Ricerca

cuore

Obesità, il segreto per proteggere il cuore è custodito dagli orsi

cuore

Il segreto per combattere le complicazioni associate l'obesità potrebbe essere custodito dagli orsi e i ricercatori del colosso farmaceutico Amgen sperano di svelarlo al più presto. Gli scienziati, guidati da Kevin Corbit, stanno infatti conducendo degli studi sui meccanismi che proteggono la salute cardiovascolare dagli effetti del grave sovrappeso utilizzando come modello i grizzly anziché i topi geneticamente modificati usati in molti altri laboratori.

La scelta, che a un primo impatto potrebbe sembrare bizzarra, ha in realtà un serio fondamento scientifico. Infatti prima del letargo questi animali possono arrivare a consumare 58 mila calorie al giorno. L'aumento di peso non è solo inevitabile, ma anche di proporzioni mastodontiche, tanto che prima di “addormentarsi” un grizzly ingrassa di circa 50 chili. Ciononostante, il suo cuore e le sue arterie non risentono degli stessi effetti negativi che l'obesità ha sull'apparato cardiovascolare umano. In particolare, l'aumento di peso non porta alla formazione di placche aterosclerotiche, non aumenta il rischio di infarto e non fa diventare gli orsi diabetici.

Per scoprire i meccanismi alla base di questo fenomeno Corbit e colleghi hanno già condotto le prime analisi sul sangue degli animali, sul loro tessuto adiposo e dell'attività del loro cuore. I primi dati ottenuti hanno svelato che gli orsi sono in grado di variare la loro sensibilità all'azione dell'insulina, l'ormone che controlla quanti dei grassi e degli zuccheri presenti nel cibo vengono utilizzati o accumulati nel tessuto adiposo. Nel periodo in cui ingrassano in previsione del letargo i grizzly sono più sensibili all'insulina, mentre nel momento del letargo questa sensibilità viene completamente azzerata. Il prossimo obiettivo di Corbit è scoprire i dettagli molecolari di questo processo, possibilmente aiutandosi con i dati ottenuti dal sequenziamento del genoma dell'orso. L'obiettivo finale resta però identificare nuovi trattamenti contro i danni dell'obesità.

20 dicembre 2013
TAG
cuore - insulina - orsi - salute cardiovascolare - obesità

Articoli correlati