• Stati Uniti, la maturazione del mais è rallentata

    Print
    Agricoltura mais pixabay

    L’ultimo report del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti dello scorso 8 luglio ha aggiornato le fasi di sviluppo delle colture foraggere. Se la semina del mais è terminata, la coltura subisce ancora gli effetti di una stagione rallentata e la sua maturazione è nel solco di quella degli  anni precedenti. Per la soia la fase di semina sta per essere ultimata. In calo rispetto allo scorso anno la raccolta del grano invernale.

    Mais

    Al 7 luglio scorso circa il 98% della coltura ha germogliato e ha cominciato ad assistere alla formazione della seta di mais. Circa l’8% ha raggiunto questo stadio di sviluppo, inferiore al 34% dello scorso anno. Sei dei 18 Stati maggiori produttori devono ancora assistere all’ingresso in questa fase. Le valutazioni del mais sono leggermente migliorate rispetto alla settimana scorsa tuttavia solo il 57% circa della coltura ha guadaganto un rating da buono a eccellente, in calo dal 75% dello scorso anno.

    Grano

    Poco meno della metà del grano invernale è stato raccolto (l’anno scorso era circa il 61%) mentre circa il 56% di quello primaverile ha raggiunto la fase della levata (78% lo scorso anno). Per il grano primaverile le condizioni sono grosso modo in linea con quelle del 2018 mentre (78% vs 80%) mentre il grano invernale ha ricevuto un rating migliore: il 64% della coltura ha ottenuto il punteggio migliore (il 37% lo scorso anno).

    Soia

    La fase della semina è quasi completa per i 18 Stati responsabili della quota maggiore della produzione di soia. Circa il 96% della coltura è stata seminata. Circa il 90% degli acri seminati ha invece germogliato ma l’anno scorso, in questo stesso periodo, la coltura era emersa del tutto. In alcuni Stati la soina è entrata nella fase successiva dello sviluppo, con circa il 10% delle piantagioni che hanno cominciato la fioritura. Le valutazioni sulle condizioni della coltura si sono ridotte leggermente con circa il 53% della soia che ha ricevuto un rating da buono a eccellente rispetto al 71% di dodici mesi fa.

    Orzo e sorgo

    Anche la semina del sorgo è in dirittura d’arrivo (97%) mentre il processo di maturazione è simile a quello del 2018. Indietro rispetto all’anno passato è invece l’orzo: oltre la metà è in fase di levata mentre l’anno scorso era il 74%.

     

    Foto: Pixabay

    redazione 17-07-2019 Tag: USDAstati unitisoiamaisgranoorzo
Articoli correlati
  • Produzione cereali, Usda prevede un aumento del loro utilizzo nel 2019/2020

    Per il 2019/2020 il Dipartimento di Agricoltura degli Stati Uniti ha previsto un aumento dell’utilizzo delle materie prime agricole a 376,9 milioni di tonnellate. Nel suo ultimo report l’amministrazione ha fatto il punto dell’utilizzo, del...

    30-07-2019
  • Fefac sostiene l’impegno della Commissione Ue sulla deforestazione

    I produttori mangimi, cereali e semi, alimenti proteici e oli vegetali in difesa delle foreste. Fefac, la Federazione europea dei Produttori di mangimi, Coceral, l’Associazione europea dei Produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d’oliva e oli,...

    29-07-2019
  • Come gestire una stalla da 20.000 Kg?

    Quando pensiamo al futuro della zootecnia da latte, immaginiamo stalle con performance medie per vacca ben lontane da quelle, pur ragguardevoli, ottenute attualmente. La media delle venti stalle più produttive d’Italia del 2018 è stata di...

    29-07-2019
  • Rete Qualità Mais: micotossine in mais nella campagna 2018

    Il mais è una coltura chiave per il sistema agroalimentare italiano; è elemento portante per l’alimentazione del patrimonio zootecnico, essenziale per quasi tutte le produzioni DOP, simboli del made in Italy alimentare nel mondo. Nonostante...

    26-07-2019
  • Ricerca, combinazione di ginseng e sorgo rende più efficiente alimentazione avicola

    L’aggiunta del ginseng brasiliano nei mangimi a base di sorgo potrebbe rendere più efficienti gli alimenti per pollame e prolungare il periodo di conservazione delle uova. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Livestock Science dagli...

    16-07-2019