• Usa, aumentano coltivazioni di mais. In calo quelle di soia e grano

    Print

    In crescita scorte di soia, diminuiscono riserve di mais e frumento

    Agricoltura  trattore  campo %c2%a9 chukov   fotolia.com

    Nel 2019 i terreni destinati alla coltivazione del mais negli Usa dovrebbero aumentare del 2,9% rispetto al 2018, fino a raggiungere la superficie di 91.700.000 di acri. Lo evidenzia il rapporto “Acreage” pubblicato lo scorso 28 giugno dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui l'area dedicata alla semina della soia dovrebbe invece fermarsi a 80.040.000 di acri, registrando un calo del 10% rispetto al 2018. Si tratta del valore più basso rilevato dal 2013. Dovrebbe diminuire anche la superficie destinata alla coltivazione del grano, che nel 2019 dovrebbe attestarsi intorno ai 45.909.000 di acri, il 4,6% in meno rispetto all’anno precedente e il valore più basso registrato dal 1919.

    L'Usda stima che l’area coltivata con il grano invernale dovrebbe raggiungere i 31.778.000 acri, riportando un calo del 2% rispetto al 2018 (compreso il frumento invernale rosso duro, pari a 22.7 milioni di acri, e il grano rosso tenero, pari a 5.54 milioni di acri). Il grano duro dovrebbe fermarsi a 1.401.000 di acri, una superficie inferiore del 32% rispetto all’anno precedente, mentre l’altro grano primaverile dovrebbe attestarsi intorno a 12.430.000 di acri, registrando un calo del 6% rispetto al 2018 (compresa il frumento primavera rosso duro, pari a 12 milioni di acri).

    Dal rapporto “Grain Stocks”, pubblicato dall’Usda il 28 giugno, emerge che nel 2019 le scorte di tutto il grano dovrebbero essere pari a 1.072 miliardi di bushel, il 2,5% in meno rispetto all’anno precedente. Nel dettaglio, 207 milioni di bushel sarebbero detenute nelle aziende agricole o “on farm” (il 58% in più rispetto allo scorso anno), mentre 865 milioni di bushel fuori dalle aziende o “off farm” (l’11% in meno rispetto al 2018). Le scorte di grano duro dovrebbero toccare i 55,2 milioni di bushel, riportando un incremento del 58% rispetto al precedente anno.

    Le riserve di mais dovrebbero diminuire dell'1,9% rispetto al mese di giugno 2018, fermandosi a 5.202 miliardi di bushel. In particolare, 2.950 miliardi di bushel sarebbero conservati nelle aziende agricole (il 7% in più rispetto allo scorso anno), mentre 2.253 miliardi di bushel “off farm” (il 12% in meno rispetto al 2018).

    In crescita le scorte di soia, che dovrebbero toccare i 1.790 miliardi di bushel e registrare un incremento del 47% rispetto all’anno precedente. In questo caso le riserve “on farm” dovrebbero raggiungere i 730 milioni di bushel (il 94% in più rispetto all’anno scorso), mentre quelle “off farm” dovrebbero raggiungere 1.060 milioni di bushel (riportando un aumento del 26% rispetto al 2018).

    Foto: © chukov - Fotolia

    redazione 10-07-2019 Tag: maissoiagranoUSDAcoltivazioniscorte
Articoli correlati
  • Produzione cereali, Usda prevede un aumento del loro utilizzo nel 2019/2020

    Per il 2019/2020 il Dipartimento di Agricoltura degli Stati Uniti ha previsto un aumento dell’utilizzo delle materie prime agricole a 376,9 milioni di tonnellate. Nel suo ultimo report l’amministrazione ha fatto il punto dell’utilizzo, del...

    30-07-2019
  • Fefac sostiene l’impegno della Commissione Ue sulla deforestazione

    I produttori mangimi, cereali e semi, alimenti proteici e oli vegetali in difesa delle foreste. Fefac, la Federazione europea dei Produttori di mangimi, Coceral, l’Associazione europea dei Produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d’oliva e oli,...

    29-07-2019
  • Come gestire una stalla da 20.000 Kg?

    Quando pensiamo al futuro della zootecnia da latte, immaginiamo stalle con performance medie per vacca ben lontane da quelle, pur ragguardevoli, ottenute attualmente. La media delle venti stalle più produttive d’Italia del 2018 è stata di...

    29-07-2019
  • Rete Qualità Mais: micotossine in mais nella campagna 2018

    Il mais è una coltura chiave per il sistema agroalimentare italiano; è elemento portante per l’alimentazione del patrimonio zootecnico, essenziale per quasi tutte le produzioni DOP, simboli del made in Italy alimentare nel mondo. Nonostante...

    26-07-2019
  • Stati Uniti, la maturazione del mais è rallentata

    L’ultimo report del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti dello scorso 8 luglio ha aggiornato le fasi di sviluppo delle colture foraggere. Se la semina del mais è terminata, la coltura subisce ancora gli effetti di una stagione...

    17-07-2019