Victam
  • Il trend dei principali allevamenti italiani nel 2012

    Print

    La crisi richiede misure urgenti e strutturali

    Mucche

    La crisi che attanaglia da anni il settore zootecnico, che rischia di essere ulteriormente accresciuta, oltre che dal divario sempre più crescente tra costi, prezzi e redditività delle relative produzioni, anche  dalle recenti vicende sulla carne equina, richiede decisioni urgenti, concrete e strutturali, che siano in grado di incentivare e valorizzare le produzioni nazionali, garantendo contemporaneamente il miglioramento dell’offerta, competitività, salvaguardia del reddito dei produttori zootecnici, nonché la stabilità dei mercati.

    Ciò richiede la disponibilità, l’interpretazione e l’analisi di informazioni costanti e statisticamente coerenti sui vari comparti componenti le statistiche sugli allevamenti, a partire dall’offerta nazionale rappresentata dai patrimoni nazionali delle principali specie di animali allevati. A tal fine, le indagini annuali e semestrali sui patrimoni bovino e bufalino, suino, ovino e caprino e equino effettuate dall’Istat1 consentono di monitorare periodicamente, unitamente a quelle su macellazioni ed scambi con l’estero,  le dinamiche dell’offerta di carni.


     
    Il patrimonio bovino e bufalino 
    L’Istat certifica che al 1° dicembre 2012 in Italia il patrimonio italiano di bovini ha confermato ancora una volta il trend regressivo che lo caratterizza da oltre un decennio, attestandosi a  poco più di 5,7 milioni di capi, con una flessione del 2,6% rispetto al 2011 ed annullando il lieve incremento (+1,1%) rispetto a quanto stimato alla stessa data dell'anno precedente, mantenendosi, così al di sotto della soglia dei 6 milioni di capi rilevata anche con il Censimento agricolo 2010. L'andamento temporale del patrimonio in questione mostra una pressoché costante decrescita  dei capi allevati nel periodo 2002 - 2011, ad eccezione di due soli incrementi nel 2007 (+2,7%) e nel già citato 2011).

     

    Nel dettaglio,  il su citato  decremento complessivo è il risultato di flessioni per le due macrocategorie di  bovini fino a 2 anni solo in parte attenuate dall'aumento dei bovini di 2 anni e più. I bovini di età inferiore a 1 anno, con 1.523.000 capi registra una diminuzione marcata del 14,6% rispetto al 2011 e di 3,7 punti percentuali in ordine di importanza nel  patrimonio bovino nazionale del 2012 (dal 30,2% al  26,5%). L'andamento negativo interessa in particolare i vitelli non destinati al macello (-15,1%) maggiormente ascrivibile ai maschi, diminuiti di 192.000 capi (da 460.000 a 355.000 capi). Molto più contenuta la flessione per i bovini da 1 a meno di 2 anni complessivamente (-2,1%) con diminuzioni per i maschi (-9,5%) e per le femmine da macello (-20,6%). controbilanciate dall'incremento per le femmine da allevamento (+11,5). Al contrario, all'interno dei bovini di 2 anni e più, aumentati complessivamente di 134.000 capi (+4,9%) soltanto le femmine (manze e giovenche) - da macello e le altre vacche (da carne e/o lavoro) calano lievemente rispettivamente del -24,7% e -2,3%. In analogia alla dinamica degli allevamenti bovini,  dopo il calo registrato nel 2011, continua a decrescere, anche se in misura lieve, il patrimonio bufalino (-1,4%), totalmente ascrivibile al diminuito numero di bufale ( -10,2%), controbilanciato dall’aumento registrato dagli altri bufalini (+16,1%)


    Il patrimonio suino
    Dopo due anni di dinamiche positive, nel 2012 il patrimonio suinicolo italiano ha subito una marcata flessione del 7,4% sul 2011, calando da 9,4 a  8,7 milioni di capi. Il decremento è per lo più imputabile alle flessioni di lattonzoli (suini di peso inferiore a 20 kg) attestatisi a 1,4 milioni di capi (-19,5%) e suini da kg 20 a kg 50 (1,5 milioni di capi, pari al - 17,8%). Da evidenziare, per le evidenti ricadute sulla situazione del 2013 è il sensibile decremento registrato per le scrofe, che attestatesi a 621.000 capi hanno registrato una diminuzione complessiva del 12,4%) Il patrimonio ovino e caprino 
    Dopo il lieve incremento registrato nel 2011 (+0,8%), il patrimonio ovino riprende la dinamica regressiva del periodo 2007-2010, con una flessione complessiva piuttosto marcata di 947.000 capi (-11,9%), di cui 826.000  capi ascrivibili alle pecore, calate da 7.123.000 a 6.297.000 capi. Analogo andamento per gli allevamenti caprini, che, attestatisi a 892.000 capi, subiscono un calo del 7,1%, proseguendo anche nel 2012 la dinamica regressiva già registrata nel 2011 (-2,3%).

     

    Il patrimonio equino    

    Andamento ulteriormente positivo per la consistenza nazionale di equini nel 2012 che attestandosi  a 456.000 capi si attribuisce un significativo aumento complessivo di 32.000 capi (+7,5%), che ha interessato  soprattutto i cavalli (87% dell’intero patrimonio equino), aumentati  di altri 23.000 capi (+6,2%), seguiti  da altri 10.000 capi di incremento per la categoria degli asini, mentre gli “altri equini” mostrano una lieve flessione di appena 1.000 capi.

     

    Bruno Massoli - Aspa 08-07-2013 Tag: mercatoboviniequiniovinizootecniaindustriaeconomia
Articoli correlati
  • Mangimi: bovini e suini i settori in maggiore crescita in Italia

    In aumento nel 2018 la produzione di mangimi dell’1,7%. Tengono gli alimenti per volatili. Crescono di oltre centomila tonnellate i mangimi per l’alimentazione dei suini. Ancor più marcato, fino al 4,6%, il progresso produttivo del settore...

    23-06-2019
  • Comparto suinicolo europeo: calo domanda estera, rallenta mercato

    Nei primi mesi del 2019 il mercato suinicolo europeo ha risentito del calo delle esportazioni in Cina. Lo evidenzia il rapporto: “Suini: tendenze del settore” pubblicato dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare),...

    16-06-2019
  • Il ruolo della genomica nella zootecnia del futuro

    La genomica potrebbe svolgere un ruolo fondamentale per lo sviluppo della zootecnia in futuro, aiutando a soddisfare il fabbisogno alimentare di una popolazione globale in continua crescita e, nel contempo, a migliorare il benessere del bestiame. Lo affermano...

    11-06-2019
  • Mangimi, Fefac: previsioni per un 2019 in leggera flessione

    Stime con un minimo segno meno per la produzione di mangimi nel 2019. Per Fefac, la Federazione dei produttori europei di mangimi, rispetto al 2018 è prevista una flessione della produzione generale dello 0,5%. Tra i diversi settori in controtendenza...

    20-05-2019
  • Giornata del mais 2019, trinciati e tavolo tecnico permanente al centro dei lavori

    Il 25 gennaio 2019 si è svolta la Giornata del mais, organizzata a Bergamo dal CREA Centro di ricerca Cerealicoltura e Colture Industriali. Il convegno ha visto un’ampia partecipazione da parte di esperti e operatori della filiera a dimostrazione...

    19-05-2019