• Mangimi, nel 2019 produzione e fatturato in crescita. Migliora il saldo con l’estero

    Print
    Assalzoo logo

    Proprio nei mesi in cui il lockdown metteva a dura prova l’economia nazionale, la filiera maidicola compiva un generoso scatto in avanti con la firma dell’Accordo quadro. Promosso da Assalzoo, e sottoscritto da altre nove Associazioni del settore, l’intesa per una maiscoltura italiana più solida è ora un possibile punto di ripartenza per tutto l’agroalimentare, un modello da replicare anche in altri comparti per il futuro del settore primario e dell’industria di trasformazione. L’idea di un patto di filiera è stata rilanciata dal presidente di Assalzoo, Marcello Veronesi, nel suo intervento all’ultima assemblea dell’associazione lo scorso 24 giugno a Roma. La mangimistica italiana vuol farsi portavoce di una maggiore integrazione fra tutti gli anelli della catena di valore. E lo fa da una posizione di forza, reduce, ancora una volta, da un’annata positiva in termini di performance di settore.

    In ripresa il settore avicolo, stabile quello dei suini

    Nel 2019 l’industria mangimistica italiana ha fatto segnare un aumento della produzione dell’1,3% portando così la quota dell’output oltre i 14,6 milioni di tonnellate. Il suo fatturato è salito del 2,2% a 7,575 miliardi di euro. Le voci che lo compongono sono tutte in aumento rispetto al 2018: il fatturato dei mangimi composti è aumentato dell’1,3% (da 5,07 a 5,13 miliardi di euro), quello delle premiscele dello 0,8% (da 828 a 835 milioni di euro) e quello del pet food del 2,2% da 1,57 a 1,6 miliardi di euro.

    Tra i diversi settori di allevamento è risultata in crescita la produzione di mangimi destinata ai volatili, ai bovini e ai suini, che raccolgono circa il 90% delle forniture totali dell’industria mangimistica. In particolare i mangimi destinati all’avicoltura sono aumentati dell’1,8%, colmando così la flessione dell’anno precedente. A polli, tacchini, galline ovaiole e altri volatili sono stati forniti 5.975.000 tonnellate di mangimi. Proprio le galline ovaiole e i tacchini hanno fatto segnare i maggiori incrementi di prodotto (rispettivamente +2,7% e +2%). Per la suinicoltura non ci sono state grosse variazioni (+0,4% da 3.731.000 a 3.745.000 t) mentre il comparto dei bovini ha fatto segnare una crescita più rilevante. L’incremento è stato del 2% (da 3.399.000 a 3.467.000 t), con numeri particolarmente positivi per le vacche da latte (+2,4%) ma anche per i bovini da carne (+1,5%).

    Tra le altre specie sono gli ovini a far segnare un importante rialzo, di ben il 4,4%, mentre, dopo anni di crescita, diminuisce uno dei settori più dinamici ovvero l’acquacoltura. Il calo dell’output per gli allevamenti ittici è stato del 7,2%, dato che fa il paio con un altro tracollo, quello degli equini, a -7,6%. Poco meno dell’1% la crescita della produzione del pet food.

    Anche gli altri indicatori economici illustrati in assemblea restituiscono le buone condizioni del settore. In particolare il livello degli investimenti fissi lordi, che hanno visto un aumento del 4,7% portando il capitale investito da 105 a 110 milioni di euro. Inoltre nel 2019 l’industria mangimistica è riuscita ad alleggerire la sua bilancia commerciale di oltre 40 milioni di € (taglio del 35,3%) grazie all’aumento dell’export del 4,1% (da 725 a 755 milioni di €) e un calo dell’1,4% dell’import (da 841 a 830 milioni di euro). Il saldo commerciale, pur negativo, è sceso così a -75 milioni di euro. 

    Integrazione e sostenibilità

    Con questi numeri l’industria mangimistica ha saputo affrontare la grave crisi che è piombata inattesa su tutta l’economia nazionale. Pur non essendo tra le più penalizzate, la filiera agroalimentare – alla quale inevitabilmente è stato riconosciuto il carattere di essenzialità dal Governo – ha comunque dovuto risolvere alcune criticità. Proprio nel contesto della crisi CoVid-19 si sono rese evidenti le problematicità storiche della filiera, a cominciare dall’approvvigionamento delle materie prime e dalla dipendenza dall’estero. L’auspicio è che l’integrazione della filiera possa rappresentare un argine a questa necessità, come suggerisce lo spirito dell’Accordo quadro sul mais da granella di filiera italiana certificata. Dieci associazioni si sono strette intorno a un’intesa per rilanciare la produzione di mais che risulta proprio tra le materie prime agricole più importate in Italia. Quella dell’alleanza lungo la filiera è una delle maggiori sfide che attende il settore nei prossimi anni. Assalzoo ne è consapevole e ha già intensificato il dialogo con i rappresentanti di altri settori come quello suinicolo e lattiero-caseario. Il patto di filiera, individuato come strumento chiave per il futuro dell’agroalimentare, deve però coinvolgere l’intero settore.

    Oltre a diventare più integrata la filiera deve diventare anche più sostenibile. È questa la seconda sfida che attende l’agroalimentare, questa volta, non solo italiano ma europeo. Perché l’Ue sta lavorando al Patto per il clima che vede nella strategia Farm to Fork un suo asse portante. La strategia punta proprio a creare un sistema alimentare sostenibile, con un’impronta ambientale quanto più possibile contenuta. E la mangimistica italiana può farsi promotrice di questa transizione green valorizzando il contributo che da decenni dà alla tutela dell’ambiente. L’industria degli alimenti per animali è infatti un esempio virtuoso di economia circolare grazie al riutilizzo dei co-prodotti dell’industria alimentare non più riservati al consumo umano.

     

     

     

    PRINCIPALI INDICATORI ECONOMICI DELL’INDUSTRIA ITALIANA DI ALIMENTI COMPOSTI

    (valori in euro correnti negli anni considerati)

     

     

     

    Variabili

     

    Unità di misura

     

    2018

     

     

    2019

    (stime)

     

    Produzione

     

     

     

     000 di tonn.

     14.475

     14.659

    Fatturato totale

    di cui:

     

    Mld di €uro

    7,410

    7,575

    -          Mangimi

    Mld di €uro

     5.070

     5.135

    -          Premiscele

    Mld di €uro

       828

      

     835

     

    -          Pet-food

    Mld di €uro

     1.571  1.605

    Prezzi alla produzione

     var %

    + 2,1

    +0,7%

    Costo del lavoro

     var %

    + 1,1%

       +1,2%

    Investimenti fissi lordi

    Mio di €uro

    105

       110

    Utilizzo impianti

    in %

     

     

    65%

     

     

      65%

    Occupati

    unità

     8.000  8.000

    Commercio estero:

     

     

     

    -          Esportazioni

    Mio di €uro

    725

    755

    -          Importazioni

    Mio di €uro

    841

    830

    -          Saldo commerciale

    Mio di €uro

    -116

    - 75

    Fonte:Assalzoo

     

     

     

     

     

    PRODUZIONE DI MANGIMI COMPOSTI - 2019

     

                                                                    (Quantità in migliaia di tonnellate)

     

     

    MANGIMI

     

     

    Anno

    2018

     

    Anno

    2019

     

    % sul

    Totale

     

     var %

    2019/2018

     

     

    PRODUZIONE TOTALE

     

    di cui:

     

     

     

        14.475

     

     

        14.659

     

     

       100,0

     

     

                +1,3

     VOLATILI                                                        5.870                  5.975                  40,8                +1,8

    di cui

    - polli da carne                                                   2.940                   2.976                 20,3                 +1,2

    - tacchini                                                            914                      932                    6,4                   +2,0

    - galline ovaiole                                                   1.959                  2.011                 13,7                  +2,7

    - altri volatili                                                        57                       56                     0,4                   -1,8

     

     SUINI                                                                 3.731                  3.745                 25,5                 +0,4 

     

    BOVINI                                                               3.399                   3.467                 23,7                 +2 

    di cui 

    - vacche da latte                                                  2.480                    2.540                17,3                 +2,4

    - bovini da carne                                                  786                        798                  5,4                  +1,5

    - bufali                                                                133                        129                  0,9                   -3,0

     

    ALTRI                                                                   985                      977                 6,7                    -0,8

    di cui

    - conigli                                                               377                       364                   2,5                   -3,4

    - ovini                                                                   250                       261                 1,8                   +4,4

    - equini                                                                 79                          75                  0,5                   -7,6

    - pesci                                                                  151                       140                  1,0                    -7,2

    - altri animali                                                         128                       139                 0,9                    +8,5

     

    PET FOOD                                                                490                     494                 3,4                   +0,8

      

     

     

                             (Fonte: Assalzoo)

     

     

     

     

     

     

    Salvatore Patriarca 03-09-2020 Tag: assalzooassemblea annualemangimiproduzionefatturatoavicolturabovinisuiniFarm to fork
Articoli correlati