• Scorte di carne, gli Stati Uniti rivedono le stime per il 2013

    Print

    Registrato un calo nella produzione

    Carne

    Il governo statunitense ha dovuto rivedere le proprie stime sulle scorte di carne bovina, di maiale e di tacchino alla fine del 2013 a causa della riduzione della produzione registrata a partire dallo scorso mese. In particolare, la produzione di carne bovina è diminuita perché la macellazione di manzi e vitelle nel secondo trimestre dell'anno è stata ridotta rispetto a quanto atteso. Le stime prevedono anche una riduzione della macellazione dei suini nel quarto trimestre dell'anno. Per quanto riguarda, invece, il tacchino, le stime al ribasso dipendono da una riduzione della produzione nella seconda metà dell'anno, mentre le previsioni sulla produzione dei polli restano invariate e la produzione di uova è aumentata. Sulla base della produzione di maiale è possibile stimare che nel 2014 le scorte di carne rossa e pollame saranno superiori.

     

    I valori relativi all'esportazione di carne bovina e di maiale per il 2013 e il 2014 restano invariati, mentre le stime del prezzo delle scorte di mandrie nel 2013 sono diminuite a causa della recente flessione nei prezzi e anche le previsioni dei prezzi per la prima metà del 2014 saranno più basse. I prezzi dei maiali aumenteranno, ma in modo contenuto, a causa dell'elevata produzione. La forte domanda di polli fa invece prevedere un aumento del loro prezzo, così come sta avvenendo nel 2013 per le uova. Infine, per il 2013 i prezzi del tacchino sono diminuiti leggermente, mentre le previsioni per il 2014 restano invariate.

    s.s. 22-07-2013 Tag: carnescorteprevisionistati uniti
Articoli correlati
  • Spesa alimentare, in aumento nel primo semestre 2018

    Nel primo semestre del 2018 la spesa per consumi alimentari in Italia è cresciuta dell'1% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Lo rivela il rapporto “I consumi domestici delle famiglie italiane” pubblicato da Ismea (Istituto di...

    13-10-2018
  • Commodities alimentari, a settembre quotazioni in calo

    A settembre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti, soprattutto a causa dell’aumento delle scorte dei cereali di base. Ma sono diminuiti anche i listini dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Lo comunica l’Organizzazione...

    12-10-2018
  • Il comparto carni in Italia: bilancio del 1° quadrimestre 2018

    La recente disponibilità da parte dell'Istat dei risultati riferiti al 1° quadrimestre 2018 sulle macellazioni a carni bianche e rosse, nonché sul commercio estero di carni e animali vivi, consente di tracciare un primo bilancio parziale e...

    06-10-2018
  • Fao, produzione cereali in calo nel 2018

    Nel 2018 la produzione mondiale di cereali dovrebbe raggiungere i 2.587 milioni di tonnellate. Questo valore, leggermente superiore rispetto alle previsioni di luglio, è il più basso registrato negli ultimi tre anni e risulta inferiore del 2,4%...

    28-09-2018
  • Materie prime alimentari, prezzi stabili in agosto

    Nel mese di agosto i prezzi delle materie prime alimentari sono rimasti stabili: l’aumento dei listini dei cereali è stato compensato dal calo delle quotazioni di prodotti lattiero-caseari, oli vegetali e zuccheri. Lo comunica l’Organizzazione...

    14-09-2018