applicate le seguenti misure sanitarie:
    - macellazione o abbattimento degli animali;
    - pulizia e disinfezione degli ambienti, seguita da test di verifica dell’efficacia dei trattamenti;
    - indagine epidemiologica;
    - revoca della qualifica sanitaria dell’allevamento.

    In alternativa, il documento dispone che i gruppi positivi possano essere destinati direttamente al trattamento termico.
    Infine, il piano introduce nuove misure sanitarie nei confronti dei riproduttori Gallus gallus positivi alla Salmonella Infantis, secondo il Decreto ministeriale 4 febbraio 2013, così come modificato dal decreto del Ministro della Salute 26 novembre 2018 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 12 del 15 gennaio 2019.

    Foto: Manuel Blaich_Pixabay

    red. 30-05-2019 Tag: avicolisalmonellacontrollisalute animaleallevamento
Articoli correlati
  • Uova, come aumentare la presenza di vitamina D

    Esporre il pollame alla luce UV per 6 ore al giorno potrebbe accrescere la presenza di vitamina D nelle uova di 3-4 volte. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Poultry Science dai ricercatori della Martin Luther University Halle-Wittenberg di Halle...

    11-07-2019
  • Sanità animale, IZS di Palermo nominato Centro di coordinamento scientifico Remesa

    La sede di Palermo dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia è stata scelta come Centro di coordinamento scientifico e tecnico del Remesa (Réseau Méditerranéen de Santé Animale). Lo comunica il Ministero...

    09-07-2019
  • Estate, vietato trasporto animali sopra i 30°C

    Se la temperatura supera i 30°C, il trasporto di animali vivi è vietato. Lo comunica il Ministero della Salute precisando che, per garantire il benessere del bestiame, durante l’estate occorre programmare in modo adeguato la movimentazione dei...

    07-07-2019
  • Trasporto animali d’allevamento, nuove app per compilare online modello 4

    L’utilizzo di nuove applicazioni per tablet e smartphone consentirà di semplificare le procedure di compilazione del modulo obbligatorio per la movimentazione degli animali d’allevamento. Le app, volute dal Ministero della Salute e realizzate...

    29-06-2019
  • Ifif e Oie, insieme per promuovere salute e benessere animale

    La corretta alimentazione è essenziale per promuovere la salute e il benessere degli animali. Lo ha affermato la Federazione internazionale dell'industria mangimistica (Ifif) in occasione dell’87ª Sessione dell’Assemblea generale...

    14-06-2019